Tunnel di Ossa

.: SINOSSI :.

Cass è nei guai. Ancora più del solito. Insieme a Jacob, il suo migliore amico fantasma, Cass si trova a Parigi, dove i suoi genitori stanno girando il loro programma televisivo sulle città più infestate del mondo. Certo, mangiare croissant e visitare la Tour Eiffel è un vero spasso, ma sotto Parigi, nelle raccapriccianti Catacombe, c’è in agguato un pericolo spettrale. Quando Cass risveglia un poltergeist terribilmente potente, deve affidarsi alle sue abilità di cacciatrice di spettri, ancora tutte da dimostrare, e chiedere l’aiuto di amici vecchi e nuovi per svelare un mistero. Se fallirà, le forze che ha ridestato potrebbero rimanere a infestare la città per sempre. L’autrice Victoria Schwab torna al mondo di “Città di spettri”, regalandoci nuove avventure e una lezione sull’amicizia (perché, a volte, anche i migliori amici fantasma hanno segreti…).

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Rispetto al primo volume della saga, ovvero Città di Spettri, Tunnel di Ossa è un po’ sottotono. La trama è pressoché la stessa: la ragazzina, assieme ai genitori e all’amico fantasma, arriva in una nuova città infestata da un pericoloso fantasma. Anche in questo caso ci sono alcune comparse, ovvero i membri della troupe, e anche in questo caso compare una seconda ragazzina che aiuterà la nostra giovane protagonista nella sua attività di cacciatrice di fantasmi. Di base, niente di nuovo.

E’ chiaro, a mio avviso, che questo sia un volume di passaggio. Durante la lettura non ho percepito come importanti i fatti che l’aurice descriveva tra queste pagine, quanto piuttosto gli indizi lasciati qua e là per permettere al lettore di incuriosirsi riguardo la storia di Jacob, l’amico fantasma di Cassidy Blake.
Da una parte, quindi, la leggera monotonia della trama è giustificata, dall’altra non toglie il fatto che, rispetto al primo volume, il libro sia noiosetto e non abbia effettivamente molto da dire.

Lo stile è sempre molto semplice, adatto sia alla storia raccontata sia al pubblico di riferimento: non ci sono grandi descrizioni tuttavia i luoghi sono ben delineati e si riesce a seguire la storia piuttosto bene. Il romanzo è comunque molto scorrevole e piacevole e tiene ottima compagnia in un paio di pomeriggi autunnali in cui ci si vuole riposare per bene, magari sotto una copertina e con una tazza di te caldo tra le mani!
Sono curiosa di sapere come sarà il terzo volume: spero che gli indizi lasciati dall’autrice non cadano nel vuoto e siano utili per costruire una trama più originale in cui l’amicizia e la volontà di difendere le persone care prendano davvero il sopravvento.
Fino ad allora, posso solo giudicare questo volume. A mio avviso è nella media: né brutto né bello. Direi sufficiente, dunque il mio voto è 6.5/10, nella speranza che il terzo della saga mi riporti all’entusiasmo che avevo provato con il primo!

*Volpe

Pubblicità

Città di Spettri

.: SINOSSI :.

Da quando Cass è quasi annegata (sì, va bene, è veramente annegata, ma non le piace ripensarci), è in grado di attraversare il Velo che separa i vivi dai morti… e accedere al mondo degli spiriti. Persino il suo migliore amico è un fantasma. Insomma, la faccenda è già piuttosto strana. Ma sta per farsi ancora più strana. Quando i suoi genitori vengono ingaggiati per girare un programma televisivo dedicato alle città infestate, tutta la famiglia si trasferisce a Edimburgo, in Scozia. Dove cimiteri, castelli e vicoli sotterranei pullulano di fantasmi irrequieti. E quando Cass incontra un’altra ragazza che condivide il suo stesso “dono”, si accorge di avere ancora molto da imparare sul Velo, e su se stessa.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Città di Spettri, primo volume di una trilogia, racconta delle avventure scozzesi di Cassidy Blake una tredicenne che da quando è quasi morta può vedere i fantasmi e attraversare a suo piacimento la soglia che separa il mondo dei vivi da quello dei morti.
Il libro, un volume molto piccolo che supera le trecento pagine soltanto grazie al formato scelto dalla casa editrice, si lascia leggere e alla fine risulta essere una lettura davvero piacevole. Si tratta di una storia dalle sfumature gotiche e horror ma per ragazzi: questo significa che, anche nei momenti più cupi, il libro non fa assolutamente paura e anzi risulta una lettura piuttosto leggera.

La scritturati Schwab è adatta al pubblico di riferimento: il libro è facile da capire e dinamico tanto che volendo lo si può terminare anche in una sola seduta rendendolo adatto a quei pomeriggi autunnali in cui si ha voglia di una seduta di lettura intensiva e coinvolgente.
I personaggi sono caratterizzati abbastanza bene anche se tutti tendono a scivolare verso un archetipo preciso: Cassidy è il tipico eroe, Jacob la spalla comica, Lara il mentore; e così via. Si tratta comunque di una tendenza non invasiva e non eccessivamente stereotipata che, anzi, aiuta a fissare i personaggi nella memoria del lettore.
Le descrizioni dei luoghi sono abbastanza buone: ho visitato personalmente Edimburgo molti anni fa e, in certi momenti, era un po’ come essere di nuovo lì. Sono comunque scritte in maniera molto semplice, non eccessivamente caratterizzate, quindi se si cerca un romanzo in cui le descrizioni e le atmosfere sono preponderanti sicuramente questo non è la scelta migliore.
Il romanzo è caratterizzato da numerosissimi riferimenti pop, in particolare ai fumetti Marvel e DC e ad Harry Potter: ho trovato la scelta adattissima per rendere il romanzo ancora più interessante e inserito nel contesto contemporaneo. Cassidy è oggettivamente una ragazzina come tutte le altre, ha passioni come tutte le altre e le mostra anche tramite questi piccoli riferimenti che ho trovato azzeccati.

Il romanzo è bello, non memorabile, ma incuriosisce tanto che ho immediatamente deciso di leggere i seguenti. Si tratta di storie piacevoli, semplici e leggere, adatte sia a lettori molto giovani sia adulti che hanno voglia di qualcosa di non impegnativo (io personalmente li ho letti durante la stesura della tesi). Una delle pecche più grandi, però, e che non mi permette di assegnare al libro un voto superiore a 7.5/10 sono i numerosissimi errori di battitura. Non è accettabile che in un libro pubblicato da una grande casa editrice, ma in realtà neanche da una piccola CE, si trovino così tanti errori ortografici!
Ultimo, ma non meno importante, è la tendenza sporadica e spesso assolutamente insensata che ha la protagonista di riferirsi direttamente al lettore. Succede solo in due punti specifici e questo rende l’atteggiamento assolutamente non coerente.

*Volpe