Segni-libri: dodici libri per dodici segni zodiacali.

Il nuovo anno porta sempre con sé qualche novità, e si spera sempre che siano belle. Per noi lettori, in particolare, l’inizio di un nuovo anno significa anche avere davanti 12 mesi per leggere tutte le pagine di cui abbiamo bisogno per mettere la nostra sete di letture a tacere.
Ma, c’è sempre un ma: la possibilità di scegliere male un libro è sempre dietro l’angolo!
In questi casi, l’astrologia può venire in nostro soccorso e aiutarci a scegliere una nuova entusiasmante lettura a seconda di quello che le caratteristiche del nostro segno ci “prescrivono”.
Per questo, abbiamo deciso di dedicare una booktag ai segni zodiacali e alle loro principali caratteristiche, un po’ per ridere insieme a voi e un po’ sperando di suggerirvi qualche titolo interessante.

E voi, lettori, di che segno siete?

1. #ARIETE – Un personaggio, reale o inventato, di cui hai letto e che consideri eroico.
VOLPE: Sophie Scholl e i ragazzi della Rosa Bianca, di cui ho letto in La rosa bianca, Di Inge Scholl
JO: Claus von Stauffenberg di cui ho letto in Obiettivo Hitler di Joachim Fest

2. # TORO – Il libro più lungo che tu abbia mai letto
VOLPE: L’apprendista assassino, di Robin Hobb
JO: Resurrezione di Lev Tolstoj

3. #GEMELLI – Un libro che parla di viaggi
VOLPE: Viaggio al centro della terra, di Jules Verne
JO: I fidanzati dell’inverno di Christelle Dabos

4. #CANCRO – Un libro che ti ha commosso
VOLPE: Mio fratello rincorre i dinosauri di Giacomo Mazzariol
JO: Educazione siberiana di Nikolai Lilin

5. #LEONE– Un libro donato (ricevuto o regalato)
VOLPE: Sarà Vero. Falsi, sospetti e bufale che hanno fatto la storia di Errico Buonanno, un libro che mi è stato regalato questo Natale e che non vedo l’ora di leggere!
JO: Le memorie di Babel di Christelle Dabos

6. #VERGINE – Un libro il cui titolo inizia e finisce con la stessa lettera
VOLPE: I coraggiosi saranno perdonati, di Chris Cleave
JO: Il linguaggio segreto dei fiori di Vanessa Diffenbaugh

7. #BILANCIA – Un libro che hai acquistato per la copertina
VOLPE: E’ raro che io acquisti o legga libri solo a causa della copertina… non me ne viene in mente nessuno!
JO: Il priorato dell’albero delle arance di Samantha Shannon

8. #SCORPIONE – Un libro su cui eri, o sei, scettico
VOLPE: Tanti piccoli fuochi, di Celeste Ng. Ho cominciato questo libro con aspettative molto alte e arrivata alla fine ero e sono un po’ confusa. Non posso dire che non mi sia piaciuto, ma non riesco neanche a dire di averlo adorato.
JO: Il circo della notte di Erin Morgenstern

9. #SAGITTARIO – Un libro che regaleresti a un bambino
VOLPE: Noi siamo tempesta, di Michela Murgia
JO: Zanna Bianca di Jack London

10. #CAPRICORNO – Un saggio o un manuale che hai letto per tuo interesse personale
VOLPE: Quattro conversazioni sull’Europa, di Philippe Daverio
JO: Testimone nel fuoco di Peter Steinbach

11. #ACQUARIO – Un libro da cui è stato tratto un film o una serie TV negli ultimi 5 anni
VOLPE: La spada del destino, Andrzej Sapkowski
JO: Suite Francese di Irene Nemirovsky

12. #PESCI – Un libro con un mistero da risolvere
VOLPE: L’Annusatrice di libri, di Desy Icardi
JO: Il principe della nebbia di Carlos Ruiz Zafon

*Volpe&Jo

Le sante dello scandalo

DeLuca Erri - Le sante dello scandalo.jpg

LE SANTE DELLO SCANDALO

Autore: Erri De Luca
Casa editrice:  Giuntina
Anno: 2011

.: SINOSSI :.

La prima si vestì da prostituta per offrirsi all’uomo desiderato. La seconda era prostituta di mestiere e tradì il suo popolo. La terza s’infilò di notte sotto le coperte di un ricco vedovo e si fece sposare. La quarta fu adultera, tradì il marito che venne fatto uccidere dal suo amante. L’ultima restò incinta prima delle nozze e il figlio non era dello sposo. Queste sono le sante dello scandalo.
Cinque donne stanno nell’elenco maschile delle generazioni tra Abramo e Ieshu/Gesù. Cinque casi unici forzano la legge, confondono gli uomini e impongono eccezioni. Le donne qui fanno saltare il banco, riempite di grazia che in loro diventa forza di combattimento.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Questo libricino, classificato come romanzo ma che definirei più un saggio, si presenta come una precisa riflessione su cinque grandi donne della storia biblica.
Le loro imprese sembrano, a prima vista, di poco conto ma l’autore ci mostra come una storia tutta al maschile sia in realtà retta da un coraggio tutto femminile: è la donna che può dare la vita e queste cinque decidono di seguire la volontà di Dio dando i natali alla sua progenie.
Infrangono con coraggio leggi degli uomini e si affidano anima e corpo ad un potere che, in molti casi, non sanno spiegare neanche loro.
Lasciando da parte l’analisi del sacro, ho trovato particolarmente interessante questo volume che si pone a difesa della figura femminile in un contesto totalmente maschile: l’autore sottolinea in modo marcato l’assoluta importanza delle donne portando il testo ad un livello di lettura successivo. Filosofia, religione e morale si fondono spesso in diversi passaggi a riprova del fatto che non ci troviamo davanti ad un testo narrativo.
Non penso sia necessario essere credenti per trovare questo testo apprezzabile: la curiosità è propria dell’uomo e anche un ateo può tranquillamente affidarsi ad un saggio simile per trovare nuovi spunti di riflessione su temi comunque importanti.

Personalmente darei a questo testo, il cui stile, molto semplice e didattico ma pieno di riflessioni filosofiche di grande interesse, un bel 8/10. Ho trovato la lettura lievemente noiosa in certi passaggi ma è chiaramente un fattore personale che non ha da incidere sulla qualità totale dell’opera.

*Volpe

Tra le stelle con Arcadia – L’oroscopo dei lettori

15871515_934014116735609_494218882897412938_n

Il nuovo anno porta sempre qualche novità e ci offre sempre nuove esperienze ed avventure.
Per un topolino di biblioteca, l’anno nuovo significa altri 12 mesi di novità in libreria, di titoli da aspettare con ansia, di ore passate in libreria e biblioteca a cercare il romanzo dei propri sogni. Questa ricerca non è affatto facile e il più delle volte può portare ad un senso di frustrazione quando, per l’ennesima volta, ci imbattiamo in un testo che non ci rapisce o torniamo a casa dalla libreria senza aver trovato quel libro in grado di farci vibrare il cuore e l’anima.
In questi casi, quando l’occhio e il cuore sono drogati dalle sensazioni che una visita in libreria ci regala, ci si può affidare alle stelle.
Il nostro segno zodiacale può infatti suggerirci quale sia il romanzo più adatto a noi e tenerci alla larga da quei titoli che non soddisferebbero i nostri gusti letterari.

Ariete
Gli Ariete sono persone originali ed organizzatori: amano prendersi cura di persona della situazione che stanno vivendo. Sono coraggiosi e impulsivi quasi fino all’eccesso. Un bene o un male? Forse entrambi.
L’Ariete è un lettore vorace, amante delle trame scattanti e che regalano numerosi colpi di scena o costringono il protagonista a confrontarsi con situazioni impreviste.
Un buon libro di avventura può soddisfare i gusti del lettore Ariete. Se avete già divorato i romanzi i classici di Verne e Stevenson, allora potreste trovare di vostro gradimento “Metro 2033” di Dmitrij Gluchovskij (2005).

15894647_934014143402273_3685914552773586982_n

Toro
Più possessivo e testardo di un toro, c’è solo un altro toro. Magari non sono i più svelti al mondo, ma è indubbio che chi è sotto il segno del toro se impara qualcosa non lo dimentica molto facilmente e la sua pazienza e tenacia sono davvero invidiabili.
Il Toro è un lettore possessivo e geloso, con i suoi libri ha un rapporto “carnale” e ne conosce non solo la storia stampata, ma anche la storia che ogni libro ha scritta tra le pieghe, le sottolineature delle pagine e i graffi sulla copertina.
Questi lettori, che sembrano sibilare“il mio tessoro!” ogni volta che qualcuno gli chiede in prestito uno dei loro libri, troveranno sicuramente interessante il romanzo “L’ultimo cacciatore di libri”di Matthew Pearl (2016).

15873441_934014216735599_1225773437301698448_n

Gemelli
I nati sotto il segno dei Gemelli sono intuitivi, svelti, svegli e amano conoscere le cose anche le più disparate e forse inutili. Non sono permalosi e non sanno tenere troppo a lungo il muso, tuttavia sono proprio presuntuosi: forse è dovuto al fatto che si sentono più intelligenti della media?
La loro arguzia li rende dei lettori amanti della suspense, del mistero e degli intrighi: si perdono volentieri tra le pagine di un bel giallo o di un romanzo che regali loro un arcano da svelare e una trama che li “costringa” ad indagare accanto ai protagonisti. Chi meglio del signore del giallo potrebbe soddisfare i gusti di questi lettori?  “Il mastino dei Baskerville” di Sir Arthur Conan Doyle (1902) ha tutti gli elementi per diventare uno dei romanzi preferiti dei lettori nati sotto il complicato segno dei Gemelli.

15825923_934014293402258_8449909634914232347_n

Cancro
I Cancro sono molto timidi e nascondono spesso i loro sentimenti in un mondo tutto loro a cui nessuno può accedere. Sono molto inclini alla difesa del nucleo famigliare e non amano particolarmente ciò che è esterno o nuovo. Sotto una corazza, nascondono quindi un animo sensibile e dolce, pronto a tutto per salvaguardare il benessere dei loro cari.
Essendo sposati con la loro routine, anche in fatto di letteratura i lettori Cancro tendono a non azzardare troppo e tra un esordiente ed un classico prediligeranno sempre il secondo. Il loro animo nascosto e sensibile fa apprezzare a questi lettori anche romanzi più sentimentali, romantici o con sfumature bohémien: libri che, tra un capitolo e l’altro, riescono a strappar loro qualche lacrima. Se siete a caccia di emozioni e di una storia d’amore toccante, ma non sdolcinata, il romanzo “Promettimi che ci sarai” di Carol Rifka Brunt (2014) non vi deluderà.

15873293_934014316735589_5178520216553174862_n

Leone
Notoriamente, il leone è il simbolo della forza e del potere. I leone sono molto coraggiosi tendenzialmente sono dei leader nati, anche se non è detto che questa caratteristica si rifletta nella vita reale.
Inducono tanta fiducia e ispirano coraggio, ma devono stare attenti a non peccare troppo di presunzione e a non sfociare nella prepotenza.
Le letture preferite dai Leoni sono quelle che riflettono il loro stile di vita o che gli propongono modelli da imitare e a cui tendere. L’eroe classico è una condizione sine qua non per far scattare la scintilla tra il lettore Leone  e un libro: che sia Harry Potter, un cavaliere errante o un piccolo criminale sempre coinvolto in qualche battaglia tra clan, il lettore Leone si fionderà sul romanzo divorandolo. Ciò che serve al Leone è azione e una trama che metta in luce le qualità nobili del protagonista. “Educazione Siberiana” di Nicolai Linin (2009) ha le caratteristiche tanto amate da questi lettori: dietro queste storie di criminali e clan in lotta, l’autore nasconde un mondo che vive seguendo un suo codice d’onore non meno dignitoso e valido di quello che guidava i cavalieri e gli eroi delle grandi epopee del passato.

15781776_934014350068919_3977679692902647618_n

Vergine
I Vergine sono persone riflessive, calme e forse con troppo senso critico verso sé e verso gli altri, il che potrebbe derivare dal fatto che normalmente hanno un’intelligenza superiore alla media. Devono imparare a moderare il loro senso critico, altrimenti la loro esistenza sarà davvero terribile.
Detto ciò, sono assolutamente modesti, calmi e sanno valutare perfettamente ogni situazione.
In letteratura i Vergine sono sofisticati e sensibili e cercano storie che riescano a regalargli entrambe le cose senza scadere nel romanticume. Rintracciare un genere canonico per questo segno è impossibile, ma come al solito un buon classico può sempre costituire un più che apprezzabile compromesso per questi lettori che pretendono tanto dai libri quanto dalla vita. Il romanzo “Via col vento” di Margaret Mitchell (1935) può soddisfare i gusti di questi lettori, regalando una protagonista ambiziosa e perfezionista e, allo stesso tempo, scossa da profonde passioni.

15873304_934014400068914_4692387093287343192_n

Bilancia
Tendenzialmente, questo segno tende a ricercare equilibrio in ogni cosa. I Bilancia hanno un’innata capacità di mediazione che permette loro di risolvere controversie spinose e dare un mano. Tuttavia, tendono a lasciarsi andare al lusso e ai vizi.
Il loro senso dell’equilibrio e la loro tendenza alla perfezione, rende i lettori Bilancia dei veri estimatori della letteratura: trama e stile devono essere impeccabili e piacevoli da leggere; un romanzo sulla vita di un pesciolino può essere apprezzato da questi lettori tanto quanto un classico dal valore ormai consolidato. La loro natura introspettiva li porta ad avvicinarsi anche a romanzi di formazione o che propongano loro stimolanti punti di riflessione. Per soddisfare i difficili gusti di questo segno, Irène Némirovsky ci ha lasciato il suo romanzo, sfortunatamente incompiuto, “Suite Francese” dato alle stampe solo di recente. Un romanzo che parla di amore, odio, guerra, pace e redenzione; il tutto tenuto insieme da una scrittura elegante come poche.

15826849_934014436735577_2479818106632882678_n

Scorpione
Sicuramente non sono i più diplomatici al mondo e diciamo pure che il loro tatto è pari a zero. I nati sotto il segno dello Scorpione sono energici, attivi, intelligenti e passionali, non si fanno frenare da nulla se desiderano qualche nulla li può distrarre dall’ottenerla. Un difetto? Meglio non fare loro alcun torto perché tendono ad essere un po’ vendicativi.
La loro intelligenza, che diventa ancor più acuta quando devono mettere in atto uno dei loro piani o raggiungere un obbiettivo, fa apprezzare agli Scorpione i romanzi dove il mistero la fa da padrone e dove le pagine sono macchiate di sangue e tinte noir. Un bel poliziesco, magari con una trama dove l’elemento psicologico sia ben presente e giochi un ruolo fondamentale, può soddisfare i gusti di questo lettore che ha bisogno di letture stimolanti. Il romanzo “L’uomo di Neve” di Jo Nesbø (2007) riuscirà a rapire questi lettori che, circondati dalle precoci notti del nord, si troveranno a vagare tra le pagine di una trama che sembra districarsi tra il poliziesco a la leggenda, tra l’incubo e la macabra realtà.

15781447_934014460068908_7974778765747415241_n

Sagittario
Il sagittario ha due possibili nature: quella filosofica o quella materialista. Apparentemente queste due “anime” sembrano contrastarsi a vicenda, ma ciò deriva dal fatto che il Sagittario è molto attivo fisicamente e mentalmente e allo stesso tempo incline alla distrazione. I Sagittario sono allegri, di buona compagnia e generalmente ottimisti, detto ciò sono dei pessimi ascoltatori per via della loro difficoltà a focalizzare l’attenzione.
Come lettori i Sagittario hanno bisogno di romanzi che li facciano viaggiare e li portino in posti nuovi e, perché no, fantastici dove draghi e incantesimi sono all’ordine del giorno. La loro curiosità e la loro inclinazione al viaggio gli fa apprezzare le storie “on the road” siano essere diari di viaggio o le gesta di eroi più o meno probabili impegnati in qualche assurda ricerca o disperata battaglia contro le forze del male. La saga di Christopher Paolini inaugurata con “Eragon” (2002) unisce le due passioni dei lettori Sagittario trasportandoli in un viaggio attraverso una terra fantastica e popolata da draghi, cavalieri ed altre creature fantastiche.

15823395_934014536735567_4054572440239642676_n

Capricorno
Avete un problema da risolvere con un amico e non sapete a chi chiedere aiuto? Bene andate da un capricorno. Sono gli esseri più diplomatici sulla terra e allo stesso tempo tra i più ambiziosi. Credono sempre esista qualcosa più grande di loro, un traguardo più alto e mirabile a cui tendere dopo aver raggiunto il loro attuale obbiettivo.
La loro natura tutt’altro che modesta e incline alle grandi imprese rende questi lettori degli amanti della letteratura in cui vengono esaltate le capacità dell’uomo, il suo ingegno e la sua creatività. Un romanzo storico può dare ai lettori Capricorno la giusta ispirazione per proseguire nel perseguimento del loro obbiettivo. “Lo scudo di Talos” di Valerio Massimo Manfredi (1988) sarà sicuramente una lettura apprezzata da questi lettori che preferiscono protagonisti la cui grandiosità sta nel loro ingegni agli eroi senza macchia e senza paura tanto amati, per esempio, dai Leone.

15826544_934014550068899_6933832908579811189_n

Acquario
Gli Acquario hanno un acuto senso della giustizia e sono estremamente legati alla loro libertà, in effetti si sentono sempre in difetto di essa. Sono proiettati avanti e nel futuro e uniscono alle caratteristiche precedenti una spiccata originalità. Sebbene siano tendenzialmente stabili, può capitare che cambi di idee repentine lo rendano totalmente imprevedibili. Sono molto, molto permalosi…
Come lettori, gli Acquario amano la stabilità che gli regalano le saghe: la sicurezza di avere un appuntamento annuale con un nuovo libro. Amano i romanzi che li fanno viaggiare con la fantasia e che li portano ad esplorare a fondo posti esotici, lontani e sconosciuti.
Non disdegnano i romanzi fantasy e per questo motivo la saga di George R. R. Martin “Cronache del ghiaccio e del fuoco” (1991) potrebbero essere apprezzati da questi lettori.

15781304_934014596735561_5867369989134401505_n

Pesci
Credono nella bontà dell’animo umano e questo lo porta ad essere sia persone utili sia persone di cui ci si approfitta. Sono molto influenzabili, quasi troppo, e spesso faticano a prendere decisioni coerenti.
Come lettori sono dinamici: hanno bisogno di romanzi che li distraggano dalla loro routine e li facciano evadere dalla vita di tutti i giorni. Anche i Pesci sono lettori a cui piacciono romanzi in cui vengono descritti lunghi viaggi, ma se per l’Acquario e il Sagittario il viaggio deve essere “fisico”, per il lettore Pesci il viaggio deve avere maggiormente i connotati di un pellegrinaggio: un’esperienza che porti il protagonista ad avere una nuova concezione di sé o a scoprire cose nuove sulla propria interiorità; un viaggio al termine del quale lettore e protagonista si scoprano cresciuti, cambiati e più maturi.
Il romanzo d’esordio di Salvatore Basile “Lo strano viaggio di un oggetto smarrito” (2016) propone in modo esemplare questo tema così apprezzato dai lettori Pesci e sicuramente non deluderà le loro aspettative.

15873480_934014640068890_5262767759229414050_n

*Jo

La festa della Salute

maschera-medico-peste

Nell’età moderna pochi eventi influenzarono la produzione artistica e letteraria come la peste: il flagello che ripetutamente si abbatté sul continente europeo mietendo vittime senza alcuna distinzione tra ricchi e poveri, giovani ed anziani, uomini e donne.
Tuttavia la pestilenza che ha maggiormente colpito ed influenzato la cultura seicentesca fu quella che, nel 1630, colpì il Bel Paese e le maggiori città europee: è l’epidemia che si prenderà la vita di Don Rodrigo nel romanzo “I promessi sposi“, che strapperà alla sua città il pittore Tiziano e costringerà le gondole veneziane a rivestirsi della livrea nera che tutt’ora conservano.

La storia di Venezia si intreccia spesso con quella della peste che, nella Serenissima così come in Europa, ha mietuto un gran numero di vittime riducendo drasticamente la popolazione. Non a caso furono i veneziano che, per prevenire il più possibile il contagio, introdussero la pratica della quarantena: un periodo di quaranta giorni che prevedeva l’isolamento delle navi in arrivo al fine di contenere eventuali focolai.
Tuttavia, la contumacia non era sempre una misura di sicurezza sufficiente e quando la pestilenza tornava a fare vittime tra le isole della laguna, i veneziani ricorrevano al cielo per ottenere la protezione che le precauzioni degli uomini non erano riusciti a garantire.
Vengono così erette la chiesa del Redentore, come voto per la fine della pestilenza che nel 1557 colpì la città uccidendo circa un terzo della popolazione, e la chiesa della Salute, o Santa Maria della Salute, in seguito alla drammatica epidemia del 1630.

Se vi trovate a Venezia tra il 18 e il 22 novembre potrebbe capitarvi, camminando tra le calli del sestiere di San Marco, di imbattervi in un ponte di legno di dimensioni modeste che, in maniera impertinente, si getta da un lato all’altro del Canal Grande imitando gli altri due ponti, Accademia e Rialto, che collegano le due sponde del canale: una passerella che, sostenuta da una serie di zattere, collega il Sestiere di San Marco a quello di Dorsoduro permettendo ai veneziani di raggiungere in poco tempo la Chiesa della Salute: il tempio votivo che il senato veneziano, con il beneplacito del Doge, eresse nel 1631 in seguito alla fine della pestilenza che, tra le sue vittime, privò la città del pittore Tiziano.151356j49_1188703554545151_1348157290_n
Da allora, dieci giorni dopo la festa di San Martino, i veneziani si recano in pellegrinaggio tutti gli anni alla chiesa della Salute e davanti all’icona sostano in preghiera accedendo una candela.
Un appuntamento imperdibile che fa sì che questa chiesa, solitamente ignorata e poco frequentata durante il resto dell’anno, si trasformi in una vera attrazione non solo per i veneziani che accorrono a rinnovare la propria affezione alla Madonna, ma anche per i turisti e i curiosi che, attirati dal trambusto e dalle bancarelle, vengono letteralmente traghettati dai fedeli verso le porte del santuario.

15151068_11887035j87878481_1779786173_n

Ad accogliere il visitatore, appena varcato una delle tre porte dell’ingresso, c’è l’altare maggiore al centro del quale è custodita l’icona cretese, oggetto della devozione dei veneziani, a cui fanno da cornice un gruppo di statue tra cui si distinguono, sulla sommità, Venezia impersonata da una donna inginocchiata, la Vergine Maria al centro intenta a scacciare la Peste che, incalzata da un angioletto, si allontana da Venezia e dalla popolazione.
La festa della Salute è, insieme a quella del Redentore che si festeggia a luglio, una delle tradizioni più radicate e famose di Venezia: un impegno e un gesto di venerazione e affetto che annualmente i veneziani rinnovano contagiando con la loro devozione anche i curiosi.

Ma non finisce qui! Come ogni festa popolare che si rispetti, anche la ricorrenza della festa della Salute ha le sue usanze più goderecce tra cui si annovera la “castradina“: un piatto tradizionale, che si consuma alla vigilia della festa, a base di cosciotto di montone, affumicato e stagionato, a cui si abbina una zuppa con foglie di verza, cipolle e vino. Se i vostri gusti sono meno ricercati, o semplicemente volete mangiare qualcosa di più leggero o veloce da consumare, le bancarelle che circondano la chiesa e fanno da cornice alle calli e ai campi sicuramente riusciranno a soddisfare le vostre esigenze con una vasta offerta di dolciumi (dalle frittelle allo zucchero filato senza dimenticare mele e frutta candita) e altri spuntini che renderanno la vostra passeggiata decisamente più gustosa.

*Jo