Tenebre e Ossa ~ Streaming and Pajamas

.: SINOSSI :.

In un mondo spaccato in due da un’imponente barriera di eterna oscurità, dove mostruose creature banchettano sulla carne umana, una giovane soldato scopre un potere che potrebbe finalmente unire il suo paese. Ma mentre si sforza per affinare il suo potere, forze pericolose complottano contro di lei. Criminali, ladri, assassini e santi sono in guerra ora e ci vorrà molto più che la magia per sopravvivere.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Netflix è riuscita in un compito a dir poco impossibile : produrre una serie tv basata su una saga che ho amato e farmela piacere.
Basato sia sull’omonimo romanzo di Leigh Bardugo, Tenebre e Ossa è una serie tv fantasy per giovani adulti ma, grazie alle atmosfere dark, alla poliedricità della trama, è adatta a tutte le età. Prima di scrivere questa recensione, infatti, ho convinto due spettatori particolari, che non hanno mai letto i romanzi, a guardare la serie e darmi i loro pareri. Chi? I mie genitori, entrambi sessantenni, che si sono detti soddisfatti e interessati alla trama, tanto che quando hanno scoperto che era stata girata una sola stagione ci sono rimasti un po’ male.

La trama della serie tv ricalca quasi del tutto gli avvenimenti del primo romanzo della saga ma, forse consapevoli che questo avrebbe aggiunto un po’ di pepe alla narrazione, i produttori hanno scelto di raccontare alcuni antefatti della duologia Sei di Corvi. Accanto ad Alina, Mal e l’Oscuro (che ci viene presentato subito con il nome proprio così da spoilerare ai lettori che non hanno ancora finito l’ultimo romanzo una scena abbastanza centrale), infatti, si muovono anche Kaz, Inej, Jesper, Nina e Matthias. In pratica, nonostante io fossi scettica riguardo questa scelta, i produttori hanno ricostruito il passato dei protagonisti di Sei di Corvi e li hanno inseriti all’interno del filo narrativo di Tenebre e Ossa senza sconvolgere la trama principale.
Vi dirò di più: li hanno inseriti talmente bene che, quando ho spiegato ai miei genitori che i Corvi non compaiono nella prima trilogia, sono rimasti del tutto basiti. Ora, non ci resta che scoprire come questi personaggi verranno gestiti nelle stagioni successive, sperando che i produttori siano altrettanto lungimiranti e ugualmente geniali.

La rappresentazione del mondo è molto buona, anche se alcuni particolari, più complessi da rendere espliciti con il solo ausilio di una videocamera, non sono stati esplicitati completamente. Ad esempio, non è stata chiarita a dovere la differenza tra la Magia e la Piccola Scienza dei Grisha, elemento chiave all’interno della trilogia.
In generale, però, Ravka è ben strutturata e lo spettatore riesce a cogliere i riferimenti geografici e ha più o meno chiare le rivalità politiche dei diversi stati che compongono il grishaverse. Una chicca in questa rappresentazione è Ketterdam, il luogo principale delle vicende dei Corvi: complici forse le descrizioni dettagliate della Bardugo, la Ketterdam che è stata portata sul piccolo schermo è esattamente quella che i lettori hanno immaginato leggendo Sei di Corvi.

Mi è piaciuto lo spazio che è stato dato ai personaggi, così come il loro sviluppo.
Jessie Mei Li, l’attrice che ha interpretato Alina, è assolutamente perfetta per la parte: sebbene inizialmente io fossi restia ad accettare scelta, in contrasto rispetto alle descrizioni che ne aveva fatto la Bardugo nei suoi romanzi, il background creato dai produttori regge e, a tratti, l’ho trovato addirittura più credibile rispetto a quello scritto dalla stessa Bardugo. In più, Jessie Mei Li è un’ottima attrice: espressiva sia nel volto sia nel corpo, riesce a dare vita al personaggio di Alina magnificamente.
Soprattutto, riesce a non sfigurare accanto a Ben Barnes che, fatta eccezione di Zoë Wanamaker, è sicuramente l’attore più conosciuto, e più bravo, tra quelli chiamati a dar vita al Grishaverse.
Nei panni dell’Oscuro, Ben Barnes è semplicemente perfetto. Riesce a mostrare la complessità di un personaggio che nei romanzi, scritti in prima persona dall’unica voce di Alina, è solo accennato superficialmente nel suo mistero. La scelta di girare alcune scene dedicate esclusivamente al suo passato è vincente e se sono diventata una sua fan è solo perché nella serie tv sono riusciti a dargli uno spessore che nei libri un po’ manca.
Archie Renaux, Mal nella serie, porta sullo schermo un Mal un po’ diverso da quello che mi sono sempre immaginata. Più giocherellone, forse più umano, anche Mal prende vita slegandosi dalla descrizione che ne fa Alina nei romanzi.
I tre Corvi (Kaz, Inej e Jesper) sono tre ottimi personaggi, i preferiti di entrambi i miei genitori: i tre sono praticamente insperabili e funzionano soprattutto per questo. La trasposizione in serie tv ha messo in luce il forte legame che unisce i primi tre membri della banda e gli attori sono stati molto bravi a mettere in scena questo rapporto. Sono sicura che tutti e tre gli attori siano riusciti a convincere il pubblico con la loro brillante interpretazione.

A mio giudizio, la serie merita un bel 8/10. Non è perfetta: come ho già detto, alcune cose riguardanti soprattutto il finale di stagione le ho dovute spiegare ai miei genitori che purtroppo non avevano i mezzi per capire completamente l’accaduto. In generale, però, la serie riesce ad essere sia fedele al romanzo sia innovativa nei cambiamenti che gli autori hanno fatto. Sicuramente, la scelta di inserire i Corvi così presto nella narrazione ha creato movimento e ha dato una marcia in più ad una trama che altrimenti avrebbe rischiato di essere troppo statica per una serie.
Le atmosfere inquietanti, i continui giochi di luce che richiamano inevitabilmente il contrasto tra luce ed ombra, così come la bravura degli interpreti rendono Tenebre e Ossa un’ottima serie da guardare da soli, con gli amici o con la famiglia.

*Volpe

Pubblicità

Non è un libro per ragazzi – “Good Night Stories for Rebel Girls”

16508775_1446896352010892_3267800877718680518_n

I libri sono maestri importanti, si sa, e tra le loro pagine troviamo lezioni di vita che non dimenticheremo mai, ci misuriamo con personaggi che ci assomigliano o che, al contrario, sono completamente diversi da noi e ci fanno vedere le cose da un punto di vista nuovo e straordinario.
Le favole sono il racconto pedagogico per eccellenza e ci insegnano che ad ogni azione corrisponde una conseguenza, che il bene vince in ogni caso, che i cattivi perdono sempre e comunque e che i draghi possono essere sconfitti.
Cosa succede però quando i libri diventano discriminanti nei confronti dei loro giovani lettori? Dopo tutto non si è mai sentito di una principessa che affronta e uccide il mostro, quello è il compito del prode cavaliere!
Esattamente come, se si spulcia tra la letteratura YA o per adulti, è quasi impossibile trovare un personaggio femminile che non debba necessariamente appoggiarsi ad un uomo che la aiuti a realizzarsi pienamente come donna.
Un altro dato interessante è questo: se si dividono i libri di una libreria domestica tra romanzi in cui non compare nemmeno un personaggio maschile, romanzi in cui non compare nemmeno un personaggio femminile e romanzi in cui le donne hanno ruoli minori o addirittura non hanno voce in capitolo; si osserverà che nelle ultime due categorie vi sono molti più libri di quanti non siano quelli che non hanno personaggi maschili e ancor meno sono i libri per bambini che propongono una protagonista femminile che non sia alla ricerca del suo principe azzurro.
Nella maggior parte dei libri e dei programmi televisivi (per grandi, piccini e per famiglie) le donne ricoprono ruoli secondari che, principalmente, servono a reiterare e consolidare stereotipi di genere e una visione ormai superata della donna nella società.
Questo dato di fatto, unitamente ad altri di ragione sociale, ha ispirato Elena Favilli e Francesca Cavallo, che sul sito di Kickstarter hanno lanciato una campagna di crowdfunding per finanziare il loro progetto: un libro di storie della buona notte per ragazze ribelli “Goodnight Stories for Rebel Girls” dove, al posto di principesse e altre figure inventate, vengono proposte le storie  di cento «donne straordinarie del passato e del presente» provenienti da tutto il mondo.
Elisabetta II, la pittrice Frida Kahlo, Jane Austen e la tennista Serena Williams sono solo alcune delle personalità che vengono proposte come modelli alle lettrici a cui il libro è indirizzato, con la speranza che, leggendo le biografie di queste grandi donne, si sentano ispirate e comincino a combattere per l’uguaglianza tra i sessi e ad ambire a quelle posizioni sociali e lavorative che, per il momento, restano una prerogativa del genere maschile.

*Jo

16995962_1467350516632142_2627125151090087939_n