Sullo scaffale di Arcadia – Giornata della Memoria

Il giorno della memoria è un’appuntamento importantissimo, istituito il  5 novembre del 2005 dall’Assemblea generale dell’ONU, che ci invita a ragionare e soprattuto ricordare un paragrafo nero della storia del novecento: lo sterminio praticato dai regimi nazista e fascista nei confronti degli ebrei, zingari, omosessuali, disabili e oppositori politici.
Noi di Arcadia abbiamo deciso di consigliare ai nostri lettori alcuni libri di grande importanza che potrebbero aiutare i nostri lettori a dedicarsi a questo tema durante questa settimana.
Un grazie speciale a Caterina, che quest’anno ci ha aiutati a portarvi titoli nuovi e di grande spessore.

Bambini (8 -13)

Stelle di cannella di Helga Schneider: Il romanzo racconta il modo in cui le leggi razziali siano arrivati a distruggere anche i legami più spontanei, come l’amicizia tra due bambini.

Il bambino di Noè di Eric-Emmanuel Schmitt: Ispirato ad una storia vera, la vicenda di Joseph rappresenta quella di tutti i bambini di fede ebraica affidati alle attenzioni di quei Giusti che hanno rischiato la loro vita per poterli salvare. Il romanzo verte anche attorno ad una domanda che accompagna il piccolo Joseph per tutta la guerra: “Cosa significa essere un ebreo?”

Auschwitz spiegato a mia figlia di Annette Wieviorka: Le risposte alle domande di un bambino, come spiegare all’innocenza ciò che è stato Auschwitz? 

Ragazzi (14)

La repubblica delle farfalle di Matteo Corradini: Il romanzo racconta le vicende dei giovani della “Repubblica delle Farfalle”, così veniva chiamato il lager di Terezìn, che ogni venerdì sera si riunivano per dar vita ad un giornale, “Vedem”.

Il silenzio dei vivi di Elisa Springer: Il silenzio è ciò che dev’essere spezzato. E spezzare il suo silenzio è ciò che Elisa Springer ha fatto, incapace di dover ancora subire quell’indifferenza di cui lei e altri sopravvissuti sono stati vittima alla fine della guerra. Ha parlato per contrastare chi ancora osava (e osa) negare che certi crimini sono stati commessi, ha parlato per raccontare non solo gli orrori subiti, ma anche la difficoltà di tornare a vivere una vita “normale”.

 – Per questo ho vissuto di Sami Modiano: La testimonianza di Sami parte dalla sua infanzia, vissuta in seno alla comunità ebrea di Rodi ricordata con tanto affetto, fino ad arrivare all’interrogativo che per anni ha destato nell’uomo quasi un senso di colpa per essere sopravvissuto: perché io? La risposta di Sami è decisiva: per raccontare, soprattutto ai giovani, per testimoniare ciò che è stato, perché non avvenga più. 

Adulti

Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani: Il romanzo verte sulle vicende del protagonista, l’io narrante di cui non viene mai specificato il nome, negli anni in cui le leggi razziali hanno colpito le famiglie ebree italiane. Il centro della storia è la casa dei Finzi-Contini, una delle famiglie più ricche di Ferrara, e le vicende che ruotano attorno ai suoi componenti, in particolare la figlia Micòl. 

Sonderkommando Auschwitz di Shlomo Venezia: La testimonianza di Shlomo Venezia, lucida e precisa, è un viaggio nel luogo dell’orrore dei campi di sterminio: la camera a gas. Arrivato ad Auschwitz nel 1944, Shlomo è stato assegnato al Sonderkommando, quel gruppo di prigionieri costretti a lavorare quotidianamente con i condannati alla gassazione, guidandoli sin dentro alle porte, frugando tra i loro cadaveri alla ricerca degli ultimi oggetti di valore, e trasportando infine i loro corpi sino ai forni. Accompagnati dalle illustrazioni di David Olère, i ricordi di Shlomo rompono il silenzio, mettendo in luce la totale perdita di umanità – e resta il dubbio su chi non fosse più uomo, se le vittime private di tutto, persino della loro identità, o i carnefici che imponevano tutto questo.

Schindler’s List di Thomas Keneally: Il romanzo da cui è stato tratto l’omonimo film, simbolo della Giornata della Memoria. Protagonista della storia è Oskar Schindler, imprenditore tedesco che durante gli anni della guerra ha salvato la vita di più di mille ebrei, tra uomini, donne e bambini, che lavoravano nella sua fabbrica di Cracovia. Dopo la guerra, Schindler venne nominato Giusto tra le Nazioni.

Il diavolo dentro

23318574_10214872244138607_529722550_n.jpg

IL DIAVOLO DENTRO

Autore: Roberto Ottonelli
Casa Editrice: Odissea Digital
Anno: 2017

.: SINOSSI :.

Un salto all’inferno, fin nelle sue viscere, al ritmo veloce e assordante del metallo pesante. Vi sentirete smarriti, ma non potrete fare a meno di arrivare fino all’uscita… sempre che esista. Una storia molto più vera di quanto possa sembrare.
Manuela e Andrea si conoscono in un istituto per minori in un incontro che sembra superficiale e tipico di quell’età. La vicenda umana dei due ragazzini, che nel frattempo percorrono strade differenti, si intreccia con quella di tanti personaggi che conducono Manuela verso l’abisso morale e materiale, incapace di qualsiasi reazione, fino a convincersi di non poter meritare nulla di meglio. Entra a far parte di un gruppo dedito a rituali di ispirazione satanica, che sembra implicato in una serie di nefandezze orribili, da cui non riesce a liberarsi. Il male penetra in profondità nelle anime. Manuela è un essere disilluso e senza speranza, ma, proprio quando tutto sembra perduto, trova, inaspettata, una luce.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Un mondo cupo, terribile e sanguinolento è quello che accoglie le vicende raccontate da Roberto Ottonelli. E’ il mondo dei dispersi e dei disperati, un mondo in cui noi facciamo fatica a credere ma è tutto meno che fantasia.
Le vicende narrate in questo romanzo sono tratte da una storia vera, di cronaca nera, e questo rende ancora più drammaticamente inquietante il testo: la crudeltà e l’orrore sono difficili da digerire quando sono inventati, figurarsi quando veri.
Nonostante le evidenti difficoltà che l’impresa di Ottonelli poteva portare con sé, penso che l’autore se la sia cavata egregiamente portando alla pubblicazione un testo chiaro, ben scritto e che, tramite l’uso della prima persona, predispone il lettore ad una delle immedesimazioni più cupe che mi sia mai trovata a leggere.
Il punto di vista è differenziato, questo ci permette di seguire uno stesso filone narrativo da più punti e la cosa che trovo davvero ben fatta è che ciascun personaggio ha un modo diverso di parlare, pensare e valutare le proprie azioni: c’è chi sembra vedere se stesso da fuori, come Manuela, che sospira e si perde negli abissi del suo dolore; chi si sente al di sopra di tutto, come Michele, schiavo di sé più di quanto non creda; Pietro e la sua terribile e dolorosa follia.
L’azione si svolge lenta eppure frenetica, il romanzo è ricco di colpi di scena e di oscuri segreti.
Resta una domanda senza alcuna risposta: erano davvero solo le droghe ad aver aizzato questi ragazzi?

23316100_10214872245658645_766485829_n

Il mio voto per il romanzo è 8/10, ho trovato lievemente eccessivo, per il mio personalissimo gusto, l’utilizzo di parolacce e la presenza della violenza, ma senza tutto questo, sono certa che il romanzo avrebbe perso completamente il suo valore.
Lo consiglio a chi ama il macabro, i thriller e l’horror, a chi non si fa spaventare da una storia vera.
Questo esordiente, per me, ha davvero fatto il botto!

*Volpe

GREAT (WO)MEN #5: CHEFREN

Ed eccovi, finalmente, la nuovissima puntata della nostra rubrica in collaborazione con il canale YouTube La Storica!

immagineQuest’oggi vogliamo parlavi di Chefren: celebre faraone considerato un tiranno in certi scritti, noi analizzeremo specialmente quelli di Erodoto, famoso soprattutto per la sua immensa piramide.
Erodoto è considerato uno dei più grandi storici dei tempi antichi, infatti egli tentò in ogni modo di scindere storia e mito presentandoci dati quasi del tutto reali, anche se talvolta lacunosi, riguardo grandi personaggi del passato.
Fortunatamente per noi, ci lasciò qualche riga anche su Chefren che lui dichiara essere un perfido tiranno per il popolo Egizio.

Chefren fu il successore di Cheope, così almeno scrive Erodoto, in realtà al giorno d’oggi possiamo dire con certezza che tra i due vi sia stato il brevissimo regno di Dedefra.
Erodoto chiama Chefren “fratello” di Cheope, tutttavia a noi risulta strano: Cheope regnò per quasi quarant’anni, Chefren, secondo alcune iscrizioni, circa trenta; probabilmente il legame di parentela che c’era tra i due era quello di padre e di figlio.

“Dicevano gli egiziani che questo Cheope regnò cinquantanni, e che alla morte di lui ereditò il regno suo fratello Chefren. Il quale si conformò in tutto alla condotta del predecessore, e costruì anche una piramide, che però non raggiunse le dimensioni di quella di Cheope.”

Dalle Storie di Erodoto, sembra che la piramide di Chefren sia molto più piccola di quella del predecessore, in realtà le dimensioni sono quasi le stesse.
E’ normale che le informazioni che Erodoto ci fornisce non sono perfette: egli infatti scrive traendo le proprie conclusioni da informatori di ben duemila anni dopo rispetto a Chefren.

piramide-chefren-copia
A Chefren viene attribuita anche la costruzione dell’immensa sfinge di Giza ricavata, a quanto risulta da diverse iscrizioni, dalla medesima cava utilizzata per la sua piramide.
Ci sono diverse rappresentazioni di Chefren, una però è di grandissima importanza: in questa statua, Chefren rassomiglia molto al figlio Micerino.
Ci sono due interpretazioni possibili riguardo al perché la statua sia così simile alle raffigurazioni del successore: la prima è che si tratti di una statua, appunto, di Micerino; la seconda è che sia una somiglianza data dalla mera parentela dei due faraoni.

*Volpe

TERZA LICEO 1939

terza

TERZA LICEO 1939

Autore: Marcella Olschki
Editore: Sellerio editore Palermo
Anno di pubblicazione: 1956

.:SINOSSI:.
Gli anni del liceo per alcuni ragazzi sono anche stati gli anni del fascismo. Gli studenti della III Liceo dell’A. S. 1939, non aderirono alla sostanza di una scuola in cui la mancanza di ogni libertà di scelta autonoma inibiva ogni interesse sincero e meditato. E questa estraniazione, nel contesto del totalitarismo, ebbe effetti di libertà.

.:IL NOSTRO GIUDIZIO:.

Un bel libro, davvero, semplice e, nonostante tutto, profondo al punto giusto.
L’autrice ripercorre con gentile tenerezza gli anni della scuola, raccontandoci di episodi che le sono accaduti per davvero destreggiandosi con estrema abilità tra descrizioni di alcuni suoi compagni e professori ed esperienze che hanno segnato più o meno la sua vita.
Il fatto principale, si potrebbe chiamare fattaccio per come viene trattato non solo dall’autrice, al tempo diciottenne, ma anche dalla controparte, avviene dopo la prima metà del libro. Si tratta di uno scherzo fatto al professore più odiato, uno scherzo che lui, fiero nella sua camicia nera di pubblico ufficiale fascista, interpreta come il più spietato degli insulti e porta la ragazza ad un penoso processo che mette in discussione sia il gioco della ragazza sia le sue origini.
Un fatto che oggi diremmo scandaloso, eppure non così impossibile come vorremmo pensare, che ci mostra la cruda realtà di un regime che ama soffocare la libertà anche in piccoli gesti apparentemente innocenti.

Non mi sento di dare il massimo dei voti a questo libro principalmente perché penso che si sarebbe potuto dare più spazio ad argomenti di alto calibro che, al contrario, vengono trattati in certi casi con superficialità. Comunque è solo un problema di visione tra me e l’autrice e il voto finale è 8/10, quindi ampiamente consigliato.
Chi ama la storia e i racconti di vita vera, non può mancare di leggerlo!

*Volpe