Il diavolo dentro

23318574_10214872244138607_529722550_n.jpg

IL DIAVOLO DENTRO

Autore: Roberto Ottonelli
Casa Editrice: Odissea Digital
Anno: 2017

.: SINOSSI :.

Un salto all’inferno, fin nelle sue viscere, al ritmo veloce e assordante del metallo pesante. Vi sentirete smarriti, ma non potrete fare a meno di arrivare fino all’uscita… sempre che esista. Una storia molto più vera di quanto possa sembrare.
Manuela e Andrea si conoscono in un istituto per minori in un incontro che sembra superficiale e tipico di quell’età. La vicenda umana dei due ragazzini, che nel frattempo percorrono strade differenti, si intreccia con quella di tanti personaggi che conducono Manuela verso l’abisso morale e materiale, incapace di qualsiasi reazione, fino a convincersi di non poter meritare nulla di meglio. Entra a far parte di un gruppo dedito a rituali di ispirazione satanica, che sembra implicato in una serie di nefandezze orribili, da cui non riesce a liberarsi. Il male penetra in profondità nelle anime. Manuela è un essere disilluso e senza speranza, ma, proprio quando tutto sembra perduto, trova, inaspettata, una luce.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Un mondo cupo, terribile e sanguinolento è quello che accoglie le vicende raccontate da Roberto Ottonelli. E’ il mondo dei dispersi e dei disperati, un mondo in cui noi facciamo fatica a credere ma è tutto meno che fantasia.
Le vicende narrate in questo romanzo sono tratte da una storia vera, di cronaca nera, e questo rende ancora più drammaticamente inquietante il testo: la crudeltà e l’orrore sono difficili da digerire quando sono inventati, figurarsi quando veri.
Nonostante le evidenti difficoltà che l’impresa di Ottonelli poteva portare con sé, penso che l’autore se la sia cavata egregiamente portando alla pubblicazione un testo chiaro, ben scritto e che, tramite l’uso della prima persona, predispone il lettore ad una delle immedesimazioni più cupe che mi sia mai trovata a leggere.
Il punto di vista è differenziato, questo ci permette di seguire uno stesso filone narrativo da più punti e la cosa che trovo davvero ben fatta è che ciascun personaggio ha un modo diverso di parlare, pensare e valutare le proprie azioni: c’è chi sembra vedere se stesso da fuori, come Manuela, che sospira e si perde negli abissi del suo dolore; chi si sente al di sopra di tutto, come Michele, schiavo di sé più di quanto non creda; Pietro e la sua terribile e dolorosa follia.
L’azione si svolge lenta eppure frenetica, il romanzo è ricco di colpi di scena e di oscuri segreti.
Resta una domanda senza alcuna risposta: erano davvero solo le droghe ad aver aizzato questi ragazzi?

23316100_10214872245658645_766485829_n

Il mio voto per il romanzo è 8/10, ho trovato lievemente eccessivo, per il mio personalissimo gusto, l’utilizzo di parolacce e la presenza della violenza, ma senza tutto questo, sono certa che il romanzo avrebbe perso completamente il suo valore.
Lo consiglio a chi ama il macabro, i thriller e l’horror, a chi non si fa spaventare da una storia vera.
Questo esordiente, per me, ha davvero fatto il botto!

*Volpe

Pubblicità

Urla nella notte

14962987_325558584474830_2122659712_n

Intorno a lui vi era solo una landa fredda e desolata, pesantemente oppressa dall’oscurità cupa e silenziosa della notte.
Il giovane uomo era apparso all’improvviso, ombra nera che affiorava appena nel nero del cielo notturno, rotto solo da tetri raggi di luna che filtravano a fatica dai varchi nelle nuvole scure.
Era curvo, ripiegato su se stesso come un gracile vecchio, i lunghi capelli corvini a nascondergli il viso pallido e affilato distrutto dal dolore, le ginocchia affondate nel fango semi ghiacciato, le mani a graffiare spasmodiche la dura superficie cercando di soffocare la disperazione che gli attanagliava cuore e anima. Se ancora li possedeva…
Il volto pallido e spigoloso del giovane uomo era solcato da cocenti lacrime che, dall’abisso nero dei suoi occhi, ormai privi di ogni anelito di vita, riversavano sulle guance scavate la sua bruciante e imperdonabile colpa.
Aveva ceduto alla terribile brama, spinto dall’arsura provocata dai macabri racconti del suo odiato Maestro, guidato da un istinto indotto da affilati canini che gli avevano rubato l’umanità e l’amore, per regalargli solo una tremenda immortalità di sofferenza, rimorso e rimpianto.
Il giovane graffiò con violenza la crosta di fango ghiacciata scheggiandosi le unghie e lacerando la pelle delle dita, poi affondò con forza le mani nella terra fredda che presto avrebbe accolto per sempre il suo perduto amore.
All’improvviso la bocca si spalancò con violenza, quasi lacerando le labbra sottili, e il giovane uomo urlò, urlò tutto il suo atroce tormento, la tremenda sofferenza che aveva trattenuto in sé fino a quel momento, compressa in quel lungo, straziante urlo muto che lo soffocava mentre disperato stringeva la donna amata tra le braccia, solo pochi minuti prima, pallida e prosciugata d’ogni linfa vitale.
Urlò la sua insostenibile angoscia, la colpa tremenda che devastava la sua non vita. La colpa dell’assassino che aveva guidato il carnefice dalla giovane vittima inerme e ne aveva fatto un macabro scempio.
L’urlo uscì, gli graffiò la gola e lacerò le labbra sottili, straziandogli il cuore e squarciandogli indelebilmente l’anima, e nella notte oscura il giovane urlò il suo infelice amore appassionato, senza avere il coraggio di implorare il perdono che non meritava, il sangue a macchiargli ancora le labbra.
Urlò, urlò il nome amato nel silenzio agghiacciato della notte nera, affondando con furia le dita insanguinate nel terreno, quasi a scavare una tomba che gli permettesse di raggiungere alfine l’amata, abbandonando sulla fredda superficie, illuminata da tetri raggi di luna, solo l’ombra scura dell’involucro del proprio corpo maledetto, l’anima incrinata ed il cuore infranto per sempre seppelliti con lei, l’unica donna che aveva amato, l’unica donna che avrebbe mai amato.
Per sempre!
L’unica donna che aveva ucciso, suggendone ogni stilla di sangue in una crescente e inarrestabile follia, fagocitato da se stesso e dalla propria maledizione. Aveva giurato di starle lontano, da quella notte funesta in cui era iniziata la sua perdizione e il suo orribile calvario. Aveva a lungo resistito, indebolendosi ogni giorno di più, ma infine era tornato da lei, carnefice di sangue.
Ma non sarebbe mai più accaduto.
Avrebbe trascorso tutte le sue future notti sulla sua tomba, inginocchiato davanti al marmo che ne celava i resti di cui era stato fatto scempio. Da lui, dal mostro che era diventato. Dal mostro che non sarebbe mai più stato.
Chiuse gli occhi, il sangue ad accecarlo e ad assordarlo.
Il sangue di lei, il sangue della donna che amava, il sangue della donna che un mostro aveva ucciso.

Ida Daneri

Ti è piaciuto questo racconto?
Faccelo sapere votandolo sul nostro sito o andando sulla nostra pagina Facebook. Nell’album “Brividi tra le righe” trovi questo e tutti i racconti brevi che partecipano al concorso.

SANGUE E NEVE

91YZOgiH9qL._SL1500_

SANGUE E NEVE

Autore: Jo Nesbo
Casa Editrice: Einaudi
Anno pubblicazione: Originale 2015, Italiano 2016

.:SINOSSI:.

Olav è un killer. Del resto, uccidere è l’unica cosa che gli riesce bene. Dislessico, incapace di fare i conti più semplici, troppo tenero di cuore per fare il protettore, Olav lavora per Hoffmann, il capo della mala di Oslo, ma si considera un free lance. Quando Hoffmann gli ordina di uccidere la sua seconda moglie perché questa lo tradisce, Olav sa che ne verranno solo guai. E quando, anziché ucciderla, della donna Olav si innamora, i guai non possono che aumentare. Adesso Olav è braccato, e così Corina. La sua unica speranza è uccidere Hoffmann prima che questo uccida lui.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO:.

Già il retrocopertina prende, figurarsi il resto!
Avendo già letto un libro di Nesbo ed essendomene innamorata ho pensato che sarei andata sul sicuro ed infatti è stato così: come sempre, con uno stile semplice ma efficace, Nesbo ci presenta una storia molto interessante e particolare in cui si muovono personaggi altrettanto unici.
La professione del killer, personalmente, non l’ho mai assimilata a persone dal cuore tenero, mi aspettavo di trovarmi davanti sempre e solo ad assassini dal cuore di ghiaccio, senza scripoli, poco umani. Bene, Nesbo mi ha fatto cambiare idea facendomi vedere, di nuovo, che le persone sono tali perchè riescono a coprire piacevolmente tutte le sfumature di grigio che vanno dal bianco al nero.
Lo stile, come sempre, è semplice nonostante le difficoltà che ci potrebbero essere nello scrivere in prima perona dal punto di vista di un protagonista particolare come Olav che sa esporci la brutalità di un omicidio e la dolcezza di un cuore innamorato. Personalmente ho trovato particolare e divertente il fatto che in un dialogo con un commesso cinese, il traduttore abbia scritto le “L” al posto delle “R”.

Il mio voto a questo romanzo è un 10/10 pieno! Mi ha fatto emozionare, mi ha tenuto in sospeso fino alla fine e mi ha fatto una bellissima compagnia.
Consiglio questo romanzo a chi ama il Noir o i Gialli, lo sconsiglio, invece, a chi è molto sensibile e odia il sangue o la violenza.

*Volpe

IL PRINCIPE LESTAT

lestat
IL PRINCIPE LESTAT

Autore: Anne Rice
Casa editrice: Longanesi
Anno: 2014.

. : SINOSSI : .

C’è una Voce che solo loro possono sentire. Una Voce che non parla alle loro orecchie, né alla loro mente, ma direttamente al loro sangue. Una Voce di morte. Dolenti e magnifici, specchio oscuro delle nostre più ancestrali paure e del nostro eterno e inappagabile desiderio di immortalità, i vampiri sono tra noi. Vittime delle loro passioni, si muovono seduttivi e terribili nel mondo di oggi come in quello di ieri, scavalcando le ere e i confini geografici nello spazio di un giorno, pronti a scatenare le antiche e potenti forze della notte sul mondo ignaro, pronti a succhiare il sangue umano per vivere… Se può essere considerata vita la loro eterna dannazione. Ma ora qualcuno (qualcosa?) sta colpendo il mondo cristallizzato e terribile dei Non Morti. Da Parigi a Mumbai, da Hong Kong a Kyoto a San Francisco, una Voce misteriosa spinge i Bevitori di Sangue a combattersi tra loro, e sembra essere tornato il tempo dei Grandi Roghi. Anche il Principe Lestat la sente sussurrare e piangere nella propria mente… Che cosa vuole la Voce? Come potrà la tribù dei Non Morti sconfiggere questa forza immane che ha gettato tutti nel panico? Con la sua scrittura immaginifica, visionaria e sontuosa, Anne Rice torna al mondo affascinante dei vampiri, intrecciando le storie dei suoi personaggi più amati: il bellissimo Armand, Mekare e Maharet, Pandora e Flavius, e ancora David Talbot, generale superiore del Talamasca, mentre su tutti domina, pericoloso e ribelle, l’abbagliante principe Lestat, forse unica speranza di salvezza per i Non Morti…

.

. : Il nostro giudizio : .

Non sono mai stata un’amante dei vampiri e del loro mondo e fondamentalmente ho sempre trovato raccapricciante e odiosa l’idea di creature costrette a bere sangue umano per vivere.
La curiosità per questi demoni mi è sorta quando mi è stata proposto di lavorare ad un romanzo dalle tonalità gotiche ed essendo io molto ignorante in materia ho deciso di rimediare con un romanzo della celebre scrittrice d’oltreoceano.
Il primo merito che devo sicuramente riconoscere a questo romanzo, e alla penna che lo ha scritto, è l’avermi stuzzicato l’interesse su questo mondo di sangue e tenebre, principi dannati e anime rosso sangue.
Il secondo ringraziamento va alla scrittrice e alla sua capacità di rendere, con poche ma ben selezionate parole, descrizioni letteralmente mozzafiato, similitudini che sono una vera poesia per gli occhi che non solo legge, ma vede le parole tratteggiare ciò che hanno appena descritto. Davvero bello.
Parliamo ora della trama e del romanzo “Il principe Lestat”.
Il volume rientra nella saga “Le cronache del Vampiro” (libro che oltretutto viene citato più volte e che compare in mano a diversi personaggi intenti a leggerlo) e, come scritto nella sinossi, racconta della minaccia di questa misteriosa Voce e delle misure prese da Lestat e i suoi compagni per farvi fronte e trovare una soluzione.
Di per sé il romanzo non sembrerebbe per nulla inserito all’interno di una saga, ogni personaggio presentato porta con sé una discreta biografia che lo riassume per chi, come me, è una “novizia” senza risultare pesante per chi già lo conosce.
La trama è inizialmente molto lenta, per molti capitoli vi è un gran viavai di nomi e luoghi, incontri nella notte e stragi di vampiro perpetrate qua e là in giro per il globo.
La narrazione è piacevole, con descrizioni bellissime, ma il ritmo è decisamente lento e i personaggi restano piuttosto anonimi a differenza di Lestat che viene ben caratterizzato per consacrare la sua nomea di “principino viziato”.
La trama procede più o meno senza eventi particolarmente eclatanti e pochi colpi di scena (solo uno è in realtà riuscito a lasciarmi a bocca aperta) e accelera, divenendo veramente coinvolgente, solamente negli ultimi capitoli del libro, lasciando un po’ insoddisfatto il lettore che, ormai nel pieno del coinvolgimento, vorrebbe sapere di più.

Il voto che mi sento di dargli è 8/10, il vero neo è stato il ritmo che non mi ha avvinto fino a quando non sono giunta a quella che si potrebbe considerare la resa dei conti finale.
*Jo

Storie da un penny

penny-dreadful-finale

La terza stagione di 3° stagione di “Penny Dreadful” è finalmente arrivata, con grande gioia dei fan che già da mesi scalpitavano per conoscere le sorti dei loro beniamini in continuo equilibrio tra il macabro e il grottesco. La serie tv è infatti incentrata su alcuni personaggi della letteratura ottocentesca inglese: una sorta di crossover in cui Dorian Gray, Mina Murray, e tanti altri personaggi del periodo vittoriano devono barcamenarsi in un mondo popolato da vampiri, spiriti, licantropi e streghe per risolvere i tanti e nebulosi misteri che avvolgono Londra.

Ma cosa sono realmente i Penny Dreadful? Forse molti fan della serie rimarranno sorpresi scoprendo che i loro protagonisti preferiti nascono da quelle che oggi vengono comunemente chiamate fanfiction: storie inventate che utilizzano protagonisti di romanzi di successo messi alla prova con situazioni nuove ed inedite rispetto a quelle presentate nei libri.

L’origine dei Penny Dreadful è inglese e risale alle ultime decadi del XIX secolo. Queste storie, stampate su una carta di pessima qualità e distribuite tra i giovani lettori della classe operaia, regalavano, al costo di un penny, un brivido al loro pubblico raccontando storie macabre, grottesche, gotiche e dalle tinte pulp. L’idea che sottostava ai penny Dreadful, che ebbero una discreta diffusione anche in America e in Italia, era più o meno la stessa dei romanzi a puntate che resero celebri autori come Dickens: gli scrittori, che non godevano certo della fama dei loro illustri colleghi passati alla storia, si potevano considerare dei predecessori degli sceneggiatori che oggi ci regalano serie come “Penny Dreadful”, “Il Trono di Spade” e tutte le altre saghe di cui divoriamo una stagione dopo l’altra. Ogni espediente era valido per tenere alto l’interesse del lettore: flashback, flash foward, suspance, colpi di scena e cliffhanger per tenere il pubblico incollato alle pagine di questo giornaletto che durava giusto il tempo di una pausa tra un turno e l’altro.

Vampiri, assassini, streghe, spiriti, prostitute e altri loschi personaggi cominciarono così a diffondersi nell’immaginario della giovane classe operaia londinese che divorava letteralmente queste storie da un penny scritte il più delle volte in modo sgrammaticato e fin troppo entusiasta.

Cosa ha quindi reso celebre quella che, paragonata al romanzo a puntate, risulta essere davvero una letteratura scadente? Sicuramente il prezzo, decisamente accessibile a chiunque, fece sì che questi volumetti (che non arrivavano nemmeno ad una ventina di pagine) si diffondessero a macchia d’olio tra la classe operaia e la piccola borghesia inglese. Bisogna inoltre considerare che per quanto piene di strafalcioni grammaticali, questa era la sola letteratura che le classi meno abbienti, e quindi le meno istruite, potevano permettersi e quindi anche i gusti dei lettori erano molto meno raffinati rispetto a quelli di un borghese altolocato abituato non solo ad un gergo completamente diverso, ma anche a trame diverse e più ricercate.

I temi trattati erano inoltre molto avvincenti e stuzzicavano parecchio la fantasia e l’immaginazione delle giovani menti i cui orizzonti erano ristretti al quartiere in cui vivevano e lavoravano. Queste fanfiction di bassa lega portavano su queste pagine da poco le avventure dei personaggi di Wilde e di tanti altri e, soprattutto, regalavano ai lettori descrizioni di luoghi lontani, esotici e misteriosi dove il grottesco e il gotico si mescolavano dando vita a trame dove gli spargimenti di sangue, le rivoluzioni, i delitti più efferati e storie di streghe e fantasmi erano all’ordine del giorno. Ad esagerare le tinte pulp di queste storie concorrevano poi gli illustratori che esageravano i personaggi ritratti deformandone i tratti o esagerando le scene più violente rendendole ancora più cruente.

Ma come reagì la società del compromesso vittoriano alla diffusione di questi testi che diffondevano tra il popolo idee rivoluzionarie, violente e decisamente contrarie alla morale imposta dalla bella società dell’ottocento inglese? Ovviamente i Penny Dreadful non erano ben visti dalla borghesia inglese né dalla classe politica che più di una volta tentò di smorzarne la diffusione fallendo miseramente. L’accusa più grave che pendeva sopra questi giornaletti era quella di deviare le coscienze della gioventù inglese facendo circolare storie dalla dubbia moralità e dai contenuti scandalosi ed eccessivamente violenti. La divulgazione di questi piccoli racconti del terrore sembrò infatti essere la causa di alcuni omicidi verificatisi a Londra nel 1895 e causò un aumento dei crimini minori come il taccheggio.

Tutto ciò non fu tuttavia sufficiente a fermare il dilagarsi dei Penny Dreadful, la cui eco non si è sicuramente fermata sulla soglia del XX secolo, ma l’ha scavalcata continuando a influenzare il nostro immaginario con personaggi come Sweeney Todd o i vampiri, che conobbero un discreto successo proprio grazie a queste piccole riviste.

*Jo

1003223_3_0_prm-pennykeyart_1024x640