Tutte le feste…~ Booktag

… si porta via!
Anche quest’anno è arrivata l’Epifania che, secondo la tradizione, tutte le feste si porta via (o almeno ci prova considerdo che i più fortunati hanno ancora due giorni di vacanza prima di tornare ai rispettivi luoghi di lavoro).
Per festeggiare con chi ancora è in vacanza e consolare chi, invece, lavorerà anche oggi, abbiamo pensato di proporvi questa booktag dedicata alle festività dell’anno. Siete pronti? Ovviamente, come sempre, aspettiamo anche le vostre risposte!

1. #NATALE – una raccolta di racconti
JO: Le dame di Grace Adieu di Susanna Clarke
VOLPE: Cronache dalla Val Lemuria di Cristiano Demicheli

2.#EPIFANIAun romanzo con protagonista una o più streghe
JO: Raven Boys di Maggie Stiefvater
VOLPE: Io, Tituba, strega nera di Salem di Maryse Condé

3. #SANVALENTINO- un romanzo con una bella storia d’amore
JO: Promettimi che ci sarai di Carol Rifka Brunt
VOLPE: La maledizione del re lupo di Tessonja Odette

4. #HALLOWEEN- un libro con la copertina nera
JO: La collina dei conigli di Richard Adams
VOLPE: Il mago di Somerset Maughman

5. #1MAGGIO- un libro che non hai finito
JO: La bastarda degli Sforza di Carla Maria Russo (l’ho finito, ma ho saltato interi capitoli)
VOLPE: Un giardino semplice di Paolo Perjone

6. #FERRAGOSTO- un libro da leggere tutto d’un fiato
JO: Il grande quaderno di Agota Kristoff
VOLPE: Organica di Laura Marinelli

7. #PASQUA- un libro che ti ha sorpres*
JO: Promessa di sangue di Brian McClellan
VOLPE: Città di spettri di Victoria Schwab

8. #CAPODANNO- una romanzo che è il primo di una saga
JO: Educazione Siberiana di Nicolai Linin
VOLPE: Una Corte di Rose e Spine di Sarah J. Maas

9. #ONOMASTICO (JOLLY) – Un libro scritto in prima persona
JO: Hunger Games di Suzanne Collins
VOLPE: L’apprendista Assassinio di Robin Hobb

Pubblicità

Art Mages of Lure. L’artista di maledizioni

.: SINOSSI :.

Briar può maledire con un colpo di pennello. I suoi dipinti mutilano, stregano e distruggono: questo è da sempre il suo lavoro e l’attività di famiglia. Ma Briar non vuole più nuocere ed è decisa a iniziare una nuova vita vendendo maledizioni non letali e piccole vendette. Tuttavia i suoi poteri distruttivi non passano inosservati e Archer, criminale che trasuda carisma, la ingaggia per una missione di salvataggio. Briar vi vede l’occasione per fare ammenda dei propri crimini, ma la sua famiglia sarà d’accordo? La protagonista dovrà affrontare le arti oscure che si è lasciata alle spalle e decidere cosa è disposta a distruggere per un futuro diverso. Jordan Rivet arriva in Italia con la rivisitazione di “Robin Hood”. Pronti a scoprire la leggenda nascosta nella foresta?

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Per quanto possa sembrare assurdo, sì: anche questo è un retelling. Questa volta però non si parla dell’inflazionatissimo “La Bella e la Bestia” ma di una storia che, a parte per la sua versione disneyana, ha avuto poco successo: Robin Hood.

E chi non amava Robin Hood? Il ladro gentiluomo che ruba ai ricchi per dare ai poveri, un affascinante volpacchiotto che strega con le sue parole e incanta con i suoi occhioni: sì, avevo una cotta per lui, ok? Voi no?
Ebbene, la parte bella del romanzo è che questa caratterizzazione si riflette bene sul protagonista maschile. Archer è, infatti un ladruncolo dal cuore d’oro, la battuta facile e un sorriso incantevole. Insomma, se dobbiamo fare un paragone letterario – moderno, ok, ma sempre letterario è -, Archer è un personaggio molto simile all’amatissimo Nikolai Lanstov.
A parte Archer e le sue similitudini con Robin, cos’ha “L’Artista di Maledizioni” in comune con la leggenda di Hood? All’apparenza ben poco, ma se si scava un po’ oltre la superficie e si raggiunge il significato profondo dei due testi si può notare che, in realtà, le similitudini sono moltissime. Insomma, al di là di Archer che è un ladro e un arciere e i richiami a cose, situazioni e persone che sono entrate nell’immaginario collettivo post adattamento Disney, si intende.
“L’Artista di Maledizioni” è un libro che parla di crescita, un tema sicuramente super toccato da tutta la letteratura contemporanea e non, e soprattutto di come il passato di una persona non ne determini necessariamente il futuro. Il lettore, infatti, segue la protagonista, Briar, nel suo viaggio verso l’emancipazione dai genitori e da quello che loro le hanno insegnato: fare del male.
Sicuramente questo è il focus principale della vicenda, molto più che la trama avventurosa, la parte romantica o, ancora, il retelling. Quello che l’autrice vuole effettivamente comunicare è che nessuno e niente, nemmeno quello che sembra essere il nostro destino, può dirci chi o cosa dobbiamo essere.

In generale, la trama è intrigante. Non si può dire che sia sorprendente siccome la maggioranza dei colpi di scena sono individuabili sin dalle prime pagine. Nonostante ciò non mi sono annoiata, ero coinvolta dalla lettura e non vedevo l’ora di vedere come sarebbe andata avanti la vicenda. Questo, forse, anche perché il libro tocca uno dei miei tropes letterari preferiti: la found family. Sì, perché nel suo viaggio per emanciparsi da un passato doloro e per allontanarsi da una famiglia con cui non si sente a suo agio, Briar scoprirà che a volte la famiglia non è quella in cui si nasce ma le persone che sono pronte ad accoglierti, capirti e amarti per quello che sei. In questo hanno giocato un ruolo essenziale l’ottima caratterizzazione dei personaggi, in particolare quella dei comprimari.
Sebbene il focus sia infatti sui protagonisti, Briar e Archer, i personaggi secondari hanno un ottimo spessore e a volte risultano quasi più simpatici dei protagonisti (sì, Lady Mae, sto parlando proprio di te!) dando alla vicenda un colore tutto nuovo.

Ma ora, dopo averne parlato così tanto bene, veniamo alle note dolenti perché tutte le rose, per quanto belle, hanno le spine.
Di contro c’è, purtroppo, una carenza nel worldbuilding: il mondo in cui è ambientata la vicenda, una specie di medioevo inglese, è abbozzato e fumoso. In pratica la vicenda potrebbe svolgersi in qualsiasi parte del globo e non cambierebbe quasi niente.
La seconda pecca è, per l’appunto, il sistema magico. Sebbene l’idea generale sia molto intrigante, il lettore viene lasciato a digiuno di tutti quei dettagli utili a capire il vero funzionamento della magia. Non è chiaro, infatti, se si tratti di una dote innata, parrebbe così ma non è mai approfondito, oppure di un’arte che si può apprendere: l’idea di fondo è molto abbozzata e purtroppo, anche se interessantissima, fa perdere un po’ di credibilità alla storia.

In generale il romanzo mi è piaciuto abbastanza e mi sento di consigliarlo. Si tratta di uno Young Adult ben scritto, che segue una trama abbastanza originale e, sicuramente, coinvolgente. E’ un libro che si legge in un soffio e che alla fine risulta essere una lettura piacevole in grado di far sognare e appassionare i lettori in cerca di un fantasy con un pizzico di romance e una buona dose di avventura.
Il voto che mi sentirei di dare, alla luce ovviamente delle critiche che mi sono sembrate doverose anche se inserite in un quadro più ampio genericamente piacevole, è 8/10. Dategli una chances perché questo romanzo merita davvero!

*Volpe

Mercoledì ~ Streaming and Pajamas

.: TRAMA :.
Perspicace, sarcastica e… un po’ inquietante, Mercoledì Addams indaga su una serie di omicidi mentre conosce nuovi amici e rivali alla Nevermore Academy.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

E va bene: parliamo di Mercoledì.
Ennesima serie tv Netflix, Mercoledì riposta sugli schermi la famiglia più grottesca mai vista in televisione o al cinema (siamo tutti concordi sull’ignorare il film d’animazione uscito qualche anno fa? Ottimo).
L’esordio di Tim Burton nel fantastico mondo delle serie tv lascia un po’ delusi, e, personalmente, ho trovato la produzione priva di quel quid che mi ha fatto apprezzare le sue precedenti opere. Ciò che è certo è che, se se la collaborazione Burton-Ortega continuerà, presto potremmo assistere alla ascesa della nuova Helena Bonham Carter.
A differenza delle classiche famiglie del mulino bianco solitamente rappresentata in televisione, la famiglia Addams si distingue fin dalla sua nascita per i tratti gotici e le caratteristiche macabre al limite dell’horror. Con questo presupposto, viene facile pensare che Burton abbia trovato pane per i suoi denti, e, invece, si resta amareggiati da una regia che non ha (quasi) niente di burtoniano.
Parlando di trama e personalizzazione dei personaggi è doveroso fare una precisazione: la serie tv è chiaramente pensata per un pubblico giovane e, tenendo in considerazione il target a cui è rivolta, in generale Mercoledì risulta essere un buon prodotto che non spicca per sagacia, ma nemmeno così banale da risultare un’offesa all’intelligenza dell’adolescente medio.
Per gli spettatori (con gusti) più adulti, invece, la produzione si dimostra senza infamia e senza lode: fin dal secondo episodio è evidente chi sia l’antagonista e, arrivati al finale di stagione, non resta che dire “oh guarda: è come dicevo io”.
Mercoledì e i suoi amici si ritrovano coinvolti in qualsiasi sfortunato evento accada nel raggio di trenta chilometri dalla scuola di Nevermore (una sorta di Hogwarts per sirene, lupi mannari, vampiri e altre creature sovrannaturali dove i ragazzi sono divisi in confraternite segrete (che poi segrete non sono) e gareggiano tra di loro in squadre che hanno i nomi di racconti di Edgar Allan Poe) e la cosa peggiore è che, esattamente come in Harry Potter, la maggior parte delle loro disavventure si conclude nello studio della preside con un “al prossimo errore sei espuls*” senza che ci sia una vera e propria punizione.
Alla fine il personaggio migliore risulta essere Mano: la/il silenzios* aiutante di Mercoledì che comunica attraverso la lingua dei segni (cosa che ho trovato davvero molto carina).

Per concludere: il voto che mi sento di dare alla serie tv è 7.5/10.
Ho molto apprezzato alcune sottigliezze come, per esempio, il cambio cromatico a cui Mercoledì va incontro a sottolineare il suo percorso e la sua lenta ma costante maturazione, così come ho apprezzato la prontezza di spirito di certi personaggi capaci di smettere i panni da semplice spalla per trasformarsi in veri e propri coprotagonisti.
Nonostante queste doverose menzioni, la serie tv non mi ha fatto impazzire e, a differenza di altre che riguarderei volentieri, mi ha lasciato piuttosto indifferente.

*Jo


La maledizione del re lupo

.: SINOSSI :.

Quando uno scandalo le spezza il cuore e le macchia la reputazione, Gemma Bellefleur cerca disperatamente il modo per lasciarsi il passato alle spalle e concedersi un nuovo inizio. E l’occasione propizia sembra presentarsi quando la sua famiglia si trasferisce nella leggendaria Faerwyae, l’isola governata dai fae. Nel tentativo di procurarsi la tanto sospirata indipendenza, Gemma fa un passo falso e viene catturata da un intrattabile lupo fae pronto a tutto pur di spezzare la maledizione che condiziona la sua vita e quella del suo branco. La ragazza quindi è costretta a contravvenire alla regola più importante: mai stringere un patto con un fae. Tra lezioni di ballo e sotterfugi, tra romanzi d’amore e fiocchi di neve, la ragazza e il re lupo si scoprono sempre più simili, e Gemma si ritroverà impegnata in una disperata corsa contro il tempo per salvare il re lupo e tutto il suo branco.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Se amate i fae e i retelling e state disperatamente cercando un romanzo che sia una rivisitazione de “la bella e la bestia” ma non volete leggere “Una Corte di Rose e Spine” (o lo avete magari già letto), questo è il romanzo che fa per voi!

Tessonja Odette si è lanciata nel mondo dei retelling delle fiabe più conosciute con la sua serie entagled with fae di cui La maledizione del re lupo è il primo volume. Si tratta di una saga composta da romanzi stand-alone, ciascuno dedicato a una fiaba diversa: opera perfetta per chi, come me, magari avrebbe anche voglia di leggersi qualche fantasy con tocchi romance ma non sopporta le trilogie.
Tutti i libri della saga saranno ambientati nello stesso mondo, Faerwyae (decidete voi come leggerlo, io le prime volte l’ho letto “Faerwtf” per poi assestarmi su “Fervye”), ossia un’isola in cui fae e umani convivono in maniera abbastanza pacifica.
Questo romanzo ricalca moltissimo la fiaba de La Bella e la Bestia ma, a mio avviso, la rende più adulta e matura: sarà strano da dire, ma alcune scelte mi hanno fatto apprezzare questo retelling ben più della fiaba originale!

Il romanzo è scritto in prima persona, come sapete uno stile narrativo che personalmente non amo molto, ed è ambientato in quella che sembra essere una regency-fantasy era: ci sono balli, feste dell’alta società, scandali, reputazioni da difendere e gare per accaparrarsi lo scapolo d’oro della stagione unite a fate, magia, maledizioni e mistero. La trama è originale, pur essendo molto simile a quella della fiaba che tutti conosciamo: Gemma è una ragazza che vuole lavorare e conquistarsi una indipendenza in una società che la vuole relegata al ruolo prima di figlia e poi di moglie. E’ proprio questa sua ferrea volontà di emanciparsi a dare il via al romanzo: Gemma viene effettivamente assunta da un datore di lavoro piuttosto bizzarro, per altro il solo ad aver risposto alle sue lettere, ovvero un fae senza nome e vittima di una maledizione che però ha disperatamente bisogno di un amministratore per la sua casa.
Ci sono tre punti che, secondo me, vale la pena di approfondire: il primo riguarda la protagonista stessa, il secondo riguarda invece il rapporto tra Gemma e il padrone di casa e l’ultimo è strettamente legato alla trama.
Andiamo con ordine.

Gemma è un personaggio piuttosto credibile nei suoi desideri e nelle sue convinzioni. Sin dalle prime pagine è caratterizzata a dovere: si tratta di una donna, la sua età è oltre i 20 anni e per questo è praticamente considerata una zitellona nella società in cui vive, che sa quello che vuol, ovvero essere libera. Questo è il suo drive personale e, senza fare spoiler di alcun genere, non la abbandonerà mai nemmeno mei momenti più critici della trama.
La coerenza dei personaggi è importantissima e, per fortuna, Gemma è estremamente coerente. Altra chicca: non solo dice di essere una lettrice avidissima ma, a conti fatti, lo è! Più volte nel corso del romanzo la sorprendiamo a leggere e lei ci racconta quali sono le sue emozioni durante la lettura: questo vuol dire che l’autrice ha voluto caratterizzarla in modo attivo, ovvero mostrando al lettore comportamenti da lettore, piuttosto che in maniera passiva e con il solo fine di renderla simile a Belle. Personalmente è una scelta che ho apprezzato moltissimo.
La seconda cosa è, appunto, il rapporto che si crea tra Gemma e il padrone di casa: come avrete già capito, Gemma non è prigioniera del fae ma lavora per lui. Questa, a mio avviso, è una scelta ottimale che si coniuga perfettamente con il drive principale della protagonista ovvero la sua voglia di essere libera.
Terzo e ultimo punto: il romanzo non è mai noioso. Succedono tantissime cose proprio grazie al fatto che la protagonista è libera e ha grandissima autonomia all’interno della casa del suo fae. Per di più alcune scelte, che non posso dire altrimenti diventerebbe un enorme spoiler e non una recensione, sono a mio giudizio geniali.

In conclusione, il romanzo mi è piaciuto davvero molto. Si tratta di un libro ben scritto e ben studiato che, sebbene segua molto il tracciato de La Bella e la Bestia, spesso ne esce in maniera originale dando tutto un altro sapore al classico che tutti noi conosciamo e amiamo.
Il voto che mi sento di dare al libro è 8.5/10. Per quanto mi sia piaciuto, cosa che sicuramente dalla recensione è passato, per me era un po’ troppo romantico: diciamo che ha comunque avuto il pregio di tenere alto il mio interesse per tutto il tempo perché per fortuna, nonostante ovviamente la storia d’amore fosse piuttosto centrale, il via vai di personaggi, intrighi e inganni era così interessante da non permettermi di lasciare andare il romanzo neanche per un secondo. L’autrice ha ottime capacità di scrittura e, anche se il romanzo non brilla sempre per originalità, sa come tenere il lettore a sé. Non vedo sinceramente l’ora di leggere tutti i volumi perché se somigliano anche solo vagamente a questo ci sarà tanto di cui parlare.

*Volpe

La lotteria

.: SINOSSI :.

Il racconto di Shirley Jackson intitolato “La lotteria” ricorda da vicino, per la fama che lo circonda, la famigerata lettura radiofonica della Guerra dei Mondi di Orson Welles. Fama non immeritata, giacché la pubblicazione sul “New Yorker” nel 1949, scatenò un pandemonio. Molti lo presero alla lettera, reagendo all’istante e poi per lungo tempo con missive indignate o atterrite alla redazione. Certe cose non potevano, non dovevano succedere. Eppure la storia si presenta in tutta innocenza quale pura e semplice descrizione della lotteria che si svolge nell’atmosfera pastorale, quasi idilliaca, di un villaggio del New England in un luminoso mattino di giugno, come ogni anno da tempo immemore. Ma giunto al termine di questo racconto, come degli altri che compongono l’intensa silloge qui proposta, il lettore scoprirà da sé, in un crescendo di “brividi sommessi e progressivi” – come diceva Dorothy Parker che cosa li rende dei classici del terrore. Secondo un altro illustre ammiratore della Jackson, oltre che maestro del genere, Stephen King, lo sono perché “finiscono con una svolta che porta dritto in un vicolo buio”.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Ho preso La Lotteria, raccolta di racconti di Shirley Jackson edita Adelphi, a causa della prima frase del racconto che dà, appunto, il titolo alla raccolta. “La mattina del 27 giugno…” recita la prosa, ed era proprio una mattina di un 27 giugno quella in cui ho letto questo incipit.
L’ho preso come un segno del destino, ho comprato il libro e l’ho lasciato sulla libreria fino ad ora quando, finalmente, non ho deciso di leggerlo.

Mi aspettavo altro. La sinossi, leggermente fuorviante, mi aveva convinta che la lettura sarebbe stata inquietante, ansiosa, meravigliosamente ottobrina. In realtà è stata una lettura abbastanza leggera: sì, la prosa ha delle componenti ansiose che spingono il lettore a leggere sempre più freneticamente per comprendere cosa stia accadendo. Sì, l’autrice ha uno stile impeccabile, in grado di creare con pochi aggettivi (per fortuna, anche nelle descrizioni Jackson con abusa mai di questo potentissimo strumento) un clima bizzarro, fastidioso.
Eppure non abbastanza, almeno per me, per farmi emozionare davvero. E’ stata una lettura che è rimasta in superficie, che non mi ha colpita e sarà destinata, purtroppo, a perdersi nella memoria piuttosto che a rimanere. Lo considero un vero dispiacere e per questo spero di tornare su questa raccolta tra qualche anno, con meno aspettative, e poterla apprezzare un po’ di più.
Non è un brutto libro, solo che le aspettative erano altissime: presentato come un libro che ha fatto scalpore tanto quanto “La Guerra dei Mondi”, mi aspettavo qualcosa di terribile che mi avrebbe scosso fin nelle ossa e, ovviamente, quando non è stato così la delusione ha preso il posto dell’eccitazione.

So di essermi approcciata alla raccolta con l’animo sbagliato: la scrittura di Jackson è bellissima, la sua prosa immaginifica e in effetti i racconti scorrono velocissimi uno dietro l’altro. Purtroppo, però, non mi hanno emozionata quanto avrei voluto e, siccome sono una lettrice che ama emozionasi, questo rende il libro un po’ meno bello ai miei occhi.
Il voto finale è un 7.5/10. Un voto nella media, tutto sommato. Consiglio di leggere la raccolta senza altissime aspettative, così da poterla, forse, apprezzare un po’ di più.

*Volpe

Pandora

.: SINOSSI :.

Londra,1799. Un tempo rinomato, l’Emporio di Antichità Esotiche dei Blake, racchiuso fra un caffè e la bottega di un merciaio, ha da offrire soltanto opere contraffatte, armature scalcagnate e ninnoli privi di valore da quando è finito nelle mani di Hezekiah Blake dopo la tragica morte di suo fratello Elijah. Stimati archeologi e collezionisti, Elijah Blake e sua moglie Helen sono rimasti uccisi dal crollo di uno scavo in Grecia. L’incidente ha lasciato illesa Pandora, la figlia della illustre coppia, ma ha determinato la sciatta decadenza dell’Emporio, rapidamente divenuto una bottega di polverose cianfrusaglie nelle mani sbagliate di Hezekiah. Gli anni sono passati e Pandora, detta Dora, è ora una giovane donna che sogna di diventare un’artista orafa. Un sogno che lei coltiva con caparbietà mentre trascorre le sue ore nell’Emporio in cui l’inettitudine e l’oscura attività dello zio trascinano sempre più il nome dei Blake nell’infamia e nell’oblio. Un giorno, di ritorno al negozio, una scena spaventosa si schiude davanti agli occhi della ragazza: di fronte all’Emporio giace, ribaltato, un carro. Il cavallo, sdraiato sul fianco, sembra illeso, Hezekiah, invece, è intrappolato sotto l’animale. Attorno a lui tre uomini malvestiti, con il terrore negli occhi e l’odore salmastro dei marinai addosso, armeggiano e imprecano alla scalogna mentre fissano una cassa incrostata di molluschi rimbalzata sul selciato. Nei giorni successivi Hezekiah, malconcio e sospettoso, chiude la cassa a chiave nello scantinato e vieta alla nipote di accedervi. Che cosa c’è in quella cassa? Perché Hezekiah è impallidito quando la nipote glielo ha domandato? E per quale motivo ordina a chiunque di non mettere piede nello scantinato?
Incapace di tenere a freno la curiosità, Dora si avventura nello stanzino buio e umido per imbattersi in qualcosa che cambierà per sempre la sua vita. Ambientato nella Londra georgiana, in cui splende l’astro del neoclassicismo e si diffonde l’irresistibile attrazione per il mondo antico, Pandora è un avvincente mystery tradotto in numerosi paesi e acclamato dai lettori, catturati da una scrittura capace di ricreare in ogni dettaglio lo spirito di un’epoca affascinante e di una storia d’amore e di inganni, di segreti e speranze. 

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Pandora è il libro esordio di Stokes-Chapman: si tratta di un romanzo ben costruito, interessante e intrigante, in cui mitologia e mistero si fondono sullo sfondo dell’Inghilterra di inizio ottocento.
E’ un romanzo che mi ha incuriosita e la trama, sebbene presenti qualche piccola ingenuità, mi ha tenuta letteralmente incollata: dopo mesi in cui non riuscivo a trovare una storia appassionante, questo libro è stato una vera e propria ventata di aria fresca!

Ovviamente, sebbene sia stata una lettura piacevolissima, non è un romanzo perfetto: si vede che è il primo libro di questa scrittrice che, però, dimostra grandissimo talento. Sono certa che in futuro i suoi romanzi saranno ancora più belli, originali e intriganti di questo!
La trama, in generale, fila via liscia e senza intoppi: non ho trovato parti noiose o superflue. Chiaramente rallenta un po’ verso il centro per poi accelerare verso la fine, ma trattandosi di un romanzo dai toni mystery lo trovo assolutamente appropriato. I personaggi sono interessanti e quasi tutti abbastanza approfonditi: partendo da Dora, la protagonista, fino ad arrivare all’antagonista principale, il lettore riesce a conoscere i dettagli della loro psiche e seguirne le motivazioni così da poter, in un certo senso, scegliere da che parte stare. Anche se leggermente macchiettistici, e mi riferisco in particolare all’antagonista che presenta una caratterizzazione tendente al disneyano, i personaggi sono comunque molto interessanti. Il mio preferito è Cornelius che, pur non essendo uno dei protagonisti, è una figura fondamentale all’interno della trama: nonostante il colpo di scena che lo riguarda sia pressoché ovvio fin dal primo incontro con il personaggio, l’autrice è riuscita a renderlo interessante e a seguirne bene l’evoluzione psicologica.
A rendere il romanzo un po’ meno bello sono alcune ingenuità legate alla scrittura. Il libro presenta una quantità smisurata di “!” e “…” all’interno della prosa che rendono la scrittura a tratti quasi infantile: nella maggioranza delle situazioni, la punteggiatura poteva essere semplicemente eliminata o, al massimo, sostituita da una riformulazione della frase che avrebbe reso meglio l’emozione provata dai protagonisti. Un vero peccato, perché onestamente Stokes-Chapman è davvero molto brava nelle descrizioni, specialmente in quelle degli ambienti che risultano visibili e tangibili sia nel loro aspetto fisico che in quello olfattivo o uditivo.

In generale, il romanzo mi è piaciuto davvero molto. “Pandora” è coinvolgente, interessante, cattura il lettore perché l’autrice è riuscita a inserire il mito del vaso di Pandora alla perfezione nella sua trama giocando molto con la fantasia dei suoi lettori. Leggendo Pandora ci si chiede in continuazione se la maledizione di cui tutti parlano sia vera oppure solo frutto dell’immaginazione dei protagonisti: questo è un dubbio che coinvolge il lettore dalla prima fino all’ultima pagina. Ho apprezzato moltissimo il fatto che nel romanzo la protagonista conoscesse il greco: Pandora, infatti, ha origini anglo-elleniche e la lingua, in questo caso, è stata utilizzata molto bene per dare spessore al personaggio e renderlo forse anche più credibile.
In generale, mi sentirei di consigliare il libro a chi ama la mitologia greca ma vuole una storia che non sia un retelling quanto piuttosto un’originale racconto all’interno del quale si fa riferimento al mito di Pandora. Lo consiglio anche a tutti coloro che si sentono “bloccati” in una situazione che non gli appartiene: la storia di Dora è proprio quella di una donna che cerca di emanciparsi in un mondo che non la vuole libera. In questo caso ho anche prezzato la love story tra i due protagonisti, forse perché è solo accennata e lasciata da parte rispetto alla trama principale nonostante comunque sia presente.
Il voto finale che mi sento di dare al romanzo è 8.5/10. Ci sono, appunto, cose che lo avrebbero reso migliore ma devo essere sincera dicendo che comunque è una lettura che ho apprezzato tantissimo.

*Volpe

Città di Spettri

.: SINOSSI :.

Da quando Cass è quasi annegata (sì, va bene, è veramente annegata, ma non le piace ripensarci), è in grado di attraversare il Velo che separa i vivi dai morti… e accedere al mondo degli spiriti. Persino il suo migliore amico è un fantasma. Insomma, la faccenda è già piuttosto strana. Ma sta per farsi ancora più strana. Quando i suoi genitori vengono ingaggiati per girare un programma televisivo dedicato alle città infestate, tutta la famiglia si trasferisce a Edimburgo, in Scozia. Dove cimiteri, castelli e vicoli sotterranei pullulano di fantasmi irrequieti. E quando Cass incontra un’altra ragazza che condivide il suo stesso “dono”, si accorge di avere ancora molto da imparare sul Velo, e su se stessa.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Città di Spettri, primo volume di una trilogia, racconta delle avventure scozzesi di Cassidy Blake una tredicenne che da quando è quasi morta può vedere i fantasmi e attraversare a suo piacimento la soglia che separa il mondo dei vivi da quello dei morti.
Il libro, un volume molto piccolo che supera le trecento pagine soltanto grazie al formato scelto dalla casa editrice, si lascia leggere e alla fine risulta essere una lettura davvero piacevole. Si tratta di una storia dalle sfumature gotiche e horror ma per ragazzi: questo significa che, anche nei momenti più cupi, il libro non fa assolutamente paura e anzi risulta una lettura piuttosto leggera.

La scritturati Schwab è adatta al pubblico di riferimento: il libro è facile da capire e dinamico tanto che volendo lo si può terminare anche in una sola seduta rendendolo adatto a quei pomeriggi autunnali in cui si ha voglia di una seduta di lettura intensiva e coinvolgente.
I personaggi sono caratterizzati abbastanza bene anche se tutti tendono a scivolare verso un archetipo preciso: Cassidy è il tipico eroe, Jacob la spalla comica, Lara il mentore; e così via. Si tratta comunque di una tendenza non invasiva e non eccessivamente stereotipata che, anzi, aiuta a fissare i personaggi nella memoria del lettore.
Le descrizioni dei luoghi sono abbastanza buone: ho visitato personalmente Edimburgo molti anni fa e, in certi momenti, era un po’ come essere di nuovo lì. Sono comunque scritte in maniera molto semplice, non eccessivamente caratterizzate, quindi se si cerca un romanzo in cui le descrizioni e le atmosfere sono preponderanti sicuramente questo non è la scelta migliore.
Il romanzo è caratterizzato da numerosissimi riferimenti pop, in particolare ai fumetti Marvel e DC e ad Harry Potter: ho trovato la scelta adattissima per rendere il romanzo ancora più interessante e inserito nel contesto contemporaneo. Cassidy è oggettivamente una ragazzina come tutte le altre, ha passioni come tutte le altre e le mostra anche tramite questi piccoli riferimenti che ho trovato azzeccati.

Il romanzo è bello, non memorabile, ma incuriosisce tanto che ho immediatamente deciso di leggere i seguenti. Si tratta di storie piacevoli, semplici e leggere, adatte sia a lettori molto giovani sia adulti che hanno voglia di qualcosa di non impegnativo (io personalmente li ho letti durante la stesura della tesi). Una delle pecche più grandi, però, e che non mi permette di assegnare al libro un voto superiore a 7.5/10 sono i numerosissimi errori di battitura. Non è accettabile che in un libro pubblicato da una grande casa editrice, ma in realtà neanche da una piccola CE, si trovino così tanti errori ortografici!
Ultimo, ma non meno importante, è la tendenza sporadica e spesso assolutamente insensata che ha la protagonista di riferirsi direttamente al lettore. Succede solo in due punti specifici e questo rende l’atteggiamento assolutamente non coerente.

*Volpe

La stirpe e il sangue

.: SINOSSI :.

Vlad III Dracula non si è mai nutrito del sangue delle sue vittime. Radu, nato nel 1442 nel villaggio devastato dai turchi di Murad, sì. Dietro alla leggenda del principe delle tenebre c’è una storia, questa storia di un bambino affetto da una strana anemia. Sopravvissuto all’incendio del villaggio grazie alla madre e alla sorella Anna, crescerà irridendo la morte che sembrava dovesse coglierlo nei primi giorni di vita. I tre, salvati nella foresta da un boiardo violento che li porterà nella sua casa per sottometterli, dovranno rialzarsi facendosi forza l’un con l’altra e infrangendo ogni regola. La loro è la storia di una scalata che rovescia il potere e lo affoga nel sangue. La sopravvivenza come codice morale, l’amore come unica gomena. E a legarli, sopra ogni cosa, il rito del sangue.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

La Stirpe e il Sangue, romanzo di Lorenza Ghinelli, è una favola dalle tinte gotiche che prende ispirazione dalle leggende che circondano la figura di Vlad l’impalatore. E’ un libro molto forte il cui cuore è composto da violenza, rabbia e vendetta, tutte emozioni che caratterizzano soprattutto Maria e Anna protagoniste di più della metà della vicenda: mi è piaciuto il modo in cui Ghinelli ha costruito questi sentimenti negativi, soprattutto perché li ha fatti crescere assieme ai personaggi rendendoli sempre più forti e presenti.

Il romanzo presenta una narrazione episodica: il lettore non segue i protagonisti giorno per giorno quanto piuttosto “momento critico dopo momento critico”, a volte anche con salti di anni. La violenza è il centro di questo tipo di narrazione: i capitoli si interrompono e ricominciano seguendo uno schema che vede una quotidianità, bella o brutta che sia, interrotta da un episodio violento che va a costruire o rafforzare il sentimento di odio, rabbia e vendetta che anima i tre protagonisti.
Accanto a questo primo topos c’è, ovviamente, quello del sangue. In questo caso però, al di là della connotazione ovvia di sangue come linfa vitale, vorrei soffermarmi sul sangue visto come sinonimo di famiglia: a plasmare Radu è la presenza costante di Maria e Anna che, con la loro tenacia, proteggono il bambino e gli insegnano non solo ad amare ma soprattutto ad odiare. La famiglia di Radu è composta da tre generazioni di donne ciascuna delle quali gli trasmette una cosa diversa: c’è la “nonna”, un personaggio bizzarro che spiega a Radu come diventare davvero se stesso; la madre che insinua nel bambino furbizia e vendetta; e la sorella che invece rappresenta, oltre che l’odio, la protezione.

I personaggi sono pochissimi: si contano letteralmente sulle dita di una mano o poco più. In generale i personaggi meglio caratterizzati sono quelli femminili: le donne di questo romanzo presentano una forza notevole che si esprime non solo attraverso i loro sentimenti che sono potenti e molto presenti sia in senso negativo che positivo ma anche attraverso le numerose decisioni che sono obbligate a prendere. Sono donne che sanno quello che vogliono e sanno come ottenerlo ed è questa tenacia che insegnerà a Radu come stare al mondo.
I personaggi maschili, al contrario, sono più bidimensionali e caratterizzati quasi tutti dalle stesse pulsioni: sembra che nessun uomo, Radu a parte, possa svincolarsi dalla violenza.

E’ un libro che mi ha presa e ho letto molto velocemente: ho amato rifletterci sopra e trovarmi in compagnia di Anna e Maria che, con la loro forza, si sono scavate un posticino nel mio cuore. La scrittura è ottima, abbastanza onirica e questo stile, unito alle illustrazioni all’inizio di ogni capitolo, fa somigliare questo libro più ad una fiaba che ad un romanzo.
In generale mi sento di dargli 8.5/10 come voto. Avrei preferito una narrazione con personaggi un po’ più diversi tra loro anche se ho apprezzato il protagonismo della parte femminile e la connotazione sia di protettore che di vendicatore che Ghinelli ha dato loro.

*Volpe

La piccola conformista

.: SINOSSI :.

La piccola conformista è un romanzo quasi completamente affidato alla voce di un personaggio. Basta sfogliare qualche pagina, leggere le prime righe, ed eccola lì l’eroina della storia, Esther Dahan. Comica, senza freni inibitori, tagliente, forse indimenticabile. Esther è una bambina intimamente conservatrice, si autodefinisce «di destra» e si è trovata a crescere in una famiglia di sinistra negli anni Settanta a Marsiglia. Da irriducibile reazionaria sogna l’ordine, il rispetto delle regole, i «vestitini blu» delle brave ragazze cattoliche, desidera una vita inquadrata dalla normalità. In casa sua, a parte lei, tutti sono eccentrici, girano nudi, si lanciano piatti quando litigano, rifuggono regole e comportamenti conformisti, perbenisti, benpensanti. La madre, atea, anticapitalista e sessantottina, lavora come segretaria al municipio. Il padre è un ebreo francese nato in Algeria, ed esorcizza l’ansia di un prossimo olocausto stilando liste maniacali di compiti da svolgere. Si aggiungono poi un fratello minore iperattivo e i nonni paterni, che vivono nel ricordo nostalgico del glorioso passato nell’Algeria francese e trascorrono le giornate giocando alla roulette con i ceci, che serviranno poi a cucinare il cuscus domenicale. L’esistenza di Esther subisce una svolta quando i genitori, imprigionati nelle loro contraddizioni, decidono inspiegabilmente di mandarla in pasto al nemico, ossia in una scuola cattolica nel quartiere più borghese di tutta Marsiglia. Esther trova forse il suo paradiso personale, osserva e riflette sullo stile di vita dei genitori, dei nonni, delle compagne così diverse da lei, fin quando un segreto custodito a lungo metterà tutto in discussione. La comicità può raccontare anche gli aspetti più oscuri degli individui, l’ironia e la lucidità possono sondare il mistero della felicità e del dolore. In questo romanzo il desiderio di voler essere come tutti gli altri fa esplodere ogni logica parentale e ogni lessico familiare, e la quotidiana follia e normalità di una famiglia diventano lo strumento di un’appassionata ricerca di vita e di verità, con un sorriso a rischiarare il buio.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Ho scelto questo libro così, di istinto, dopo averne letto le prime pagine in libreria. La scrittura era promettente, la trama sembrava voler accompagnare il lettore verso una satira sociale contemporanea che, sinceramente, avevo davvero voglia di leggere. In più era brevissimo: proprio perfetto per un viaggio in treno, insomma!

Ebbene, le prime pagine mi avevano preparato a tutto (e con di tutto intendo dire non solo la rivoluzione casalinga di una bambina, ma anche un vero e proprio omicidio) ma non a quello che poi il libro è diventato: una storia tristissima, fatta di violenza, rabbia, gelosie e ossessioni. Da questo punto di vista, l’autrice ha fatto un lavoro ottimo: come un ragno, ha attirato l’ignaro lettore nella sua tela stimolando la sua fantasia con una ironia promettente; poi, lentamente, ha inserito in un quadro ironico, e a tratti geniale, il dramma che vuole davvero raccontare. L’ossessione, la malattia e la morte sono i pilastri di una narrazione che si fa sempre più cupa. Verso la fine il libro mi ha quasi fatta arrabbiare: non perché si tratti di un romanzo brutto ma perché l’incapacità dei personaggi di risolvere le situazioni in cui sono incastrati è talmente umana da risultare quasi frustrante.
Mano a mano che la trama prosegue, il lettore si rende conto delle numerose stranezze che caratterizzano i genitori della protagonista. All’apparenza sessantottini doc con un animo rivoluzionario e fuori dal comune, nascondono un lato oscuro che si fa via via più opprimente fino a soffocare la trama stessa. Il lettore, accompagnato dalla voce narrante di Esther ancora bambina, ripercorre un dramma famigliare in cui non può intervenire ma che farebbe di tutto per evitare.

La scrittura è piacevole e scorrevole: il romanzo è raccontato dal punto di vista di una bambina e il lessico è adeguato alla giovane, geniale e molto prevenuta protagonista. Devo ammettere che è stato difficilissimo empatizzare con i personaggi e solo la madre di Esther a un certo punto mi ha suscitato abbastanza pena da farmi essere triste per lei e la situazione in cui era incastrata.
Insomma, è davvero un libro che si legge facilmente e, nonostante la trama che si fa via via più pesante, di grande compagnia. Mi sento di dare a questo libro un 8/10: mi è piaciuto, eppure non riesco ad annoverarlo né tra quei libri che mi hanno lasciato qualcosa di importante né tra quelli che mi hanno coinvolta fino in fondo.
Consiglio comunque la lettura: permette di avere una visione piuttosto chiara della Francia degli anni post-sessantotto!

*Volpe

Gli occhi del Corvo

.: SINOSSI :.

Occhi di brace brillano nel buio di una notte che sembra eterna. Le voci gracchianti di mille corvi turbano la quiete della tua vita. La figura è accanto a te, appesa ai tuoi pensieri, mostruoso essere che sorge dagli inferi del tuo io. Gli occhi del corvo seguono ogni tuo passo. Ti spiano. Si insinuano nelle cesure tra veglie e sogno. Fanno capolino in un libro. Emergono dall’inchiostro dei sogni. Sono accanto a te e la loro incosciente danza ti conduce alla soglia della pazzia…. o è un mondo nuovo che si apre, come una voragine sotto i tuoi piedi? Gli occhi del corvo raccontano storie. Seminano indizi su quella storta strada e ti sussurrano “seguimi”. A te la scelta… se andare con loro e lasciare che il delirio di quello sguardo danzi dentro di te od opporti, aggrappandoti alla realtà come se fosse l’ancora di salvezza. Un viaggio onirico, affascinante, insensato attraverso le ombre che si agitano nella nostra mente. Sono gli occhi del corvo che rapiscono e ammaliano i tuoi sensi addormentati.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Il libro di Duma è complesso, contorto, scritto con l’intento di prendere il lettore di sorpresa già dal primo capitolo: non ci vuole tanto perché il lettore, infatti, si scontri con i repentini cambi di punto di vista che accadono così, senza nessun avvertimento.
Questo richiede una maggiore attenzione durante la lettura, tuttavia non crea confusione: non è difficile comprendere quando il personaggio cambia, basta fare un po’ di attenzione ai segnali che l’autore dà. I diversi punti di vista sono descritti abbastanza bene, le differenze sono in genere notevoli e accompagnate da dettagli del mondo che permettono di identificare i diversi personaggi.
La sola cosa che non ho apprezzato di questa tecnica narrativa è il fatto che i punti di vista a volte siano in terza persona e altre volte, invece, in prima. Per mantenere coerenza avrei puntato su uno dei due, soprattutto considerando il finale.

La trama è complicatissima, ma si svolge quasi del tutto negli ultimi capitoli: infatti dopo una iniziale partenza con il botto, l’autore si arena su alcuni dettagli che fanno procedere la narrazione più lentamente. Una volta superato questo piccolo scoglio, tuttavia, la trama torna ad essere scoppiettante.
I capitoli centrali del libro sono utili, solo che a volte sono ridondanti: in questo caso la tecnica dei diversi punti di vista rema contro l’autore costringendolo a riportare interi paragrafi da un personaggi all’altro.

I personaggi, una manica di adolescenti tra cui spiccano per complessità tre trentenni, sono abbastanza diversi l’uno dall’altro. Non posso dire di averne uno preferito, coinvolti in una macchinazione decisamente più grande di loro, sono tutti ugualmente vittime, o per meglio dire marionette, e quasi nessuno riesce ad agire in maniera concreta per cambiare il proprio destino o quello del mondo.
L’unico personaggio che devo dire mi ha leggermente infastidita è Yamasaki, un giapponese che si muove in una città lontana situata più o meno sulla costa occidentale dell’America. Si tratta di un personaggio egocentrico in cui le caratteristiche principali sono il razzismo e il pessimo: non proprio l’amico che uno vorrebbe avere.

Ammetto che arrivata a metà era estremamente perplessa: troppe cose sembravano strane persino per un libro weird (e, in questo caso, con strane intendo dire assolutamente non credibili neanche nella finzione narrativa). Per fortuna, a rimettere insieme i pezzi e a correggere quelle storture ci ha pensato il finale: gli ultimi capitoli, dedicati alla risoluzione del problema, sono intensi e soprattutto interessanti.
Il voto finale che mi sento di dare a questo romanzo è 7/10. Si tratta di un libro ben scritto che rientra appieno, sia come trama sia come stile di scrittura, nel genere weird. I problemi segnalati sopra, tuttavia, non mi permettono di dare un voto più alto. Consiglio di approcciarsi con una certa apertura mentale a questo romanzo perché i temi trattati non sono sempre politically correct.
Il libro mi ha messo inquietudine e senso di smarrimento. Mi ha fatto perdere durante la lettura, nonostante io non sia riuscita a immedesimarmi in nessuno dei personaggi. Soprattutto, e questo ve lo garantisco, non guarderò mai più i corvi nello stesso modo.

*Volpe