Tra le stelle con Arcadia – L’oroscopo dei lettori

15871515_934014116735609_494218882897412938_n

Il nuovo anno porta sempre qualche novità e ci offre sempre nuove esperienze ed avventure.
Per un topolino di biblioteca, l’anno nuovo significa altri 12 mesi di novità in libreria, di titoli da aspettare con ansia, di ore passate in libreria e biblioteca a cercare il romanzo dei propri sogni. Questa ricerca non è affatto facile e il più delle volte può portare ad un senso di frustrazione quando, per l’ennesima volta, ci imbattiamo in un testo che non ci rapisce o torniamo a casa dalla libreria senza aver trovato quel libro in grado di farci vibrare il cuore e l’anima.
In questi casi, quando l’occhio e il cuore sono drogati dalle sensazioni che una visita in libreria ci regala, ci si può affidare alle stelle.
Il nostro segno zodiacale può infatti suggerirci quale sia il romanzo più adatto a noi e tenerci alla larga da quei titoli che non soddisferebbero i nostri gusti letterari.

Ariete
Gli Ariete sono persone originali ed organizzatori: amano prendersi cura di persona della situazione che stanno vivendo. Sono coraggiosi e impulsivi quasi fino all’eccesso. Un bene o un male? Forse entrambi.
L’Ariete è un lettore vorace, amante delle trame scattanti e che regalano numerosi colpi di scena o costringono il protagonista a confrontarsi con situazioni impreviste.
Un buon libro di avventura può soddisfare i gusti del lettore Ariete. Se avete già divorato i romanzi i classici di Verne e Stevenson, allora potreste trovare di vostro gradimento “Metro 2033” di Dmitrij Gluchovskij (2005).

15894647_934014143402273_3685914552773586982_n

Toro
Più possessivo e testardo di un toro, c’è solo un altro toro. Magari non sono i più svelti al mondo, ma è indubbio che chi è sotto il segno del toro se impara qualcosa non lo dimentica molto facilmente e la sua pazienza e tenacia sono davvero invidiabili.
Il Toro è un lettore possessivo e geloso, con i suoi libri ha un rapporto “carnale” e ne conosce non solo la storia stampata, ma anche la storia che ogni libro ha scritta tra le pieghe, le sottolineature delle pagine e i graffi sulla copertina.
Questi lettori, che sembrano sibilare“il mio tessoro!” ogni volta che qualcuno gli chiede in prestito uno dei loro libri, troveranno sicuramente interessante il romanzo “L’ultimo cacciatore di libri”di Matthew Pearl (2016).

15873441_934014216735599_1225773437301698448_n

Gemelli
I nati sotto il segno dei Gemelli sono intuitivi, svelti, svegli e amano conoscere le cose anche le più disparate e forse inutili. Non sono permalosi e non sanno tenere troppo a lungo il muso, tuttavia sono proprio presuntuosi: forse è dovuto al fatto che si sentono più intelligenti della media?
La loro arguzia li rende dei lettori amanti della suspense, del mistero e degli intrighi: si perdono volentieri tra le pagine di un bel giallo o di un romanzo che regali loro un arcano da svelare e una trama che li “costringa” ad indagare accanto ai protagonisti. Chi meglio del signore del giallo potrebbe soddisfare i gusti di questi lettori?  “Il mastino dei Baskerville” di Sir Arthur Conan Doyle (1902) ha tutti gli elementi per diventare uno dei romanzi preferiti dei lettori nati sotto il complicato segno dei Gemelli.

15825923_934014293402258_8449909634914232347_n

Cancro
I Cancro sono molto timidi e nascondono spesso i loro sentimenti in un mondo tutto loro a cui nessuno può accedere. Sono molto inclini alla difesa del nucleo famigliare e non amano particolarmente ciò che è esterno o nuovo. Sotto una corazza, nascondono quindi un animo sensibile e dolce, pronto a tutto per salvaguardare il benessere dei loro cari.
Essendo sposati con la loro routine, anche in fatto di letteratura i lettori Cancro tendono a non azzardare troppo e tra un esordiente ed un classico prediligeranno sempre il secondo. Il loro animo nascosto e sensibile fa apprezzare a questi lettori anche romanzi più sentimentali, romantici o con sfumature bohémien: libri che, tra un capitolo e l’altro, riescono a strappar loro qualche lacrima. Se siete a caccia di emozioni e di una storia d’amore toccante, ma non sdolcinata, il romanzo “Promettimi che ci sarai” di Carol Rifka Brunt (2014) non vi deluderà.

15873293_934014316735589_5178520216553174862_n

Leone
Notoriamente, il leone è il simbolo della forza e del potere. I leone sono molto coraggiosi tendenzialmente sono dei leader nati, anche se non è detto che questa caratteristica si rifletta nella vita reale.
Inducono tanta fiducia e ispirano coraggio, ma devono stare attenti a non peccare troppo di presunzione e a non sfociare nella prepotenza.
Le letture preferite dai Leoni sono quelle che riflettono il loro stile di vita o che gli propongono modelli da imitare e a cui tendere. L’eroe classico è una condizione sine qua non per far scattare la scintilla tra il lettore Leone  e un libro: che sia Harry Potter, un cavaliere errante o un piccolo criminale sempre coinvolto in qualche battaglia tra clan, il lettore Leone si fionderà sul romanzo divorandolo. Ciò che serve al Leone è azione e una trama che metta in luce le qualità nobili del protagonista. “Educazione Siberiana” di Nicolai Linin (2009) ha le caratteristiche tanto amate da questi lettori: dietro queste storie di criminali e clan in lotta, l’autore nasconde un mondo che vive seguendo un suo codice d’onore non meno dignitoso e valido di quello che guidava i cavalieri e gli eroi delle grandi epopee del passato.

15781776_934014350068919_3977679692902647618_n

Vergine
I Vergine sono persone riflessive, calme e forse con troppo senso critico verso sé e verso gli altri, il che potrebbe derivare dal fatto che normalmente hanno un’intelligenza superiore alla media. Devono imparare a moderare il loro senso critico, altrimenti la loro esistenza sarà davvero terribile.
Detto ciò, sono assolutamente modesti, calmi e sanno valutare perfettamente ogni situazione.
In letteratura i Vergine sono sofisticati e sensibili e cercano storie che riescano a regalargli entrambe le cose senza scadere nel romanticume. Rintracciare un genere canonico per questo segno è impossibile, ma come al solito un buon classico può sempre costituire un più che apprezzabile compromesso per questi lettori che pretendono tanto dai libri quanto dalla vita. Il romanzo “Via col vento” di Margaret Mitchell (1935) può soddisfare i gusti di questi lettori, regalando una protagonista ambiziosa e perfezionista e, allo stesso tempo, scossa da profonde passioni.

15873304_934014400068914_4692387093287343192_n

Bilancia
Tendenzialmente, questo segno tende a ricercare equilibrio in ogni cosa. I Bilancia hanno un’innata capacità di mediazione che permette loro di risolvere controversie spinose e dare un mano. Tuttavia, tendono a lasciarsi andare al lusso e ai vizi.
Il loro senso dell’equilibrio e la loro tendenza alla perfezione, rende i lettori Bilancia dei veri estimatori della letteratura: trama e stile devono essere impeccabili e piacevoli da leggere; un romanzo sulla vita di un pesciolino può essere apprezzato da questi lettori tanto quanto un classico dal valore ormai consolidato. La loro natura introspettiva li porta ad avvicinarsi anche a romanzi di formazione o che propongano loro stimolanti punti di riflessione. Per soddisfare i difficili gusti di questo segno, Irène Némirovsky ci ha lasciato il suo romanzo, sfortunatamente incompiuto, “Suite Francese” dato alle stampe solo di recente. Un romanzo che parla di amore, odio, guerra, pace e redenzione; il tutto tenuto insieme da una scrittura elegante come poche.

15826849_934014436735577_2479818106632882678_n

Scorpione
Sicuramente non sono i più diplomatici al mondo e diciamo pure che il loro tatto è pari a zero. I nati sotto il segno dello Scorpione sono energici, attivi, intelligenti e passionali, non si fanno frenare da nulla se desiderano qualche nulla li può distrarre dall’ottenerla. Un difetto? Meglio non fare loro alcun torto perché tendono ad essere un po’ vendicativi.
La loro intelligenza, che diventa ancor più acuta quando devono mettere in atto uno dei loro piani o raggiungere un obbiettivo, fa apprezzare agli Scorpione i romanzi dove il mistero la fa da padrone e dove le pagine sono macchiate di sangue e tinte noir. Un bel poliziesco, magari con una trama dove l’elemento psicologico sia ben presente e giochi un ruolo fondamentale, può soddisfare i gusti di questo lettore che ha bisogno di letture stimolanti. Il romanzo “L’uomo di Neve” di Jo Nesbø (2007) riuscirà a rapire questi lettori che, circondati dalle precoci notti del nord, si troveranno a vagare tra le pagine di una trama che sembra districarsi tra il poliziesco a la leggenda, tra l’incubo e la macabra realtà.

15781447_934014460068908_7974778765747415241_n

Sagittario
Il sagittario ha due possibili nature: quella filosofica o quella materialista. Apparentemente queste due “anime” sembrano contrastarsi a vicenda, ma ciò deriva dal fatto che il Sagittario è molto attivo fisicamente e mentalmente e allo stesso tempo incline alla distrazione. I Sagittario sono allegri, di buona compagnia e generalmente ottimisti, detto ciò sono dei pessimi ascoltatori per via della loro difficoltà a focalizzare l’attenzione.
Come lettori i Sagittario hanno bisogno di romanzi che li facciano viaggiare e li portino in posti nuovi e, perché no, fantastici dove draghi e incantesimi sono all’ordine del giorno. La loro curiosità e la loro inclinazione al viaggio gli fa apprezzare le storie “on the road” siano essere diari di viaggio o le gesta di eroi più o meno probabili impegnati in qualche assurda ricerca o disperata battaglia contro le forze del male. La saga di Christopher Paolini inaugurata con “Eragon” (2002) unisce le due passioni dei lettori Sagittario trasportandoli in un viaggio attraverso una terra fantastica e popolata da draghi, cavalieri ed altre creature fantastiche.

15823395_934014536735567_4054572440239642676_n

Capricorno
Avete un problema da risolvere con un amico e non sapete a chi chiedere aiuto? Bene andate da un capricorno. Sono gli esseri più diplomatici sulla terra e allo stesso tempo tra i più ambiziosi. Credono sempre esista qualcosa più grande di loro, un traguardo più alto e mirabile a cui tendere dopo aver raggiunto il loro attuale obbiettivo.
La loro natura tutt’altro che modesta e incline alle grandi imprese rende questi lettori degli amanti della letteratura in cui vengono esaltate le capacità dell’uomo, il suo ingegno e la sua creatività. Un romanzo storico può dare ai lettori Capricorno la giusta ispirazione per proseguire nel perseguimento del loro obbiettivo. “Lo scudo di Talos” di Valerio Massimo Manfredi (1988) sarà sicuramente una lettura apprezzata da questi lettori che preferiscono protagonisti la cui grandiosità sta nel loro ingegni agli eroi senza macchia e senza paura tanto amati, per esempio, dai Leone.

15826544_934014550068899_6933832908579811189_n

Acquario
Gli Acquario hanno un acuto senso della giustizia e sono estremamente legati alla loro libertà, in effetti si sentono sempre in difetto di essa. Sono proiettati avanti e nel futuro e uniscono alle caratteristiche precedenti una spiccata originalità. Sebbene siano tendenzialmente stabili, può capitare che cambi di idee repentine lo rendano totalmente imprevedibili. Sono molto, molto permalosi…
Come lettori, gli Acquario amano la stabilità che gli regalano le saghe: la sicurezza di avere un appuntamento annuale con un nuovo libro. Amano i romanzi che li fanno viaggiare con la fantasia e che li portano ad esplorare a fondo posti esotici, lontani e sconosciuti.
Non disdegnano i romanzi fantasy e per questo motivo la saga di George R. R. Martin “Cronache del ghiaccio e del fuoco” (1991) potrebbero essere apprezzati da questi lettori.

15781304_934014596735561_5867369989134401505_n

Pesci
Credono nella bontà dell’animo umano e questo lo porta ad essere sia persone utili sia persone di cui ci si approfitta. Sono molto influenzabili, quasi troppo, e spesso faticano a prendere decisioni coerenti.
Come lettori sono dinamici: hanno bisogno di romanzi che li distraggano dalla loro routine e li facciano evadere dalla vita di tutti i giorni. Anche i Pesci sono lettori a cui piacciono romanzi in cui vengono descritti lunghi viaggi, ma se per l’Acquario e il Sagittario il viaggio deve essere “fisico”, per il lettore Pesci il viaggio deve avere maggiormente i connotati di un pellegrinaggio: un’esperienza che porti il protagonista ad avere una nuova concezione di sé o a scoprire cose nuove sulla propria interiorità; un viaggio al termine del quale lettore e protagonista si scoprano cresciuti, cambiati e più maturi.
Il romanzo d’esordio di Salvatore Basile “Lo strano viaggio di un oggetto smarrito” (2016) propone in modo esemplare questo tema così apprezzato dai lettori Pesci e sicuramente non deluderà le loro aspettative.

15873480_934014640068890_5262767759229414050_n

*Jo

LO STRANO VIAGGIO DI UN OGGETTO SMARRITO

14358653_858002821003406_7769155366071685493_n

LO STRANO VIAGGIO DI UN OGGETTO SMARRITO

Autore: Salvatore Basile
Editore: Garzanti
Anno di pubblicazione: 2016

.:SINOSSI:.

Il mare è agitato e le bandiere rosse sventolano sulla spiaggia. Il piccolo Michele ha corso a perdifiato per tornare presto a casa dopo la scuola, ma quando apre la porta della sua casa, nella piccola stazione di Miniera di Mare, trova sua madre di fronte a una valigia aperta. Fra le mani tiene il diario segreto di Michele, un quaderno rosso con la copertina un po’ ammaccata. Con gli occhi pieni di tristezza la donna chiede a suo figlio di poter tenere quel diario. Lo ripone nella valigia, promettendo di restituirlo. Poi, sale sul treno in partenza sulla banchina. Sono passati vent’anni da allora. Michele vive ancora nella piccola casa dentro la stazione ferroviaria. Addosso, la divisa di capostazione di suo padre. Negli occhi, una tristezza assoluta, profonda e lontana. Perché sua madre non è mai più tornata. Michele vuole stare solo, con l’unica compagnia degli oggetti smarriti che ritrova ogni giorno nell’unico treno che passa da Miniera di Mare. Perché gli oggetti non se ne vanno, mantengono le promesse, non ti abbandonano. Finché un giorno, sullo stesso treno che aveva portato via sua madre, Michele ritrova il suo diario, incastrato tra due sedili. Non sa come sia possibile, ma sente che è sua madre che l’ha lasciato lì. Per lui. Ora c’è solo una persona che può aiutarlo: Elena, una ragazza folle e imprevedibile come la vita, che lo spinge a salire su quel treno e ad andare a cercare la verità. E, forse, anche una cura per il suo cuore smarrito. Questa è la storia di un ragazzo che ha dimenticato cosa significa essere amati. È la storia di una ragazza che ha fatto un patto della felicità, nonostante il dolore. È la storia di due anime che riescono a colorarsi a vicenda per affrontare la vita senza arrendersi mai. Salvatore Basile ci regala una favola piena di magia, emozione e speranza. Un caso editoriale che ha subito conquistato il cuore di tutte le case editrici del mondo, che se lo sono conteso acerrimamente alla fiera di Francoforte. Una voce indimenticabile, che disegna un sorriso sul nostro cuore.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Se avete apprezzato “Il linguaggio segreto dei fiori” di Vanessa Diffenbaugh sicuramente apprezzerete anche il romanzo di Salvatore Basile.
La trama ricalca un copione che, almeno all’apparenza, sembra già visto: un giovane uomo che, dopo aver visto la madre partire, decide di andarla a cercare; un viaggio che non è solo una ricerca personale, ma si trasforma in una scoperta quasi quotidiana in cui piccole lezioni di vita vengono impartire da maestri più o meno improbabili.
I personaggi sono ben tratteggiati, la loro psicologia è approfondita senza risultare pesante, mi ha lasciato qualche perplessità il protagonista maschile, Michele, che mi è sembrato troppo ingenuo e sprovveduto per la sua età, ma nel complesso è un difetto che si fa perdonare e che ne sottolinea maggiormente la sensibilità.
La trama è lineare, piacevole e regala anche diversi colpi di scena inseriti in modo geniale lì dove la storia rischia di scivolare nella banalità di uno sceneggiato televisivo. Una cosa che proprio non mi è piaciuta è stato il voler svelare tutti i misteri che si intrecciano nel corso del romanzo: l’ho trovata una scelta un po’ limitante nei confronti del lettore e, personalmente, avrei preferito mi venisse lasciata la libertà di immaginare un epilogo diverso per alcune vicende.
Lo stile è semplice e denota un particolare interesse per le descrizioni dei personaggi e per quelle ambientali che migliorano di capitolo in capitolo, quasi seguissero l’allargarsi progressivo degli orizzonti del protagonista.
Nel complesso il romanzo mi è piaciuto e l’ho divorato in pochi giorni, lo consiglio senz’ombra di dubbio e mi sento di assegnargli 8/10.

*Jo

“Lo strano viaggio di un oggetto smarrito”, conversazione con Salvatore Basile

6990451_1322232 - Copia

Tra pochi giorni uscirà in libreria il primo romanzo di Salvatore Basile “Lo strano viaggio di un oggetto smarrito”: la storia di un capostazione solitario che conduce la propria esistenza tra gli oggetti smarriti che rinviene sull’unico treno che passa dalla piccola stazione di Miniera di Mare.
La favola di un quaderno rosso, un cuore schivo ed uno folle e coraggioso deciso a non arrendersi al dolore; di un viaggio che si trasforma in un pellegrinaggio per fare pace con il proprio passato e le ferite mai risanate.

Per salutare questa nuova uscita, Jo ha intervistato l’autore Salvatore Basile che si è gentilmente offerto di rispondere ad alcune domande.

– Voglio cominciare ringraziandola ancora per il tempo che ci dedica e farle i complimenti per l’uscita ormai prossima del suo romanzo “Lo strano viaggio di un oggetto smarrito“. E’ la sua prima esperienza da romanziere o può vantare altri titoli nel suo curriculum?
Da più di venticinque anni scrivo sceneggiature, credo di averne realizzate una quarantina, ma questa è stata la mia prima esperienza da romanziere. Un’esperienza davvero sorprendente. E’ stato come esplorare territori sconosciuti. 13087696_10154763693153448_187278473045248464_n

Curiosando in internet, in attesa di avere tra le mani il romanzo che ho già iscritto tra quelli da leggere, ho letto che l’ispirazione le è venuta leggendo la storia di un polmone di acciaio rinvenuto alla stazione Centrale di Milano e mai rivendicato. Potrebbe brevemente raccontarci cosa è successo e come questo fatto di cronaca così grottesco l’ha ispirata nello scrivere il suo romanzo?
La notizia del ritrovamento del polmone d’acciaio è vera e risale a qualche anno fa. Mi ha subito incuriosito, poi mi ha affascinato. Ho iniziato a curiosare nel fantastico mondo degli oggetti smarriti: volevo farne un film. Poi tutto è finito nel cassetto, fino a quando quel mondo mi è tornato alla mente all’improvviso. Sentivo l’esigenza di misurarmi nel campo del romanzo e l’ho afferrata al volo. Poi è nato Michele. Poi Elena. Infine la storia, che sono riuscito a terminare in 9 mesi. Come un parto.

La prima volta che ho letto di questo romanzo è stata sfogliando la rivista “Il libraio” che aveva nascosto tra le pagine un piccolo inserto con le prime righe della sua storia. Una storia di oggetti smarriti non solo di plastica o carta, ma anche di cuore e spirito perché, forse, il primo oggetto smarrito di questa favola è proprio Michele così come, allargando un po’ gli orizzonti, lo siamo anche noi. Dico bene?
Direi che hai centrato in pieno.

Può gentilmente spiegarci in che senso siamo “oggetti smarriti”? Per Michele il momento dell’abbandono è lampante, ma forse guardando la nostra storia personale scoprire quel momento non è poi così facile come sembra.
Si smarriscono, nel tempo e col tempo, non solo gli oggetti, ma anche i ricordi, i profumi, i sapori, i luoghi dell’infanzia, le parole ascoltate nel corso della vita, la persone che abbiamo amato e frequentato. E tutto ciò ci rende, a nostra volta, smarriti.

Parliamo ora del rapporto che c’è tra Michele e Elena (i due protagonisti del romanzo n.d.r): una danza tra un cuore schivo ed uno ferito ma caparbio e deciso a non arrendersi al dolore. Due oggetti smarriti che cercano di tornare a casa, perché alla fine lo smarrimento non è perdere il proprio proprietario, ma non saper più trovare la strada di casa. Ci può descrivere brevemente il rapporto tra questi due personaggi?
Sono due persone che hanno incontrato e provato il dolore, nel corso della vita. Il dolore vero, profondo e buio. Entrambi hanno subito un abbandono, seppur in modalità diverse. Michele si è fatto schiacciare da quel dolore, si è arreso. Elena, invece, vi si è immersa fino in fondo, ha trovato il modo affrontarlo, di cavalcarlo e di farne un motivo di rinascita. E sarà proprio questo che insegnerà a Michele: a fare in modo che il dolore non sia la causa della resa, anzi qualcosa da affrontare e riconoscere per ricominciare a vivere.

Parliamo della storia che ha portato il romanzo dall’essere un racconto nel cassetto al diventare un romanzo da scaffale, se mi concede questa licenza poetica. Un caso editoriale internazionale prima di essere pubblicato in Italia, una sorta, se mi viene permesso il paragone, di Pedro C. Freitas nostrano che va ad arricchire le fila e il catalogo della Garzanti. Può raccontarci il segreto di questo successo che ha preceduto di ben un anno l’uscita del suo romanzo?
E’ difficile spiegarlo, soprattutto per me che ne sono l’autore. Le lettere ricevute dalla Garzanti e dagli editori stranieri che mi pubblicheranno contenevano apprezzamenti che non mi sarei mai aspettato. Forse, il motivo di tutto ciò è la speranza che lascia intravedere. L’invito a lasciarsi andare all’imprevisto, ad affrontare la vita con fiducia.

La sua è senza dubbio una storia universale. Come ha detto lei poco fa: ognuno di noi è o ha degli oggetti smarriti e forse questo romanzo è proprio quello che serve a chi ha dei conti in sospeso con il passato e non riesce a chiuderli.
Le faccio ora una domanda sul panorama letterario italiano.
Basta aprire un qualsiasi social network per trovarsi davanti a scrittori esordienti che affidano le loro opere al self publishing. Il nostro sito ha trattato l’argomento, ma ci piacerebbe anche sapere l’opinione di un romanziere esordiente e autore con un’esperienza più che ventennale.
I tempi stanno cambiando, anzi sono già cambiati. Il web è una vetrina preziosa, capiente e, soprattutto, libera. Trovo giusto che chiunque abbia qualcosa da dire approfitti della rete per esporre le proprie idee e la propria arte. Ciò vale sia per la letteratura che per il cinema. Ma anche per la musica, la danza, la pittura. Riuscire a farsi notare e poi pubblicare o produrre è sempre stato difficile, soprattutto se non si hanno i mezzi per arrivare a chi ha potere decisionale in questi ambiti. Quindi, ben venga il self publishing: è un modo coraggioso di mettersi in gioco. Anche perché, alla fine, è sempre la qualità ad essere premiata grazie al giudizio del pubblico e/o dei lettori.

Certo, il self publishing rappresenta per molti un’occasione non da poco per dimostrare di che stoffa sia fatta la loro arte, tuttavia il rischio di questo tipo di pubblicazioni è che il potenziale capolavoro finisce inevitabilmente accanto alla storiella sciatta e priva di spessore, pubblicata più per capriccio che per reale amore della letteratura.
Come ha detto lei stesso, l’ostacolo più grande è rappresentato dai colossi editoriali che hanno ben poca considerazione per gli esordienti. Che consiglio darebbe ad uno scrittore emergente?
Intanto scrivere e non arrendersi. Poi, trovare una buona agenzia letteraria a cui affidare il proprio lavoro. Credo sia la strada più giusta e meno complicata.

– Grazie anche per questo consiglio. La nostra intervista si può considerare conclusa, ha un ultimo messaggio o una citazione che vorrebbe condividere con noi?
Mi piace concludere con un antico detto Inca che amo e che potrebbe racchiudere il cuore del mio romanzo: “Se un passero dalle ali spezzate riesce a prendere il volo, nessun condor avrà ali tanto robuste da poterlo raggiungere.”

– Molto bella davvero! Io la ringrazio ancora per il tempo che ci ha dedicato e le auguro tanta fortuna con questo suo romanzo d’esordio che spero sia il primo di una lunga serie.
Sono io a ringraziare te!

Come ultimo regalo, il nostro ospite ci ha fatto dono di un piccolo estratto dal suo romanzo “Lo strano viaggio di un oggetto smarrito“.

“Aprì l’ultimo sportello del vagone di coda e trattenne il fiato.
La prospettiva delle nove carrozze che si susseguivano in linea retta, una dopo l’altra, si spianò davanti al suo sguardo. Mosse il primo passo di quella lenta traversata serale che lo avrebbe condotto fino alla locomotiva di testa e inspirò con forza.
L’odore di ferro misto a quello di similpelle dei sedili gli invase le narici. Amava quell’odore come poche altre cose. Un odore sempre uguale e comunque ogni sera diverso. Al ferro e alla similpelle del vecchio treno, infatti, si mescolavano gli afrori del sudore e degli abiti dei passeggeri che si erano alternati all’interno dei vagoni durante il giorno; i sentori del cibo consumato durante il viaggio; il fumo delle sigarette aspirate furtivamente davanti ai finestrini aperti lungo i corridoi; le note persistenti dei medicinali, del caffè nei thermos.
Poi c’era il silenzio. E quel silenzio lo rassicurava. Nessuna voce, nessun volto. Né gli odori né gli avanzi di cibo, nulla di tutto ciò tratteneva in quei vagoni le persone che avevano occupato il treno. In quel silenzio rimaneva solo il riverbero delle loro vite misteriose. Nessuno l’avrebbe visto aggirarsi tra le carrozze, nessuno gli avrebbe rivolto domande, nessuno l’avrebbe messo in imbarazzo costringendolo a spiegare i perché della sua vita solitaria.
Michele cominciò a controllare che tutto fosse in ordine, tirò su i vetri dei finestrini rimasti aperti, ripulì i vagoni dai rifiuti, lucidò le maniglie cromate.
Quando raggiunse la locomotiva di testa, vi entrò. Raccolse alcune carte dal pavimento, un paio di bicchieri di plastica che odoravano di vino, un cartoccio unto che profumava ancora di cibo da rosticceria.
Poi si voltò verso la coda del treno e cominciò il suo viaggio di ritorno verso l’ultimo vagone. Passare in rassegna i posti a sedere era la parte finale del suo lavoro, quella che amava di più. I sedili morbidi conservavano impresse le sagome dei passeggeri. Immerso nella sua solitudine poteva esaminarli, con calma.
Giunto al terzo vagone, sul lato sinistro, al posto 24, vide qualcosa. Si avvicinò, con una leggera emozione, come accadeva sempre in questi casi.
Era una piccola bambola, grande quanto una mano, di gomma spessa leggermente consumata, il volto paffuto su cui spiccavano due occhi blu, grandi come lune. Indossava un vestito di cotone grezzo, il fondo verde punteggiato di fiori bianchi e gialli: margherite e girasoli.
Michele la prese tra le mani e sorrise.
«Bentrovata», sussurrò alla bambola, e la infilò nella tasca della giacca.”

*Jo

maxresdefault