Dante al cinema ~ Streaming and Pajamas

Il Dantedì si avvicina e, per tale occasione, abbiamo pensato di suggervi due film che, per tematiche ed ambientazioni, si rifanno all’immaginario dantesto e alla sua opera più famosa: la Divina Commedia.

INFERNO (2016)

.: Trama :.
Il professor Robert Langdon si sveglia in un ospedale di Firenze con una ferita d’arma da fuoco alle testa e nessun ricordo di quanto accaduto, se non allucinazioni orribili che parlano di un pericolo incombente e che sembrano provenire direttamente dall’Inferno così come narrato da Dante Alighieri.

.: Il nostro giudizio :.
Tratto dal romanzo di Dan Brown Inferno (2013), il film si riassume in una rocambolesca corsa da Firenze a Costantinopoli con una tappa intermedia a Venezia (lo stesso percorso di Ezio Auditore nella trilogia di Assassin’s Creed: coincidenze? Io non credo) per cercare di impedire lo scoppio di una pestilenza che decimerebbe l’umanità.
Con una pandemia in corso Inferno non è esattamente il film adatto per passare una serata in tranquillità, ma anche senza il Coronavirus in circolazione il lungometraggio di Ron Howard risulta essere una cozzaglia di elementi che niente hanno a che spartire né con la Divina Commedia né con Dante, la storia e la cultura italiana, né tantomeno con i principi base della demografia.
Come per i capitoli precedenti Il codice Da Vinci e Angeli e Demoni, Brown (produttore esecutivo del film) gioca a fare il professore di storia farcendo il romanzo e di informazioni infondate o che fanno sorridere per la loro ingenuità.
Per noi il film risica la sufficienza 5-6/10: Firenze, Venezia e Istanbul offrono una cornice mozzafiato e la colonna sonora di Hans Zimmer è meravigliosa; ma non bastano a salvare una pellicola che sembra uno spin off, o un lontano parente, de National Treasure ( Il mistero dei templari in italiano ndr).

AL DI LÀ DEI SOGNI

.: Trama :.
L’amore che unisce Chris e sua moglie, la pittrice Annie è infinito: nulla, neanche l’aldilà può separarli. Chris muore in un incidente e raggiunge un paradiso che la sua fantasia ha ambientato in uno dei meravigliosi dipinti di Annie. Non potendo immaginare di vivere senza sua moglie, per raggiungerla si avventura in un fantasmagorico e coloratissimo viaggio guidato da un angelo molto particolare.

.: Il nostro giudizio :.
What Dreams May Come ( Al di là dei sogni in italiano ndr) è un inno e mescola con grazia e crudeltà elementi tra di loro agli antipodi ricordando che non ci può essere vita senza morte, né dolore senza speranza o coraggio senza amore
Il film, del 1998, è tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore statuintense Richard Matheson e fin dai primi minuti colpisce per il forte impatto visivo e per l’utilizzo dei colori che concorrono sapientemente, ma allo stesso tempo discretamente, alla narrazione divenendo a loro volta protagonisti.
Tutti i temi del film, infatti, sono uniti da questo filo rosso che corre, come una pennellata, con continui riferimenti all’arte: sia quella impressionista che ispira alcune location o i quadri dipinti da Annie ( la “moglie” di Robin Williams).
La trama del film e le ambientazioni rievocano con forza le suggestioni e le tematiche presenti nella Divina Commedia: come Dante, il protagonista compie un viaggio “a ritroso” nell’aldilà scendendo dal Paradiso all’Inferno dove l’ispirazione dantesca si fa più evidente.
Il film è tutt’altro che leggero e, se non approcciato con la giusta disposizione d’animo, può risultare impegnativo se non addirittura indigesto, per noi merita un 8.5/10.

*Jo

Pubblicità

The Areonauts ~ Streaming and Pajamas

.: TRAMA :.

Nel 1862, Amelia Wren, temeraria pilota di mongolfiere, si unisce al pionieristico meteorologo James Glaisher per far progredire gli studi sulla meteorologia e per volare più in alto di chiunque altro nella storia.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Non è una storia facile quella che Tom Harper si propone di portarci sullo schermo: è una vicenda accaduta davvero e, come tale, si porta dietro l’incredibile peso della verità.

Il film comincia in médias res, la partenza dell’enorme mongolfiera è stata preparata in tutto e per tutto, e non resta altro che aspettare il pilota: l’eccentrica Amelia Wren.
Ad accompagnarla in un viaggio che segnerà la storia dei voli con i palloni aerostatici, c’è il meteorologo James Glaisher che, come tutti i pionieri in campo scientifico, è considerato un visionario ed è ignorato da tutta la comunità.
La scrittura dei personaggi è molto buona: Amelia viene presentata come una donna di spettacolo, ma nasconde dentro di sé il coraggio di un vero pilota e non mancherà di dimostrarlo, soprattutto quando si avrà più bisogno di lei; lo schivo James, invece, imparerà le meraviglie che solo l’agire sa dare, aprendosi anima e corpo allo spettacolare mondo del volo. I personaggi cambiano, sia da soli sia insieme, mostrando allo spettatore cosa significa avere coraggio, inventiva e voglia di andare sempre avanti.

Le sequenze sul pallone sono puro spettacolo: paesaggi mozzafiato dove le nuvole la fanno da padrona, accadimenti straordinari come banchi di farfalle e fiocchi di neve sospesi nel vuoto, scene colme di dinamismo che costringono lo spettatore a restare incollato alla sedia si susseguono dando lentamente vita a una storia dal sapore fantastico e scientifico allo stesso tempo.

Il film, secondo me, si merita un bel 8/10. Una delle cose che ho apprezzato maggiormente è stata la volontà del regista di portare sullo schermo una vicenda insolita che mescola coraggio e scienza, volontà e forza d’animo. Amelia è il coraggio, James è l’intelligenza, e insieme smontano un po’ quegli stereotipi di genere che erano tanto di moda in epoca vittoriana. I due si completano senza aver bisogno di essere uniti dall’amore e sono un vero e proprio esempio per chi ha bisogno di trovare la forza per non lasciarsi scoraggiare.
Un appunto a chi, come me, ha di paura di volare: alcune scene del film possono mettere ansia.

*Volpe