Novità sullo scaffale – Febbraio 2017

16523740_1269772836438222_1239529733_o.jpg

Dopo una breve pausa data da vacanze ed esami, torna la nostra rubrica atta a presentarvi le novità letterarie mese per mese.

Ricominciamo, dunque, dal mese di febbraio.

NARRATIVA ITALIANA:

“Magari domani resto” di Lorenzo Marone: La vita non è facile per nessuno, ancor meno per una giovane avvocatessa di Napoli che il padre ha deciso di chiamare Luce. Luce Di Notte.
Tutto sembra uno scherzo del destino, della vita: il padre fugge seguito più avanti dal fratello, il lavoro è faticoso e spesso poco redditizio, tutto sembra portare al peggio fino a quando a Luce non viene affidata una causa particolare che la porterà a mettere in discussione tutto quanto.
La scelta, alla fine, è una sola: andare o restare?

“Qualcosa” di Chiara Gamberale: La storia di presenta come una fiaba: una principessa, chiamata Qualcosa di Troppo; il Cavalier Niente; principi e conti con alcune pecche.
Ovviamente, la metafora risulta essere quella della nostra vita  e della nostra complessità, come l’autrice è spesso abituata a fare, tenta di spiegarci e farci vedere ciò che noi abbiamo in testa. Il poco valore del Troppo e il tanto valore del Niente vengono magistralmente raccontati da una fiaba moderna.

“A cantare fu il cane” di Andrea Vitali: E’ il 1937, la quiete notturna viene interrotta da un’urlo di donna che grida “Al ladro, al ladro!”. Nessuno ha dubbio su chi il ladro sia: in paese gira un balordo che proprio quella stessa notte viene acciuffato dalla guardia notturna.
Il maresciallo dei Carabinieri, però, non si vuole fidare solo delle voci: servono prove e quindi scatta l’indagine. Ma la signora non si sempre è disposta a parlare e, per di più, il maresciallo ha terrore die cani e quello della signora abbaia incessantemente. Un romanzo e un mistero che si aggirano tra le voci di paese e le dicerie che sfuggono in modo incontrollato di mano.

“La fragilità delle certezze” di Raffaella Silvestri:  Due generazioni si scontrano e cadono, ma la forza e la vitalità di una le permette di rialzarsi.
Silvestri chiede ai suoi personaggi, e soprattutto a noi, di farci forza ed affrontare un futuro che nessuno conosce. Ce lo chiede tramite la voce di Anna, una giovane trentenne che si è sempre sentita incredibilmente fuori luogo ed inadeguata.

“Favole Fuorilegge” di Nicolai Lilin: forse una delle uscite più attese è proprio questa raccolta di racconti firmata Nicolai Lilin. Già ci ha stregato con la sua “Trilogia Siberiana” e ora torna a narrarci storie della fredda siberia in cui briganti e fuorilegge vivono nel rispetto di una legge per loro superiore a quella degli uomini. Un vecchio lupo può insegnarci la dignità, una madonna siberiana può convincere l’oppresso a uccidere l’oppressore e una giovane donna, per non sposare un vecchio ricco, può anche scegliere di diventare fuorilegge.

“Le due metà del mondo” di Marta Morotti: Maria vorrebbe fare la psicologa, ma il destino ha in serbo per lei l’entrata in fabbrica. Per difendersi da un modo che le pare troppo doloroso, si è costruita una prigione di certezze e tranquillità dalla quale però è obbligata ad uscire, dovrà smettere di combattere ed arrendersi al mondo reale.

NARRATIVA STRANIERA

“Il libro degli specchi” di Eugen O. Chirovici: L’agente letterario Peter Katz ha trovato un manoscritto di un autore che si prefigge di raccontare la verità su un omicidio accaduto molto tempo prima. Katz legge, ma scopre che il manoscritto è incompiuto e si trova a cercare l’autore e la parte finale di quel mistero che necessita una conclusione. Partendo da un libro, si viaggia verso il modo che la nostra mente ha di riscrivere il passato finendo in un ingannevole gioco di specchi.

“Il giardino dei profumi perduti” di Jan Moran:  Danielle Bretancourt parte dalla Polonia lasciando i suoi cari: ha un dono speciale, quello di creare profumi “perfetti” e cerca di farlo fruttare. Purtroppo, la dichiarazione di guerra del 1939 minaccia la sua famiglia  e lei farà di tutto per ritrovarli.

GIALLI/THRILLER

“Mindhunter” John Douglas e Mark Olshaker: Si tratta di un romanzo basato su una storia vera, sulla storia di un profiler che ha dovuto anche pagare un altissimo prezzo personale per l’aver conosciuto il male.

“Silencer” di Andy McNab: A febbraio, tornano le avventure di Nick Stone! Gli appassionati non potranno fare a meno di questo romanzo con il loro amato protagonista alle prese con una scena più intima e famigliare che deve proteggere.
Al solito, azione ed avventura faranno da padrone!

“Il respiro del fuoco” di Federico Inverni:  un incendio spezza la notte, dieci vittime accolgono il mattino. La profiler Anna Wayne e il detective Lucas cominciano ad indagare su una mentre criminale così in gamba da poter manipolare la mente altrui.
E in una situazione del genere… vedendo il caso sfuggire dalle loro mani e insinuarsi nel loro passato, cominciano a dubitare l’uno dell’altro.

“Prima di cadere” di Noah Hawley: un pittore e due ricchissime famiglie newyorkesi precipitano con il loro aereo privato. A salvarsi sono solo un bambino di quattro anni e il pittore stesso che lo ha tratto in salvo.
Le indagini cominciano ed è chiaro che l’ipotesi dell’incidente non convince nessuno, nemmeno gli stessi sopravvissuti. Il pittore si ritroverà da eroe a sospettato con il rischio di minare il rapporto con il giovanissimo sopravvissuto.

Pubblicità