Piranesi

.: SINOSSI :.

Piranesi vive nella Casa. Forse da sempre. Giorno dopo giorno ne esplora gli infiniti saloni, mentre nei suoi diari tiene traccia di tutte le meraviglie e i misteri che questo mondo labirintico custodisce. I corridoi abbandonati conducono in un vestibolo dopo l’altro, dove sono esposte migliaia di bellissime statue di marmo. Imponenti scalinate in rovina portano invece ai piani dove è troppo rischioso addentrarsi: fitte coltri di nubi nascondono allo sguardo il livello superiore, mentre delle maree imprevedibili che risalgono da chissà quali abissi sommergono i saloni inferiori.
Ogni martedì e venerdì Piranesi si incontra con l’Altro per raccontargli le sue ultime scoperte. Quest’uomo enigmatico è l’unica persona con cui parla, perché i pochi che sono stati nella Casa prima di lui sono ora soltanto scheletri che si confondono tra il marmo. 
Improvvisamente appaiono dei messaggi misteriosi: qualcuno è arrivato nella Casa e sta cercando di mettersi in contatto proprio con Piranesi. Di chi si tratta? Lo studioso spera in un nuovo amico, mentre per l’Altro è solo una terribile minaccia. Piranesi legge e rilegge i suoi diari ma i ricordi non combaciano, il tempo sembra scorrere per conto proprio e l’Altro gli confonde solo le idee con le sue risposte sfuggenti. Piranesi adora la Casa, è la sua divinità protettrice e l’unica realtà di cui ha memoria. È disposto a tutto per proteggerla, ma il mondo che credeva di conoscere nasconde ancoratroppi segreti e sta diventando, suo malgrado, pericoloso. 
Susanna Clarke, autrice fantasy fra le più acclamate, torna in maniera trionfale con un nuovo, inebriante romanzo ambientato in un mondo da sogno intriso di bellezza e poesia. 

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Piranesi è un romanzo che mi ha stupita. In poche pagine l’autrice è riuscita a racchiudere una storia intrigante, appassionante e ricca di mistero in grado di tenere il lettore “giusto” (perché Piranesi non è per tutti) incollato al libro dalla prima all’ultima pagina. Inizialmente, il romanzo si presenta come un fantasy un po’ fuori dalle righe, ma nel giro di pochi capitoli il lettore si renderà conto che si tratta di un giallo dai toni onirici ed esoterici. Uno dei pregi principali del romanzo è la narrazione in prima persona che, per una volta, non mi dà fastidio: il romanzo è il diario di Piranesi, ossia il protagonista, ed è attraverso i suoi occhi che il lettore scopre non solo il particolare universo in cui il libro è ambientato ma anche i personaggi e l’immensa, inquietante solitudine della Casa.
La Casa, un particolare edificio infinito in cui i piani superiori sono abitati dalle nuvole e quelli inferiori completamente sommersi dagli oceani, è l’intero Universo: la descrizione degli ambienti riesce ad essere allo stesso tempo vaga, quasi ripetitiva tanto da creare un senso di smarrimento, e molto dettagliata perché Piranesi sembra conoscere a memoria ogni singolo angolo della Casa. Le descrizioni degli ambienti, e soprattutto delle numerose statue a decorazione delle pareti, sono talmente vivide che chiudendo gli occhi riesco ancora a immaginarle davanti a me; allo stesso modo, la descrizione dell’albatros in volo, colma di un profondo significato simbolico, è una delle scene più belle che io abbia mai letto.
Piranesi è un personaggio molto ingenuo: pur avendo più di trent’anni, conserva la tenerezza dei bambini ed è attraverso questa che esplora il mondo circostante. Piranesi interpreta ogni situazione tramite la lente della purezza: non riesce a concepire il male e il suo egoismo è limitato dall’amore che sente di provare per tutto il creato. Un’altra importante caratteristica di questo singolare personaggio è la solitudine: le riflessioni di Piranesi sono colme di quel bisogno d’affetto tipico di chi si sente solo eppure non vuole disturbare le poche persone che lo circondano.

Il romanzo finisce in un istante: non si fa in tempo a cominciarlo che ci si trova già alla fine, da una parte perché la scrittura è molto scorrevole, dall’altra perché la trama è estremamente interessante.
I personaggi principali – ossia Piranesi, l’Altro e la Sedicesima Persona – sono ben sviluppati nonostante siano tutti visti e interpretati dallo sguardo di Piranesi. Ciò che li rende personaggi completi è che hanno tutti sentimenti molto concreti, un obiettivo chiaro e restano fedeli alla loro caratterizzazione in qualsiasi circostanza. Ogni azione è messa in atto per raggiungere un determinato scopo ed è proprio l’intrecciarsi di questi obiettivi che compone una trama complessa che, una volta svelata, si dimostra comunque lineare.

Il romanzo merita un 9/10. Il libro di per sé è davvero ottimo: è uno di quei libri in cui non ci può essere una pagina in più perché sarebbe di troppo, né può essercene una in meno perché sarebbe troppo poco. Il finale, da alcuni criticato come affrettato, è secondo me giusto: se fosse stato più approfondito e lungo sarebbe risultato noioso.
Si tratta di un romanzo prettamente introspettivo in cui il lettore è spinto a riflettere su se stesso, sul mondo che lo circonda e su quante volte si è sentito perso, incompreso. Piranesi è il riflesso di tutte le persone che si sono sentite, per un motivo o per un altro, estraniate dal mondo.
Un altro livello di lettura è quello filosofico: la conformazione del mondo in cui vivono i personaggi di Piranesi, così come il principale obiettivo dell’Altro, possono essere letti come una reinterpretazione del mondo delle idee di Platone con tutto quello che ne consegue. Le statue stesse, unite al significato simbolico che Piranesi attribuisce loro, sono la rappresentazione visiva di concetti astratti, di idee e pensieri in potenza pronti a prendere concretezza.
Inevitabile è anche il richiamo tra il nome del protagonista e Giovanni Battista Piranesi: le incisioni dell’architetto richiamano molto le descrizioni della Casa-Universo che troviamo tra le pagine della Clarke. In un certo senso, è come se l’intero romanzo fosse nato dall’osservazione di queste incisioni.
Per questo consiglio Piranesi non a chi cerca un romanzo fantasy e tantomeno uno young adult (devo ancora capire la scelta di pubblicarlo nella collana YA della Fazi Editore…), ma a chi desidera leggere un romanzo introspettivo dai profondi toni mistici e surreali.

*Volpe

L’annusatrice di libri

L’ANNUSATRICE DI LIBRI

Autore: Desy Icardi
Anno: 2019
Casa Editrice: Fazi Editore

.: SINOSSI :.

Torino, 1957. Adelina ha quattordici anni e vive con la zia Amalia, una ricca vedova, parsimoniosa fino all’eccesso, che le dedica distratte attenzioni. Tra i banchi di scuola, la ragazza viene trattata come lo zimbello della classe: alla sua età, infatti, non è in grado di ricordare le lezioni e ha difficoltà a leggere. Il reverendo Kelley, suo severo professore, decide allora di affiancarle nello studio la brillante compagna Luisella. Se Adelina comincerà ad andare meglio a scuola, però, non sarà merito dell’aiuto dell’amica ma di un dono straordinario di cui sembra essere dotata: la capacità di leggere con l’olfatto. Questo talento, che la ragazza sperimenta tra le pagine di polverosi volumi di biblioteca, rappresenta tuttavia anche una minaccia: il padre di Luisella, un affascinante notaio implicato in traffici non sempre chiari, tenterà di servirsi di lei per decifrare il celebre manoscritto Voynich, “il codice più misterioso al mondo”, scritto in una lingua incomprensibile e mai decifrato. Se l’avidità del notaio rischierà di mettere a repentaglio la vita di Adelina, l’esperienza vissuta le lascerà il piacere insaziabile per i libri e la lettura.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Un romanzo che promette bene, ma purtroppo delude un po’ il lettore. La prosa di Desy Icardi è molto bella e non ho niente da ridire a riguardo: le descrizioni sono affascinanti, ironiche e comiche; non di rado, le sue pagine mi hanno strappato una risata sincera.
Il romanzo scorre molto in fretta, si riuscirebbe davvero a perdere la cognizione del tempo se il ritmo narrativo fosse gestito un po’ meglio.
Il romanzo sembra diviso in due parti: una lunghissima introduzione e poi lo svolgimento vero e proprio che, con mio enorme stupore e disappunto, comincia ben oltre la metà del romanzo.
L’autrice si prende tantissimo tempo per raccontarci gli antefatti: spende pagine e pagine per narrarci della giovinezza di zia Amalia, e ogni lettore si aspetterebbe come minimo che questo racconto abbia un valore. Ma non ne ha.
Purtroppo, per quanto i capitoli sulla zia Amalia siano stati i miei preferiti, a fini di trama non servono a niente, se non a lasciare uno strano amaro in bocca a lettura conclusa: la zia viene descritta, nella sua giovinezza, come una donna scaltra per poi cambiare completamente carattere quando si muove nel tempo “presente” del romanzo.
Insomma, la caratterizzazione di Amalia lascia molto a desiderare, così come la trama in sé che risulta dapprima troppo lenta e poi decisamente troppo veloce.
nelle prime 260 pagine del romanzo non succede quasi niente. Le ultime 150 sono frenetiche e sciolgono ogni nodo della narrazione, a volte in modo non proprio chiaro.
Avrei preferito maggiore attenzione narrativa nella seconda parte e un po’ meno nella prima: presumibilmente, alcune vicende potevano essere tagliate per lasciar spazio ad altre e rendere così un po’ più comprensibile il vero e proprio finale del romanzo.
Ho apprezzato particolarmente il personaggio di Luisella, così come il reverendo Kelley o l’avvocato Ferro: sono personaggi complicati, ma al tempo stesso molto interessanti. Mi sarebbe piaciuto ascoltare un po’ di più la loro voce e poter passare un po’ di tempo con loro.
L’antagonista, al contrario, non mi è parso un personaggio interessante, e io sono una grandissima fan degli antagonisti! Probabilmente, anche lui aveva bisogno di più pagine per sé, anche la sua mente andava analizzata con attenzione per riuscire a comprendere le sue ragioni.

Penso che questo testo sia adatto a lettori giovani, è veloce da leggere ed è divertente: un ottimo connubio anche per una lettura estiva interessante. L’argomento principale del romanzo è l’amore per i libri e viene sviscerato sia nei suoi lati positivi, sia in quelli negativi. Permette di riflettere su come una passione possa tramutarsi in ossessione e diventare pericolosa per sé e per gli altri.
Come ho scritto prima, i capitoli della giovinezza di Amalia sono molto piacevoli: ambientati negli anni trenta del novecento, ci catapultano in un mondo che, per tradizioni e modi di vivere, può quasi sembrarci alieno.
Darei a questo romanzo un 7.5/10. Mi aspettavo davvero tanto e mi ha un po’ deluso. Resta comunque un testo valido che consiglierei soprattutto come lettura estiva per ragazzi in età scolare.

*Volpe