La cattedrale dei vangeli perduti

.: SINOSSI :.

Roma, dicembre 1564. Mentre in città un misterioso assassino traccia una croce di sangue sulla fronte delle sue vittime, in Vaticano qualcuno sta tramando per uccidere il papa. Raphael Dardo, agente segreto del duca Cosimo i de’ Medici, è a Roma con una missione: proteggere la vita di Pio IV a tutti i costi. Tocca a lui scoprire chi muove i fili della congiura. L’indagine lo porterà a fare ricerche tra “cavatori di tesori”, maghi, profeti eretici, nobili indebitati e potentissimi cardinali; dai piani alti del potere fin nelle profondità labirintiche delle catacombe paleocristiane. Chi trama per eliminare il Santo Padre? Chi è l’assassino della croce di sangue? Cercare le risposte è solo una parte dell’enigma. Se vuole salvare se stesso, le persone che ama, il Papa e l’intera Chiesa di Roma, Raphael deve scoprire i segreti che il labirinto ha custodito per secoli. E deve farlo al più presto…

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Un romanzo interessante che cattura fin dalle prime pagine grazie alla sua scrittura curata che riesce a tratteggiare degnamente il palcoscenico in cui i protagonisti si muovono permettendo al lettore di “passeggiare” tra le strade di una Roma di metà ‘500 dilaniata da conflitti, giochi di potere e congiure architettate da eretici e cacciatori di tesori.
La cattedrale dei vangeli perduti è l’ultimo capitolo delle trilogia Le indagini di Raphael Dardo, ma funziona altrettanto come autoconclusivo e i pochi richiami ai libri precedenti non spezzano il ritmo né impediscono al lettore di perdere il filo del discorso.
Il ritmo e l’intreccio sono ben studiati e l’accuratezza dei dettagli storici non annoia ma accende la curiosità del lettore. I personaggi, di cui alcuni “ereditati” dagli altri capitoli della saga, entrano ed escono come comparse di un film e la loro caratterizzazione risulta labile con il risultato che nessuno riesce veramente ad accattivarsi il pubblico o a rimanere nella mente più di un altro.
Il mio voto è 7/10: un thriller storico interessante che tiene con il fiato sospeso, provoca e fa tremare; un romanzo non particolarmente impegnativo, ma non per questo da bistrattare o denigrare. Per quanto l’ambientazione e la trama, così come l’uso del linguaggio e le descrizioni di Roma, mi abbiano tenuta incollata alle pagine, pardon, allo schermo del kindle, lo stesso non si può dire dei personaggi: tanti (troppi!) che entravano ed uscivano creando un po’ di confusione.

*Jo

La setta degli alchimisti

LA SETTA DEGLI ALCHIMISTI

Autore: Fabio Delizzos
Casa editrice: Newton Compton
Anno: 2010

.: SINOSSI :.

Bologna, 1699. Francesco Carbonelli, il più grande alchimista vivente, viene imprigionato e torturato dall’Inquisizione, perché rinneghi le sue pratiche diaboliche. Per ordine del cardinale Ravelli avrà salva la vita, ma in cambio dovrà produrre oro per la sua avidità. Mancano pochi giorni a Natale. Il celebre Gaspar Sanz, prete enigmatico, gran chitarrista e compositore, arriva a Bologna con la missione segreta di trovare e liberare Carbonelli. E, soprattutto, proteggerlo dai sicari della Confraternita dei Confortatori, una setta di uomini folli e pronti a tutto, interessati non alle verità della fede, ma a carpire agli alchimisti il segreto dell’immortalità.
Roma, oggi. Avvolto nel mistero, celato in innumerevoli leggende, il potere degli alchimisti di tramutare il metallo vile in oro e ottenere l’elisir della vita eterna si è tramandato attraverso i tempi bui del Medioevo ed è sopravvissuto fino ai giorni nostri. Forse gli alchimisti sono ancora tra noi…
Dai tetri laboratori sotterranei alle celle degli aguzzini dell’Inquisizione, tra alambicchi e formule alchemiche, intrighi di corte e crudeli omicidi, La setta degli alchimisti è un thriller mozzafiato, che illumina gli scenari più bui dell’Italia esoterica del passato e del presente.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Un libro interessante che prende vita a metà tra il passato e il presente.
Giocando con l’idea della pietra filosofale e della vita eterna, tanto cara agli alchimisti dal medioevo fino ad oggi, Delizzos costruisce una trama difficile da districare e ricca di colpi scena.
Personalmente, sia per stile sia per contenuto, ho preferito la parte del romanzo ambientata nel 1699. Ho trovato che la trama che prende vita ai giorni nostri fosse un po’, passatemi il termine, pigra: basandosi unicamente su quello che accadeva nella parte del libro ambientata passato, non regalava nulla al lettore se non una grandissima confusione. In uno dei capitoli finali, per esempio, l’autore ha inserito un avvenimento sconcertante che però è stato dimenticato nel giro di poche righe e senza alcuna ragione, e che non ha minimamente influito sulla conclusione del romanzo. Ho apprezzato, invece, l’interpretazione che l’autore dà della Pietra Filosofale.
Passando poi ad una analisi dei personaggi, ho trovato di nuovo il lavoro fatto sui protagonisti del 1699 molto più profondo e accurato: Gaspar Sanz, Maddalena e gli alchimisti sono decisamente più interessanti rispetto a Fosco la cui elezione a “prescelto” appare totalmente casuale.

In generale, il mio voto per il romanzo è 7,5/10. Non è un romanzo che resterà nella rosa dei miei preferiti, ma alcune parti erano davvero interessanti e fantasiose e le ho lette proprio con gusto.
Lo stile è molto buono: il romanzo è scritto davvero bene, le parole sono scelte con cura e nel complesso la narrazione è interessante e coinvolgente. E’ un libro che si legge in poco tempo e viene voglia di sapere come continua.
Per correttezza, segnalo che alcuni capitoli, incentrati sulle torture, sono un po’ forti, dunque tenetene conto se decidete di iniziare questa lettura. Personalmente non mi hanno minimamente infastidita, ma ho notato che parecchie recensioni lamentavano la presenza di scene troppo crude.
Lo consiglio agli amanti dei gialli, dei thriller e dell’alchimia.

*Volpe