STORIA DI UNA LADRA LIBRI

16473915_958060004331020_7225361683040326415_n

STORIA DI UNA LADRA LIBRI

Autore: Markus Zusak
Anno di pubblicazione: 2005 (con il titolo “La bambina che salvava i libri”)
Casa Editrice: Frassinelli

.:SINOSSI:.

È il 1939 nella Germania nazista. Tutto il Paese è col fiato sospeso. La Morte non ha mai avuto tanto da fare, ed è solo l’inizio. Il giorno del funerale del suo fratellino, Liesel Meminger raccoglie un oggetto seminascosto nella neve, qualcosa di sconosciuto e confortante al tempo stesso, un libriccino abbandonato lì, forse, o dimenticato dai custodi del minuscolo cimitero. Liesel non ci pensa due volte, le pare un segno, la prova tangibile di un ricordo per il futuro: lo ruba e lo porta con sé. Così comincia la storia di una piccola ladra, la storia d’amore di Liesel con i libri e con le parole, che per lei diventano un talismano contro l’orrore che la circonda. Grazie al padre adottivo impara a leggere e ben presto si fa più esperta e temeraria: prima strappa i libri ai roghi nazisti perché “ai tedeschi piaceva bruciare cose. Negozi, sinagoghe, case e libri”, poi li sottrae dalla biblioteca della moglie del sindaco, e interviene tutte le volte che ce n’è uno in pericolo. Lei li salva, come farebbe con qualsiasi creatura. Ma i tempi si fanno sempre più difficili. Quando la famiglia putativa di Liesel nasconde un ebreo in cantina, il mondo della ragazzina all’improvviso diventa più piccolo. E, al contempo, più vasto. Raccontato dalla Morte – curiosa, amabile, partecipe, chiacchierona – “Storia di una ladra di libri” è un romanzo sul potere delle parole e sulla capacità dei libri di nutrire lo spirito

..: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

“La ragazza che salvava i libri”, o che dir si voglia “Storia di una ladra di libri”, non è un romanzo per tutti, specialmente non lo consiglierei ad un pubblico di adolescenti.
La protagonista, una giovane tedesca di tredici anni, danza con la morte in ogni pagina di questo libro, descrivendo quella che potrebbe assomigliare ad una danse macabre  ballata sulle parole che la giovane Liesel va via via scoprendo nel corso della storia.
La Morte è coprotagonista e si mostra al lettore in tutta la sua umanità, né uomo né angelo nero: solo un’altra scomoda inquilina, immortale spettatrice del mondo che va a pezzi e viene distrutto dall’avidità di pochi.
La Morte che è al mondo da più tempo di noi, che non fa differenze tra tedeschi ed ebrei, ebrei e russi. La Morte che raccoglie le anime e ci provoca con quel suo parlare che sa di grottesco.
La Morte che parla la nostra lingua, la lingua dei tedeschi, degli ebrei, degli inglesi e dei russi. Che conosce molte parole e sa sempre quali scegliere mentre ci descrive, per l’ennesima volta, il suo ingrato eppure necessario compito.

Come ho già detto la storia non è adatta a dei giovani lettori.
I temi trattati sono forti, crudi, e hanno bisogno di essere assimilati esattamente come quando si impara una nuova parola.
Amore, vita, morte, dolore, distruzione, disperazione, sconfitta, vittoria, giustizia, odio, speranza, parole; ognuno di questi concetti viene analizzato, quasi sviscerato, privato dei fronzoli tanto cari ai romantici per mettere a nudo l’umanità che si cela dietro le parole e i sentimenti che da esse scaturiscono.
Purtroppo il cinema, che ha fatto un discreto adattamento di questo romanzo, ci ha rifilato una storia che si allontana parecchio dall’originale e ci ha illuso che questo fosse uno di quei romanzi che si può dare a cuor leggero ad un giovane lettore, magari condendo il tutto con un “leggilo per compito a casa”.
Questo non è un libro che si può leggere come “compito a casa”, lo si può condividere, leggerlo in classe, ma non ci si può misurare con questa storia disarmati e soli, si rischia di venirne investiti.
Lo consiglio? Decisamente sì e gli do 10/10. L’ho adorato dalla prima all’ultima pagina: descrizioni minuziose senza essere noiose, traduzione perfetta (dettaglio molto importante per un romanzo incentrato sull’importanza delle parole) a cui rimprovero solamente i termini in tedesco (sopratutto le parolacce) e le frasi lasciate in lingua originale.
Lo consiglio ai lettori, che sicuramente troveranno un pezzetto di sé nella voracità di questa giovane e temeraria lettrice, e lo consiglio agli scrittori che si rispecchieranno nella giovane scrittrice che emerge negli ultimi capitoli del libro.
Concludo, cosa abbastanza inusuale, con una citazione che penso riassuma al meglio il romanzo.

*** LA LADRA DI LIBRI : ULTIMA RIGA ***

Ho odiato le parole e le ho amate,
e spero che siano tutte giuste.

*Jo

IL CAVALIERE D’INVERNO

71O+b2OaU8L

IL CAVALIERE D’INVERNO

Autore: Paullina Simons
Casa editrice: BUR
Anno: 2005

. : SINOSSI : .

Leningrado, 1941. In una tranquilla sera d’estate Tatiana e Dasha, sorelle ma soprattutto grandi amiche, si stanno confidando i segreti del cuore, quando alla radio il generale Molotov annuncia che la Germania ha invaso la Russia. Uscita per fare scorta di cibo, Tatiana incontra Alexander, un giovane ufficiale dell’Armata Rossa che parla russo con un lieve accento. Tra loro scatta subito un’attrazione reciproca e irresistibile. Ma è un amore impossibile, che potrebbe distruggerli entrambi. Mentre un implacabile inverno e l’assedio nazista stringono la città in una morsa, riducendola allo stremo, Tatiana e Alexander trarranno la forza per affrontare mille avversità e sacrifici proprio dal legame segreto che li unisce.

. : Il nostro giudizio : .

Il titolo originario ‘The Bronze Horseman’ è un lampante riferimento all’omonima opera dello scrittore russo Puskin, che viene più volte menzionato nel corso del romanzo con continui ed apprezzabili citazioni e riferimenti.
La trama ha un ritmo altalenante, ben accordato con la vicenda storica che le fa da sfondo: a momenti frenetici ed appassionati, seguono pagine di calma apparente in cui il lettore si trascina seguendo stentatamente i passi della protagonista femminile e della sua famiglia.
Guerra, fame, morte, paura e dolore vengono descritti nelle loro note più realistiche e le descrizioni, soprattutto quelle dell’assedio di Leninigrado, riescono a trasmettere un’inquietudine paragonabile solamente a quella che trasmettono le testimonianze di chi la guerra l’ha vissuta e subita sulla sua pelle.
L’autrice, Paullina Simons, si è infatti ispirata alla storia della propria famiglia nella stesura di questa trilogia, di cui “Il cavaliere d’inverno” rappresenta il primo capitolo, e questa influenza emerge vividamente e violentemente nelle scene di maggior pathos che sono costruite su stralci di vissuto e non, come spesso purtroppo accade, su copioni cinematografici triti e ritriti.
I personaggi sono ben costruiti, anche se personalmente ho trovato insopportabile la protagonista femminile che a tratti si rivela un’insopportabile eroina, tuttavia, nel contesto, questo piccolo neo non intacca in maniera eccessiva la validità di questo romanzo che, per le tematiche e le tonalità con cui vengono trattate, ricorda i capolavori di Irène Némirovsky (il cui stile rimane tuttavia ineguagliato).
Uno degli ostacoli maggiori è rappresentato dai nomi poco orecchiabili e, per una lettrice “straniera”, terribilmente simili tra di loro; un problema che purtroppo è comune a molti testi russi o slavi ma che, in fin dei conti, non rappresenta un grande problema considerato il massiccio impiego dei diminutivi che rendono più facile il riconoscimento dei personaggi all’interno di una trama tutt’altro che lineare.

Il romanzo è stato a suo tempo acclamato come capolavoro della letteratura contemporanea, e devo dire che, a parte alcuni nei che ne hanno rallentato la lettura, è un libro che sicuramente merita il successo di cui ha goduto.
Come giudizio mi sento di dargli 8/10: come ho già detto il romanzo è davvero valido e merita di essere letto, tuttavia ho trovato che alcuni capitoli siano stati trattati in maniera un po’ grezza, mezzi al centro del libro come per aumentare il numero (già considerevole) delle pagine e questo ha decisamente influito negativamente sul giudizio complessivo e non mi ha affatto invogliato a continuare con la lettura dei due capitoli successivi.

*Jo