I Viceré

.: SINOSSI :.

I Viceré è il romanzo più celebre di Federico De Roberto, ambientato sullo sfondo delle vicende del risorgimento meridionale, qui narrate attraverso la storia di una nobile famiglia catanese, quella degli Uzeda di Francalanza, discendente da antichi Viceré spagnoli della Sicilia ai tempi di Carlo V.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Memore della brutta esperienza di lettura maturata durante il liceo con I Malavoglia, mi sono accostata a I Viceré con la cautela con cui si approccia una materia nuova ed affascinante ma non del tutto innocua.
Superata la difficoltà iniziale per un italiano sì comprensibile ma ricco di arcaismi che suonano strani se non addirittura buffi ad orecchie e occhi poco avvezzi, il libro mi ha assorbita trascinandomi senza chiedere il permesso di un mondo lontano animato da situazioni e personaggi che colpiscono per la loro modernità o, semplicemente, per quella capacità (che è rivelatrice del vero talento dell’autore) di riempire le pagine non di comparse, ma di archetipi e situazioni che risultano familiari tanto ai lettori dell’epoca quanto a quelli contemporanei.

Chi sono, dunque, questi Viceré? I Viceré siamo noi: mia madre, il mio migliore amico e la mia collega, l’anima gentile che legge queste righe, sono io ed è qualsiasi uomo.
Questa famiglia, gretta e a tratti meschina, sempre in vena di zuffe e baruffe e che sembra campare di liti e dispetti tra parenti non è tanto diversa da molte altre famiglie che, magari per questioni meno prestigiose, trovano sempre un pretesto per creare scompiglio o una ragione per impicciarsi degli affari altrui.
I Viceré siamo noi che, al cambiare di un’epoca, cambiamo casacca ed opinioni salvo poi manifestare, in privato, la fedeltà più cieca a idee considerate dai più superate se non addirittura spregevoli.
I Viceré è una versione, romanzata ed “umana”, de L’origine delle specie di Darwin. Se l’opera darwiniana descrive, in sunto, come nel corso dei secoli la capacità di evolversi e mutare abbia garantito la sopravvivenza di determinate specie a scapito di altre, I Viceré racconta le acrobazie compiute da una famiglia per riuscire, nel corso dei secoli a mantenere invariato il proprio prestigio.

In poco più di 600 pagine, De Roberto trascina il lettore in un carosello di nomi e situazioni in cui, in un primo momento, è quasi impossibile orientarsi (io sono riuscita a comprendere il complicato ricamo di nomi, titoli, epiteti e soprannomi grazie a questo albero genealogico trovato su Wikipedia). Dalla prima all’ultima pagina il testo assomiglia, più che a un romanzo in senso stretto, ad un lungo monologo: una carrellata di istantanee che raccontano le vicende dei diversi personaggi riuscendo, nonostante la moltitudine di vicende e la complessità dell’intreccio, a dare ad ognuno di essi il proprio spazio sicché, quand’anche alcuni sembrino sparire per qualche capitolo, al loro ritorno il lettore non ha dimenticato i loro trascorsi.
Fedele a questa forma da “monologo lungo”, De Roberto non si perde in lunghe descrizioni, a meno che non siano necessarie, e lascia al lettore la libertà di immaginare lo sfarzo dei palazzi e delle stanze in cui si muovono i membri della famiglia Uzeda e il loro famigli.
I personaggi, invece, si possono dividere in due gruppi: coloro che mutano al mutare dei tempi e coloro che, al contrario, restano aggrappati alle loro convinzioni incapaci, o risoluti, a non lasciarsi abbindolare da nuove ed incerte prospettive.
La caratterizzazione dei singoli personaggi prescinde dunque da questa divisione: Consalvo, protagonista dell’ultima parte del romanzo, come lo zio Gaspare, protagonista della seconda parte, sono personaggi camaleontici che riescono a sfruttare i loro privilegi per riuscire ad accattivarsi il favore delle folle al fine di raggiungere il più velocemente possibile i propri obiettivi.
Il tratto distintivo degli altri personaggi è, al contrario, un’ostinazione quasi ammirevole che, tuttavia, il più delle volte sfocia in piccole manie che sembrano suggerire al lettore quanto insano e, alla lunga controproducente, sia l’attaccamento eccessivo a determinate opinioni, valori, etc… .
Una menzione va fatta per Teresina (sorella minore di Consalvo): questo personaggio viene introdotto fin dai primi capitoli e descritto come un’anima docile che sembra vivere e muoversi in punta di piedi per non dare fastidio al prossimo. Questo personaggio, mi ha molto colpito per la sua caratterizzazione che sfiora la non-caratterizzazione. Teresina non ha volontà propria e, le rare volte in cui sembra voler esprimere un proprio desiderio, tace ed accetta con uno stoicismo (quasi invidiabile) le conseguenze delle sue non scelte e delle decisioni che altri prendono sulla sua vita.
In un momento in cui la letteratura propone, come personaggi femminili forti donne, amazzoni pronte ad impugnare le armi e a costruire barricate per proteggere i propri diritti e i propri sogni; De Roberto presenta un personaggio femminile talmente “debole”, quasi insignificante, da risaltare tra gli altri per la propria capacità di conservare, anche in situazioni tutt’altro che facili come il matrimonio combinato e la rinuncia al proprio vero amore, una dignità ed una fermezza che iscrivono a pieni voti Teresina nella lista dei personaggi femminili forti.
Si badi bene che questa iscrizione non vuole essere una critica ad altri personaggi della letteratura (contemporanea e non) né vuole esprimere un giudizio su quelle donne che si battono con le unghie e con i denti per veder riconosciuti i propri diritti. Tuttavia, considerato il periodo storico in cui il libro è stato scritto e presi in considerazione l’atmosfera che permea il romanzo e la caratterizzazione degli altri personaggi femminili (per lo più descritte come arpie disposte a tutto pur di mettere le mani su più potere, più denaro e più prestigio), è stato per me impossibile non soffermarmi un attimo di più a riflettere su questo personaggio.

Il mio voto è 10+/10. Ho amato, letteralmente, tutto di questo romanzo la cui lettura mi ha rapito come non succedeva da tempo al punto che le 600 pagine mi sono sembrate molte di meno e sono scivolate tra le mie dita fin troppo velocemente.
Sicuramente, rispetto ad altri classici, I Viceré può incutere un certo timore e per la lingua e per la lunghezza: il mio consiglio, per chi si volesse cimentare con questa lettura, è di porsi degli obbiettivi giornalieri di lettura in modo che, dividendo il romanzo in tappe (30, 50 o 100 pagine al giorno p.e.), il numero complessivo delle pagine sembri meno spaventoso e si possa comunque fare l’abitudine ad un italiano arcaico senza rischiare di sedersi a tavola con i propri familiari dando del “voi” e dell'”eccellenza” ai propri genitori.

*Jo

P.S. Da ultimo, ma non meno importante, questa lettura mi ha ulteriormente convinta sulla necessità nelle scuole di tarare le letture proposte sulle effettive capacità degli studenti. Sono stati molti i libri che, costretta a leggere durante gli anni delle medie e del liceo, mi hanno portato a rigettare determinati generi ed autori (I Malavoglia sopracitati sono solo un esempio). Fermo restando l’importanza che autori come Verga, Svevo e Pirandello (per citarne alcuni italiani) hanno per nella storia della letteratura italiana, sono sempre più convinta che l’approccio ai loro testi debba essere fatto con una cautela ed una pazienza che spesso manca rispolverando, perché no, quell’esercizio ormai abbandonato (soprattutto alle superiori) della lettura in classe.

Masantonio sezione scomparsi ~ Streaming and Pajamas

.: TRAMA :.
Ogni anno è altissimo il numero di persone che scompare in Italia. E questa è la storia di un uomo incaricato di riportarli a casa, vivi o morti. E il nostro protagonista è il migliore nel ritrovare gli scomparsi, perché è stato uno di loro, anche lui è stato uno scomparso. “Entrare nelle loro vite, provare quello che hanno provato loro e non riuscire più a pensare ad altro.” È così che Elio Masantonio parla del suo lavoro ai colleghi che lavorano con lui ed è qui l’anima del suo personaggio.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Masantonio sezione scomparsi è una serie audace che appassiona, ma non riesce a convincere del tutto. Trasmessa in contemporanea con Euro2020, mossa ardita e forse non tanto strategica, la serie è ambientata a Genova e la scelta di questa location è già di per sé apprezzabile presentando, per una volta, una cornice diversa da quella offerta dalle abusate Roma, Napoli e Milano.
Accusato di essere eccessivamente pesante, Masantonio sezione scomparsi non è un programma per tutti e, episodio dopo episodio, non è difficile indovinare il motivo per cui, a differenza di altri “colleghi televisivi”, il personaggio di Elio Masantonio non riesce ad accattivarsi il favore e la simpatia del pubblico.
Elio è, battute a parte, uno scappato di casa: perennemente in disordine, spettinato e con la barba malfatta; e, caratterialmente parlando, le cose non migliorano. Empatizzare con Elio è difficilissimo, se non addirittura impossibile; i suoi metodi sono rozzi, a volte maleducati, spesso antipatici; ma, se si ha la pazienza di andare oltre alle apparenze, è facile intuire quali siano le ragioni che spingono il protagonista ad agire in un determinato modo.
A fare da spalla ad Elio c’è (Ales)Sandro Riva che, a differenza del partner, è il classico poliziotto da fiction italiana: sempre gentile, empatico e simpatico, garbato e rispettoso delle regole. Un personaggio che, in prima battuta, risulta banale e si lascia tranquillamente sottovalutare salvo poi, puntata dopo puntata, aprirsi al pubblico riuscendo, a tratti, persino ad eclissare la vicenda di Elio.
Tanto Elio quanto Sandro non sono personaggi facili e i loro interpreti, rispettivamente Alessandro Preziosi e Davide Iacopini, sono bravi a tenerne le redini impedendo loro di cadere nel banale e nel prevedibile. La sensazione, guardando alcune scene in particolare, è di non vedere due attori al lavoro (e questo suppongo possa più o meno essere detto per qualsiasi serie tv con attori di un certo calibro), ma di spiare la nascita di un rapporto tra due uomini feriti, a pezzi e consapevoli di aver bisogno l’uno dell’altro per arrivare a capo dei problemi che ogni puntata mette loro davanti.
Se il lavoro sui due protagonisti è davvero encomiabile, quello sugli altri personaggi e sulla sceneggiatura è decisamente più grezzo e non sempre convincente.
La serie vuole porre l’accento sul problema delle persone scomparse (solo nel 2020 sono state presentate più di 13mila denunce per scomparsa in Italia) e, tra scomparse volontarie ed involontarie, gli episodi forniscono punti di vista diversi sulla questione affrontando tematiche delicate che possono risultare indigeste ad un pubblico abituato alla spensieratezza di produzioni come Don Matteo.
L’abbandono di un genitore, la fuga per amore, la vendetta, il desiderio di cambiare vita,…; ognuno di noi ha, nascosto nell’angolo più buio del proprio inconscio, almeno un motivo per desiderare di scomparire o veder scomparire qualcuno e la serie fa proprio leva su questo senza, tuttavia, riuscire a fare quello scatto in più che la affranchi dallo stereotipo.
Nella maggior parte dei casi Elio e Sandro riescono ad arrivare alla soluzione del caso in maniera del tutto aleatoria e, anche riguardando gli episodi, è davvero impossibile capire come il fatto X abbia portato alla conclusione Y e alla fine delle indagini. Personalmente ho trovato questa forzatura fastidiosa tanto quanto alcune ingenuità che, oltre a creare dei buchi di trama più o meno considerevoli, sfiorano tematiche particolari, come l’abbandono di una madre o il razzismo, senza tuttavia offrire punti di vista nuovi o con un approfondimento mai visto in altre produzioni.

Il mio voto per questa serie è di incoraggiamento: 8.
Genova offre delle location nuove e, a meno che non si conoscano a menadito le due città, è praticamente impossibile stabilire quali scene siano state girate nel capoluogo ligure e quali, invece, nella capitale. La colonna sonora composta da Pivio è divertente e riesce ad accordarsi bene tanto con i personaggi quanto con la sceneggiatura accentuando, al bisogno, le sfumature ironiche o tragiche di una determinata scena senza, tuttavia, offuscarla.
I personaggi di Elio e Sandro sono ben caratterizzati, convincono e, in fondo, non è nemmeno così difficile affezionarcisi.
I personaggi secondari, tra cui meritano una menzione il capo della Polizia Attilio del Prà, la nipote di Elio, Tina, e Valeria, la vicina di casa; sono solamente abbozzati e, se alcuni di loro risultano essenziali per lo sviluppo della trama e dei due protagonisti, altri, invece, sembrano un pretesto che occhieggia a quella fetta di pubblico femminile che, innamoratasi di Preziosi quando vestiva i panni del conte Fabrizio (Federico Giovanni Clemente) Ristori di Rivombrosa, continua a sognare l’attore impegnato in una storia d’amore tormentata e tutt’altro che lineare.
Masantonio sezione scomparsi non è una serie tv per tutti: il protagonista non è simpatico, le tematiche possono risultare indigeste,…; ma credo che sia proprio la “non convenzionalità” di Masantonio e del suo partner a rendere questa serie godibile.

*Jo


L’odore assordante del bianco

.: SINOSSI :.

Nella stanza di un manicomio prende vita un dialogo serrato tra Van Gogh e suo fratello Theo, non soltanto un oggettivo grandangolo sulla vicenda umana dell’artista, ma anche un’indagine che ne rivela uno stadio sommerso. 

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Bisogna essere pazzi, con un’intera libreria a disposizione e un inventario di mondi diversi in cui perdersi, per scegliere liberamente di chiudersi per un’ora nel manicomio di Saint Paul dove, come fa notare il protagonista, anche Dio verrebbe rinchiuso e trattato come un imbecille.
L’odore assordante del bianco è la prima opera de Una quadrilogia di Stefano Massini e, con crudeltà e poesia, psicologia e umanità, dipinge istantanee drammatiche dell’esperienza fatta da Vincen Van Gogh nel manicomio di Saint Paul.
Un’opera complessa che si tiene in equilibrio precario tra la prosa e la lezione di psicologia. L’odore assordante del bianco è molte cose in una e, nonostante richiami il colore che è la somma di tutti e di nessuno, mostra al lettore sfumature diverse grottesche, drammatiche e anche poetiche; l’approfondimento psicologico è evidente fin dalla drammatis personae che, invece di presentare i personaggi con i loro trascorsi, li tratteggia attraverso pennellate, macchie di colore che richiamano al temperamento degli stessi.
Il testo è un climax discendente: si ha la sensazione di precipitare e sprofondare trascinati da Vincent nella sua pazzia e nelle sue manie. Che cosa è vero? Che cosa non lo è? A metà del testo ci si sente traditi tanto dall’autore quanto da se stessi e lo stomaco si attorciglia mentre i personaggi aumentano la sensazione di trambusto guaendo e sbraitando. Poi, in zona Cesarini, il cambio di rotta: improvviso ed illogico che lascia addosso al lettore una sensazione di diffidenza difficile da allontanare. Quando, infine, il buio nero cala sull’ultima battuta, è inevitabile fermarsi a riflettere su ciò che si è letto perché, alla fine, L’odore assordante del bianco non parla della pazzia di Vincent, ma sussurra anche alla nostra confortandola e facendola capire compresa in un mondo che, come grida Vincent al fratello, tende a eliminare le mele marce.

Su RaiPlay è disponibile una registrazione del 2019 ed è grazie a questo archivio multimediale che ho scoperto questo testo. La versione portata in scena da Alessandro Maggi, con Alessandro Preziosi nel ruolo di Vincent Van Gogh, presenta alcuni tagli al copione originale, ma riesce ugualmente a centrare il punto.
Prosa e spettacolo non si guardano, ma si lasciano entrare dentro l’anima e vivere in noi. Sul palcoscenico la linea tra reale e immaginato è più sfumata e le voci degli attori hanno il non sempre facile compito di tracciare il labile confine tra ciò che esiste e ciò che non si vede. Sulle pagine, invece, è il cuore a decidere e ad aggrapparsi, come fa il protagonista, alla speranza, purtroppo infondata, che ciò che si ha davanti sia vero e vivo. Il “filo spezzato” ricorda la bacchetta spezzata del mago Prospero ne La tempesta di Shakespeare: come Prospero spezza la bacchetta per avvertire lo spettatore della fine dei suoi incanti, così Vincent racconta del suo filo spezzato ammonendo chi lo ascolta “[…] se scopri – e basta una volta- che la mente ti può ingannare… Be’, allora il filo si spezza, […] quando i tuoi occhi incontrano le cose, dovranno sempre e comunque dubitare.”
Un’opera, già dal titolo, sinestetica che, tuttavia, non stuzzica solo i cinque sensi ma pizzica, senza chiedere il permesso, le corde più profonde dell’anima. Il titolo stesso della raccolta Una quadrilogia (anzi che tetralogia) si spinge oltre al semplice coinvolgimento della vista e cerca, come un quadro, di sfiorare anche gli altri sensi.
Come per una raccolta di poesie, non posso dare un voto a questo testo che ha significato per me più di quanto riesca a rendere a parole. Non è un’opera leggera e tanto la prosa quanto la rappresentazione richiedono concentrazione e voglia di mettersi in discussione. Sono pagine che fanno ridere, incazzare e piangere: dove ogni parola è scelta con la cura con cui un pittore dispone le tinte sulla tavola.
Una lettura non per tutti, ma di un’universalità disarmante.

*Devyani