Soul ~ Streaming and Pajamas

.: TRAMA :.

Joe Gardner, un insegnante di musica delle scuole medie, si sente bloccato nella vita e insoddisfatto del suo lavoro. Sogna una carriera come musicista jazz, che però non va molto a genio a sua madre, Libba. Per caso, il suo ex allievo Curly lo informa di un posto disponibile nella band della leggenda del jazz Dorothea Williams. Joe impressiona Dorothea con il suo modo di suonare il pianoforte e gli viene offerto il lavoro sul posto. Mentre Joe si avvia felicemente per prepararsi per la sua prima vera esibizione quella notte, cade in un tombino. Joe sotto forma di anima si ritrova nell’Altro Mondo. Non volendo morire prima della sua grande occasione, cerca di scappare ma finisce nell’Ante Mondo, dove i consulenti delle anime, tutti di nome Jerry, creano giovani anime per la vita sulla Terra. Joe finge di essere un istruttore che è pronto ad addestrare le anime e gli viene assegnato 22, un’anima cinica che è rimasta nell’Ante Mondo per molti anni e non vede alcun senso nel vivere sulla Terra. 22 rivela di avere un distintivo che si deve riempire se vuole andare sulla Terra e che ha bisogno di trovare la sua “scintilla” per completarlo, dicendo che lo darà a Joe in modo che possa tornare a casa.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Un film di Natale che non è un film di Natale: Soul, di Disney Pixar, alza ulteriormente l’asticella già spostata dal “fratello maggiore” Inside Out regalando agli spettatori un lungometraggio che fa riflettere, ridere, commuovere e pensare.
Quello che alla Disney è sfuggito è stato invece compreso benissimo dalla Pixar, che ha inaugurato una serie di film che, pur avvalendosi dell’animazione e di espedienti grotteschi, piacciono a quel pubblico ormai adulto cresciuto con classici come Il Re Leone, Mulan, Toy Story e tanti altri ancora.
Soul non è un film per bambini, ma è un film che i bambini dovrebbero vedere sopratutto in un momento come questo in cui siamo, nostro malgrado, quotidianamente messi davanti a realtà di morte, malattia e disagi.
Un film aconfessionale che riesce ugualmente a trasmettere un messaggio importante sensibilizzando sul valore della vita, sulla necesittà di vivere fino in fondo ogni momento e di preoccuparsi solamente di lasciare nel mondo un buon ricordo di sé.
Fulcro della vicenda sono Joe Gardner, un professore di musica e aspirante musicista Jazz, e 22, un’anima non ancora incarnata cinica e adorabilmente sagace. Nonostante le premesse non lascino ben sperare sulla possibilità di un lieto fine, la trama si sviluppa in maniera tanto rapida quanto convincente ( in alcune scene sono presenti alcune ingenuità, ma essendo un film “per bambini” è una piccolezza perdonabile): il ritmo è ben scandito e a scene lente susseguono attimi concitati quasi caotici. La psicologia dei personaggi non è particolarmente sviluppata, pur risultando tutti quanti completi e convincenti.
Joe Gardner, il coprotagonista, è un uomo di mezza età un po’ Peter Pan e leggermente egocentrico che insegue i propri sogni e che, nonostante sia un musicista, è sordo e disinteressato alle opinioni e alle esperienze di chi gli sta intorno: non esattamente l’eroe senza macchia e senza paura a cui la Disney ci ha abituato, ma una persona reale e credibile capace di creare immediatamente empatia con lo spettatore.
22, la/il protagonista, è un’anima pigra, cinica, sarcastica e dall’umorismo decisamente pungente: un personaggio che, di primo acchito, ammicca ai bambini con la sua simpatia e i suoi sketch ma che, di fatto, è il vero traino del film. Questo esserino informe è, a mio avviso, il vero protagonista della pellicola (e non solo perché il titolo del film è Soul= Anima): 22 si evolve e con il suo cambiamento innesca azioni e reazioni negli altri personaggi; il suo stupore davanti a cose “banali” come un cielo stellato o una camminata veicolano perfettamente e senza troppi orpelli il messaggio del film e sempre 22 porta sotto i riflettori, per la prima volta nella storia dell’animazione “per bambini”, la delicata tematica dei disturbi causati dall’ansia (uno stato psichico, clinicamente riconosciuto, che porta l’individuo a vivere con estremo disagio anche situazioni quotidiane) riuscendo a vincerla e a controllarla.
La musica è, in questo film forse più che in altri, una protagonista senza volto e accompagna magistralmente ogni scena regalando brani jazz superlativi e molto suggestivi.
Graficamente parlando il film è impeccabile: le location sembrano vere e la cura dei dettagli è minuziosa rendendo tutto ancora più realistico.

Il voto che mi sento di dargli è 10/10.
Ho adorato tutto di questo film e credo che la Pixar abbia fatto due volte centro: la prima con la trama, la seconda decidendo di rilasciarlo proprio in questo momento storico (scorrendo i titoli di coda, a tal proposito, comparirà una scritta che ho trovato davvero molto divertente).

*Jo

Arcadia Book Challenge: 20 libri x il 2020

L’anno nuovo è appena iniziato e, come si suol dire, anno nuovo letture nuove!
Senza ulteriori indugi diamo ufficialmente inizio alla nostra prima Book Challenge 20 libri x il 2020.

Come suggerito dal titolo della nostra challenge, abbiamo preparato una cartolina in cui sono elencate 20 categorie + 1 jolly.
I partecipanti hanno tempo da gennaio 2020 a dicembre 2020 per leggere almeno un titolo per ogni categoria elencata

REGOLAMENTO
Volete partecipare alla nostra challenge? Ecco come e cosa dovete fare:

  1. Mettere “mi piace” alla nostra pagina Facebook e seguirci su Instagram: molte comunicazioni verrano pubblicate e condivise sui nostri canali social;
  2. Iscriversi al nostro gruppo Letture condivise su Facebook: sul gruppo verranno condivisi consigli di lettura, informazioni sull’andamento della gara e anche qualche sorpresa per i lettori più accaniti;
  3. Sulla pagina Facebook e nel nostro gruppo verranno condivisi due album con elencate le 21 categorie, per rendere valida la lettura i concorrenti dovranno commentare la foto (sia quella presente nel gruppo che quella nella pagina Facebook) corrispondente alla categoria indicando il titolo del libro letto e scrivendo un piccolo commento personale accompagnato da un giudizio da 1 a 10.

ATTENZIONE: Ai fini dei conteggi della challenge verranno presi in considerazione SOLO i libri coerenti con le 21 categorie e correttamente segnati (titolo + commento) negli appositi album.

Buone letture!

F.A.Q.

  • Quanti libri devono essere letti per ogni categoria? È sufficiente leggere un libro per categoria, ma nulla vieta di raddoppiare, triplicare o quadruplicare i titoli.
  • Posso far valere una lettura per due categorie differenti (esempio un libro ambientato in un paese che ho visitato e scritto da un autore italiano)? Ogni titolo può corrispondere a una e una sola categoria.
  • Posso inserire più titoli di uno stesso autore in categorie differenti? Titoli differenti di uno stesso autore possono concorrere a patto che rispettino le categorie da noi elencate.
  • Come funziona la categoria jolly? La categoria jolly sostituisce, al bisogno, una categoria per la quale non si è trovato un titolo: per farla valere, occorre commentare la foto dedicata con il titolo jolly.
    Diversamente, viene conteggiata come lettura in più.