La lotteria

.: SINOSSI :.

Il racconto di Shirley Jackson intitolato “La lotteria” ricorda da vicino, per la fama che lo circonda, la famigerata lettura radiofonica della Guerra dei Mondi di Orson Welles. Fama non immeritata, giacché la pubblicazione sul “New Yorker” nel 1949, scatenò un pandemonio. Molti lo presero alla lettera, reagendo all’istante e poi per lungo tempo con missive indignate o atterrite alla redazione. Certe cose non potevano, non dovevano succedere. Eppure la storia si presenta in tutta innocenza quale pura e semplice descrizione della lotteria che si svolge nell’atmosfera pastorale, quasi idilliaca, di un villaggio del New England in un luminoso mattino di giugno, come ogni anno da tempo immemore. Ma giunto al termine di questo racconto, come degli altri che compongono l’intensa silloge qui proposta, il lettore scoprirà da sé, in un crescendo di “brividi sommessi e progressivi” – come diceva Dorothy Parker che cosa li rende dei classici del terrore. Secondo un altro illustre ammiratore della Jackson, oltre che maestro del genere, Stephen King, lo sono perché “finiscono con una svolta che porta dritto in un vicolo buio”.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Ho preso La Lotteria, raccolta di racconti di Shirley Jackson edita Adelphi, a causa della prima frase del racconto che dà, appunto, il titolo alla raccolta. “La mattina del 27 giugno…” recita la prosa, ed era proprio una mattina di un 27 giugno quella in cui ho letto questo incipit.
L’ho preso come un segno del destino, ho comprato il libro e l’ho lasciato sulla libreria fino ad ora quando, finalmente, non ho deciso di leggerlo.

Mi aspettavo altro. La sinossi, leggermente fuorviante, mi aveva convinta che la lettura sarebbe stata inquietante, ansiosa, meravigliosamente ottobrina. In realtà è stata una lettura abbastanza leggera: sì, la prosa ha delle componenti ansiose che spingono il lettore a leggere sempre più freneticamente per comprendere cosa stia accadendo. Sì, l’autrice ha uno stile impeccabile, in grado di creare con pochi aggettivi (per fortuna, anche nelle descrizioni Jackson con abusa mai di questo potentissimo strumento) un clima bizzarro, fastidioso.
Eppure non abbastanza, almeno per me, per farmi emozionare davvero. E’ stata una lettura che è rimasta in superficie, che non mi ha colpita e sarà destinata, purtroppo, a perdersi nella memoria piuttosto che a rimanere. Lo considero un vero dispiacere e per questo spero di tornare su questa raccolta tra qualche anno, con meno aspettative, e poterla apprezzare un po’ di più.
Non è un brutto libro, solo che le aspettative erano altissime: presentato come un libro che ha fatto scalpore tanto quanto “La Guerra dei Mondi”, mi aspettavo qualcosa di terribile che mi avrebbe scosso fin nelle ossa e, ovviamente, quando non è stato così la delusione ha preso il posto dell’eccitazione.

So di essermi approcciata alla raccolta con l’animo sbagliato: la scrittura di Jackson è bellissima, la sua prosa immaginifica e in effetti i racconti scorrono velocissimi uno dietro l’altro. Purtroppo, però, non mi hanno emozionata quanto avrei voluto e, siccome sono una lettrice che ama emozionasi, questo rende il libro un po’ meno bello ai miei occhi.
Il voto finale è un 7.5/10. Un voto nella media, tutto sommato. Consiglio di leggere la raccolta senza altissime aspettative, così da poterla, forse, apprezzare un po’ di più.

*Volpe

Pubblicità