Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali

MISS PEREGRINE – LA CASA DEI RAGAZZI SPECIALI

Autore: Ransom Riggs
Anno: 2011
Casa Editrice: Rizzoli

.: SINOSSI :.

Quali mostri popolano gli incubi del nonno di Jacob, unico sopravvissuto allo sterminio della sua famiglia di ebrei polacchi? Sono la trasfigurazione della ferocia nazista? Oppure sono qualcosa d’altro, e di tuttora presente, in grado di colpire ancora? Quando la tragedia si abbatte sulla sua famiglia, Jacob decide di attraversare l’oceano per scoprire il segreto racchiuso tra le mura della casa in cui, decenni prima, avevano trovato rifugio il nonno Abraham e altri piccoli orfani scampati all’orrore della Seconda guerra mondiale. Soltanto in quelle stanze abbandonate e in rovina, rovistando nei bauli pieni di polvere e dei detriti di vite lontane, Jacob potrà stabilire se i ricordi del nonno, traboccanti di avventure, di magia e di mistero, erano solo invenzioni buone a turbare i suoi sogni notturni. O se, invece, contenevano almeno un granello di verità, come sembra testimoniare la strana collezione di fotografie d’epoca che Abraham custodiva gelosamente. Possibile che i bambini e i ragazzi ritratti in quelle fotografie ingiallite, bizzarre e non di rado inquietanti, fossero davvero, come il nonno sosteneva, speciali, dotati di poteri straordinari, forse pericolosi? Su “Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali”, è basato l’omonimo film, prodotto dalla Twentieth Century Fox, scritto e diretto da Tim Burton.

.: IL NOSTRO GIUDIZIO :.

Ho comprato questo libro sia per curiosità sia per dovere. Sarebbe dovuto essere un regalo per il mio cuginetto e desideravo leggerlo, prima di regalarglielo, presa dallo scrupolo di non dargli da leggere qualcosa di spaventoso.
Sono contenta, però di averlo tenuto.
Il romanzo è molto scorrevole. Parlando dello stile, autore e traduttore hanno saputo rendere semplici concetti complessi e hanno trattato descrizioni spaventose con il dovuto riguardo. Usando la stratagemma della prima persona, che solitamente non apprezzo, hanno reso fruibile questo romanzo anche a ragazzini facilmente impressionabili: certo, ci sono mostri e scene molto cruente, ma sono mediate dalla voce di Jacob, il piccolo protagonista, che riesce a usare una metafora colorita per rendere il tutto meno terrificante.
La storia è piacevole e interessante. Naturalmente, la narrazione contiene gli archetipi del romanzo fantasy e d’azione, conditi con lo stile dello young adult che vede i protagonisti giovanissimi eppure molto maturi e sopratutto preparati.
Interessanti sono le analogie, che forse un ragazzino non riesce a capire proprio appieno, tra i mostri e i nazionalsocialisti così come tra il nonno di Jacob e i cacciatori di nazisti comparsi subito dopo la guerra: in una certa parte, quindi, il romanzo si preoccupa anche di trasmettere la consapevolezza di una storia a noi vicina, sebbene passata.

Mi sento di dare al romanzo un 8/10. Non posso certamente dire che il romanzo che aspettavo da una vita e, sicuramente, ho passato l’età per apprezzarlo a pieno. La lettura è stata comunque molto interessante, e mi sento di consigliare questo romanzo soprattutto ad un pubblico giovane.

*Volpe

Pubblicità