TERZA LICEO 1939

terza

TERZA LICEO 1939

Autore: Marcella Olschki
Editore: Sellerio editore Palermo
Anno di pubblicazione: 1956

.:SINOSSI:.
Gli anni del liceo per alcuni ragazzi sono anche stati gli anni del fascismo. Gli studenti della III Liceo dell’A. S. 1939, non aderirono alla sostanza di una scuola in cui la mancanza di ogni libertà di scelta autonoma inibiva ogni interesse sincero e meditato. E questa estraniazione, nel contesto del totalitarismo, ebbe effetti di libertà.

.:IL NOSTRO GIUDIZIO:.

Un bel libro, davvero, semplice e, nonostante tutto, profondo al punto giusto.
L’autrice ripercorre con gentile tenerezza gli anni della scuola, raccontandoci di episodi che le sono accaduti per davvero destreggiandosi con estrema abilità tra descrizioni di alcuni suoi compagni e professori ed esperienze che hanno segnato più o meno la sua vita.
Il fatto principale, si potrebbe chiamare fattaccio per come viene trattato non solo dall’autrice, al tempo diciottenne, ma anche dalla controparte, avviene dopo la prima metà del libro. Si tratta di uno scherzo fatto al professore più odiato, uno scherzo che lui, fiero nella sua camicia nera di pubblico ufficiale fascista, interpreta come il più spietato degli insulti e porta la ragazza ad un penoso processo che mette in discussione sia il gioco della ragazza sia le sue origini.
Un fatto che oggi diremmo scandaloso, eppure non così impossibile come vorremmo pensare, che ci mostra la cruda realtà di un regime che ama soffocare la libertà anche in piccoli gesti apparentemente innocenti.

Non mi sento di dare il massimo dei voti a questo libro principalmente perché penso che si sarebbe potuto dare più spazio ad argomenti di alto calibro che, al contrario, vengono trattati in certi casi con superficialità. Comunque è solo un problema di visione tra me e l’autrice e il voto finale è 8/10, quindi ampiamente consigliato.
Chi ama la storia e i racconti di vita vera, non può mancare di leggerlo!

*Volpe

Pubblicità