L’UOMO DI NEVE

covers_245891.jpg

L’UOMO DI NEVE

Autore: Jo Nesbø
Casa editrice: Pickwick
Anno: 2007, edizione italiana 2010

.:SINOSSI:.

In una Oslo imbiancata dai primi fiocchi dell’anno, una donna scompare senza lasciare traccia. L’unico indizio per la polizia è un pupazzo di neve, avvolto nella sciarpa della vittima, che sembra scrutare dritto nella sua stanza da letto.
Il commissario Harry Hole, incaricato delle indagini, scoprirà che il caso è legato ad altre sparizioni misteriose avvenute in città negli ultimi vent’anni, dietro alle quali potrebbe celarsi uno spietato serial killer.

.:IL NOSTRO GIUDIZIO:.

In primo luogo, voglio ringraziare la persona che mi ha fatto una testa enorme riguardo questo autore perchè io cominciassi a leggerlo.
L’uomo di Neve è un giallo, come si intuisce chiaramente dalla sinossi, dai tratti macabri e inquietanti che tiene il lettore sulle spine fino all’ultimo capitolo e anche oltre.
Cominciamo dal protagonista: il commissario Harry Hole. Scordatevi tutti quei poliziotti belli e dannati che avete visto alla TV, il commissario Hole non fa parte di quella categoria: non è buono, è egoista, ex alcolista che ha smesso per un amore che non viene neanche più ricambiato, orgoglioso ma gentile e bravo nel suo lavoro; Harry Hole racchiude in se stesso diversi lati dell’animo umano ed è così reale che, alla fine del libro, ci sembra di averlo conosciuto davvero, di averci parlato e di aver lavorato con lui come spettatori per tutte le 500 pagine, ci sembra davvero di esserne amici e la cosa mi ha fatto davvero molto piacere.
L’autore ha l’abilità di saper caratterizzare meravigliosamente chiunque: in meno di mezza pagina si conosce qualsiasi cosa di ogni comparsa del libro ed è una cosa che ho trovato meravigliosa perchè mi ha permesso di capire quelle persone fino in fondo, di affezionarmi a quei personaggi magari nominati una sola volta per poi tornare alle loro normalissime vite.
Nesbø è veramente bravo anche nelle descrizioni, non lascia alcun dubbio al lettore: i movimenti dei personaggi sono precisi e veri e gli ambienti molto realistici, mi è davvero parso di averli davanti agli occhi.
In questo libro si segue un caso al limite della follia, si intuisce poco, si arriva piano piano ai particolari nello stesso identico momento in cui ci arriva Hole e spesso, quando si ha un dubbio, la voce dell’uomo lo esprime pochissime righe dopo. Ci fa provare orgoglio e frustrazione assieme al protagonista e mette nel nostro cuore lo stesso bisogno di risolvere il caso che ha il commissario.

Ho adorato questo libro e per questo mi sento assolutamente di dargli un bel 10/10!
Lo SCONSIGLIO a chi è abituato a letture più fresce e a chi scene forti e un po’ esplicite infastidiscono, mentre lo CONSIGLIO assolutamente agli amanti dei gialli o dei thriller con grande spirito investigativo.

*Volpe

Pubblicità

L’arma di Istruzione di Massa

carro-armato-libri1-570x300

05/3/2015, Buenos Aires.
E’ in questa data che comincia la guerra di Raul Lemesoff.
Deve essere stato strano, per gli abitanti di Buenos Aires, aprire le finestre e trovare a girare per le strade un singolo carro armato.
Passata la più che naturale paura iniziale,  chissà che cosa avranno pensato gli abitanti della capitale argentina scoprendo che le munizioni di quella strana arma erano completamente diverse da quelle che ci si aspetterebbe da un normale carro armato.Erano libri: ben 900 libri utilizzati per riempire le pareti di questo mezzo armato fuori dal comune.

In occasione della giornata mondiale del libro, che si svolge ogni anno il cinque marzo, Raul Lemesoff, un artista dalle idee tanto stravaganti quanto geniali, ha cominciato a distribuire gratuitamente libri a chi non poteva permettersi di comprarli utilizzando un finto carro armato.
Il suo mezzo di trasporto, ricavato da una vecchia Ford Focus color verde militare, è stato così soprannominato “Arma di Istruzione di Massa”.

Il ragionamento che ha portato questo artista a cominciare la sua feroce guerra a colpi di libri è lampante e cristallino:  dove c’è ignoranza, dove manca cultura, la violenza regna sovrana e sovrasta con la sua forza bruta l’amore, l’unità e la speranza.
E’ una vera guerra quella che da un anno a questa parte si sta combattendo strenuamente nella capitale Argentina e il nemico è impalpabile: è una battaglia combattuta contro la stessa guerra.
Raul e la sua Arma di Istruzione di Massa sono diventati un simbolo di speranza e hanno fatto una comparsa anche in uno spot pubblicitario della 7Up, una famosa bevanda gassata, i cui produttori si stanno impegnando a finanziare ed aiutare l’artista

Possiamo solo sperare che la giusta battaglia di quest’uomo non abbia mai una vera e propria fine e, anzi, che altri si uniscano a lui prendendo coscienza di quanto importante sia innalzare con fierezza gli stendardi della pace e della cultura.

*Volpe

lemesoff5

LIEBESTRÄUME – SOGNO D’AMORE

13012607_557589417755917_6949032891646075509_n

LIEBESTRÄUME – SOGNO D’AMORE

Autore: Daniela Iannone
Casa editrice: Albatros
Anno: 2016

.: SINOSSI : .

La fitta coltre di nebbia che impediva di vedere il cielo, a qualsiasi ora del giorno, era davvero insolita. C’era chi lavorava tutto il giorno in miniera e quindi non ci faceva caso, chi scrollava le spalle non curandosene e c’era una vecchina che con le sue carte aveva letto che il colore che l’aria aveva da un mese fosse senza ombra di dubbio un cattivo presagio. Qualcosa di terribile stava per succedere nel castello di Cassano D’Adda, i Tarocchi dicevano sempre la stessa cosa: sangue e dolore. Ma anche se si sapeva a chi sarebbe successo, il corso ineluttabile del destino non si poteva cambiare, non si poteva fare nulla. Nella nebbia si celava la malvagità e l’avidità di un uomo crudele e la commovente storia d’amore senza tempo della contessina Miranda Varriale e del giovane Laerte. Passato e presente si intrecciano, un incubo si trasforma in un sogno d’amore che, nelle dolci note melodiche e romantiche di “Liebesträume” suonato al pianoforte, ci riporta nell’Ottocento anche se si dovrà aspettare oltre centocinquanta anni perché il sogno si realizzi.

. : Il nostro giudizio : .

“Liebesträume”, sogno d’amore, non è solamente un’opera del compositore ungherese Franz Liszt, ma è soprattutto il desiderio che ognuno nasconde nel proprio cuore. Ai più sfortunati questo sogno d’amore viene negato, per altri risulta una corsa ad ostacoli, c’è chi invece ha un percorso già spianato ed infine ci sono loro, gli sciocchi, che non si rendono conto di vivere già il loro sogno d’amore.
Questa storia parla dell’amore degli sfortunati e degli sciocchi.
Due trame si intrecciano collegando, come le radici sotterranee di un albero, vite appartenenti a secoli diversi: Miranda e Laerete, a metà del 1800, Albero e Lavinia, ai giorni nostri, due storie d’amore che non hanno nulla a che spartire ma che possono insegnare tanto a chi ormai è abituato a dare per scontata la presenza del proprio amato accanto a sé.
Lacrime e sangue si mescolano alla pioggia e al vino, la disperazione dell’amore diventa esasperante e alla fine insopportabile rompendo equilibri delicati come quelli tra vita e morte, sogno e realtà.

A Daniela Iannone riconosco il merito di avermi fatto apprezzare un romanzo completamente incentrato su una storia d’amore e non è un merito da poco.
Trama e stile sono lineari, il testo è ben scritto e con descrizioni nitide ma a volte un po’ troppo concise. I cambi di scena repentini fanno assomigliare il testo ad una sceneggiatura ben scritta e questo rende la lettura ancor più scorrevole e “costringe” il lettore a lavorare maggiormente di fantasia.
I protagonisti hanno una psicologia non troppo complessa, ma che riesce a stupire per la loro capacità di reagire agli accadimenti.
Mi sono piaciuti maggiormente i personaggi che si muovono nel quadro ottocentesco, e ai quali è dedicato più spazio, e che mi hanno ricordato vagamente altri due promessi sposi la cui vicenda, oltre ad avere un lieto fine, è annoverata tra i classici italiani.
Ho apprezzato molto personaggi come il parroco, che mi è sembrato un buon compromesso tra i manzoniani Don Abbondio e Fra Cristiforo, così come ho trovato davvero divertenti le scene in cui l’arguzia femminile ha la meglio sulla brutalità maschile dell’antagonista. Antagonista che mi aveva davvero impressionata ma che, unico neo dei personaggi, è stato un po’ troppo estremizzato nella sua cattiveria tanto che anche la sua credibilità è, ad un certo punto, sfumata agli occhi delle sue vittime che non si mostravano più impressionate dalle sue minacce.
Ad ogni modo non mi sento di criticare troppo aspramente l’autrice essendo “Liebesträume – Sogno d’amore” il suo primo romanzo incentrato su una storia d’amore.
Il voto che do a questo romanzo è 9/10 perché, a parte i piccoli nei che ho riscontrato, la lettura è stata davvero piacevole e l’ho divorato in poco più di un giorno.
Consiglio caldamente la lettura di questa storia a tutte le anime romantiche, a chi crede fermamente in quell’amore vero che supera il tempo e perfino il confine tra vita e morte e, infine, a chi non ha paura dei fantasmi.
A chi SCONSIGLIO questo romanzo: se avete paura dei fantasmi, siete particolarmente paranoici o suscettibili verso le storie che parlano di luoghi posseduti e presenze, questo libro NON fa per voi.
Che questo sia o meno il genere di storia che state cercando vi consiglio comunque di comprarlo!
Infatti parte dei proventi ricavati dalle vendite di questo romanzo andranno all’associazione ASAMSI che dal 1985 raccoglie fondi per promuovere studi e ricerche per individuare la terapia più adatta per la cura dell’ Atrofia Muscolare Spinale (SMA) nelle varie forme cliniche. Un’occasione da non perdere! La letteratura che fa (del) bene.

*Jo

I CANI E I LUPI

i cani e i lupi

I CANI E I LUPI

Autore: Irène Némirovsky
Casa editrice: Adelphi
Anno: 1940
.: SINOSSI : .
Le basta vederlo una volta sola, quel bambino ricco, ben vestito, dai riccioli bruni, dai grandi occhi splendenti, che abita nella meravigliosa villa sulla collina e di cui dicono sia un suo lontano cugino, per essere certa che lo amerà per sempre, di un amore assoluto e immedicabile. A Kiev, la famiglia di Ada abita nella città bassa, quella degli ebrei poveri, e suo padre appartiene alla congrega dei maklers, gli intermediari, quegli umili e tenaci individui che si guadagnano da vivere comprando e vendendo di tutto, la seta come il carbone, il tè come le barbabietole. Fra le due città sembra non esserci nessun rapporto, se non il disprezzo degli uni e l’invidia degli altri. Eppure, quando il ragazzine Harry si troverà di fronte la bambina Ada, ne sarà al tempo stesso inorridito e attratto: “come un cagnolino ben nutrito e curato che senta nella foresta l’ululato famelico dei lupi, i suoi fratelli selvaggi”. Molti anni dopo il destino li farà rincontrare a Parigi: e Harry cederà a quella misteriosa attrazione del sangue che Ada esercita su di lui.
. : Il nostro giudizio : .

La storia, devo ammetterlo, non è delle migliori, ma sarà sicuramente apprezzata dagli amanti del romanzo rosa.
L’intera vicenda ruota intorno ad Ada Sinner con cui ci si imbarca in un viaggio attraverso le tre fasi della vita: bambina a Kiev, giovane innamorata a Parigi, ed infine madre in una città indefinita dell’Europa orientale.
Attorno ad Ada, come tanti satelliti, ruotano personaggi che accompagneranno questa giovane ebrea senza mai uscire completamente dalla sua vita: protagonisti e spettri di un’esistenza tormentata dalla passione e dal rimorso.

La scrittura della Nemirovsky è poetica, quasi musicale, le descrizioni sono coinvolgenti e lo stile è elegante e raffinato e ben compensa una trama che, per quanto avvincente, potrebbe essere inserita tra i tanti romanzi rosa della letteratura contemporanea.
Le descrizioni sono perfette e le parole sono scelte con la stessa meticolosità con cui un compositore sceglie le note o un pittore le tinte da abbinare.
Forse il paragone più adatto è proprio quello con il mondo della pittura: se “Suite Francese” ci ha regalato pagine musicali, trame che sembrano le parti di un unica opera musicale; “I cani e i lupi” si propone come un ciclo di quadri che, con pennellate vivide e decise, trasportano il lettore ora a Kiev negli ultimi anni dell’ottocento, ora a Parigi nel corso della Grande Guerra e poi, come a chiudere il cerchio, di nuovo nell’Europa orientale dove si svolge l’epilogo della storia.
Il voto che mi sento di dargli è 9/10, l’unica pecca è la trama che, non essendo io un amante del genere rosa, non mi è piaciuta e che, proprio in virtù di questo, mi spinge a consigliare questo romanzo alle amanti del genere e a quanti vogliono perfezionare il loro stile di scrittura e imparare da una degna insegnante come fare delle belle descrizioni.

*Jo

L’ISOLA DEI MORTI

cover.jpg
L’ISOLA DEI MORTI
Autore: Valerio Massimo Manfredi

Casa editrice: Mondadori

Anno: 2002.: SINOSSI : .

Questa storia prende avvio e ispirazione dal rinvenimento e dallo scavo di due relitti medievali affondati presso l’isola, oggi sommersa in laguna, di San Marco in Boccalama, usata come luogo di sepoltura, se non di discarica, dei morti della peste del 1348. L’autore raccoglie gli elementi documentali di base di questa importante impresa archeologica ma rimescola completamente le carte per far partire un’avventura che subito decolla verso la dimensione dell’intrigo, del mistero e della caccia affannosa a un tesoro scomparso. Non si tratta di monete d’oro e d’argento né di un bottino di guerra dei marinai della Serenissima. Si tratta di un tesoro che nessuna somma di denaro potrebbe mai pagare, un patrimonio dell’anima, l’eredità di una mente superiore.

. : Il nostro giudizio : .

Purtroppo, devo ammettere che questo brevissimo romanzo di Manfredi non mi ha entusiasmato quanto avrei sperato.

Lo stile di Manfredi, solitamente molto chiaro ed estremamente coinvolgente che spinge alla curiosità e all’immedesimazione del lettore, in questo caso è lasciato in sottofondo e a tratti sparisce quasi del tutto regalandoci una bellissima trama scritta in modo troppo frettoloso.

Ci sono alcune situazioni che sembrano infilate in modo quasi casuale all’interno della trama e ci si aspetta che abbiano uno sviluppo che, però, non arriva mai cosa che confonde non poco le idee al lettore.
La geografia di Venezia, tuttavia, è spiegata molto bene e si nota che Manfredi ha una certa dimestichezza con l’archeologia rendendo estremamente realistiche le situazioni ad essa correlata.

Mi sento di dare a questo romanzo un 7/10 perchè, nonostante tutte le sue piccole pecche, arrivata alla fine sono andata a cercare se vi fosse un seguito (forse per ottenere un minimo di soddisfazione personale), pertanto non posso dire che non mi sia piaciuto.
Di certo non rientrerà nella lista dei libri da rileggere o in quella dei miei libri preferiti.

*Volpe

Harry Potter and The Cursed Child, novità importanti per i fan della saga! (SPOILER ALERT)

Il mago più famoso di sempre torna a far parlare di sé o, per meglio dire, è la nuova generazione di maghi e streghe a scatenare il panico tra gli appassionati della saga di Harry Potter.
Per l’estate 2016 è infatti prevista la pubblicazione dell’ottavo capitolo “Harry Potter and the Cursed Child”, “Harry Potter e il bambino maledetto” nella versione italiana edita da Salani.
L’uscita, come già stato detto, è prevista per luglio (Inghilterra) e la fine dell’estate per il Bel Paese, ma distanza di mesi ecco comparire i primi dettagli sulla trama.

L’articolo continua dopo l’immagine e contiene degli SPOILER.

Harry_Potter_and_the_Cursed_Child_Official_Artwork.png

Questo nuovo capitolo sarà incentrato su Albus Severus Potter che avevamo lasciato sul binario 9 3/4 alla vigilia dello smistamento e del suo primo anno ad Hogwarts.
Serpeverde o Grifondoro?
Il giovane Albus viene smistato tra i Serpeverde insieme al figlio di un altro storico membro della casa verde e argento, stiamo parlando proprio di lui: Scorpius Malfoy; che, a dispetto della secolare rivalità tra genitori, diventa il migliore amico del giovane Potter.
Quali avventure si troveranno ad affrontare i due apprendisti maghi?
Sembra che la trama sia incentrata sul rapporto conflittuale tra Albus e il padre e che a complicare le cose compaia una giratempo. Questo secondo dettaglio ha lasciato perplessi i fan che si sono chiesti come sia possibile visto che tutte le collane sono andate distrutte e che Hermione ha restituito la propria alla professoressa McGrannit, vedremo come zia Rowling giustificherà la cosa.
Ma cosa vogliono fare Albus e Scorpius con questa giratempo? Sembra, secondo le prime indiscrezioni, che i due faranno un viaggio nel tempo di qualche anno indietro fino al Torneo Tremaghi nel quale perse la vita, lo ricorderete bene, Cedric Diggory.
I due giovani tenteranno di salvare il fascinoso Tassorosso dal suo destino, ma facendolo causeranno una serie di eventi che sconvolgeranno il presente con conseguenze drammatiche per i protagonisti della vecchia generazione e soprattutto per i Weasley. Come se lo scompiglio non fosse abbastanza, la cicatrice di Harry tornerà a fargli male causandogli sogni e flashback che riveleranno informazioni molto importanti sul suo passato.
Quanto siete impazienti da 0 a 10 di leggere questo nuovo capitolo?

*Jo

Great (Wo)men #3: Minosse

Eccoci tornati con il terzo episodio della serie Great (Wo)men in collaborazione con il canale YouTube La Storica.

Sicuramente tutti voi avrete, almeno una volta nella vita, letto o sentito raccontare il mito di Teseo e il Minotauro.
In questo stesso mito avrete avuto il vostro primo incontro con il leggendario re cretese Minosse.

Minosse, il cui nome deriverebbe dal greco minos ossia “Re”, era figlio di Zeus e di Europa 36eec8d6f28a81e6.jpgadottato da Arestione che fu re di Creta prima di lui.
Si narra che per dimostrare che la successione al trono spettasse proprio a lui, Minosse fece costruire un grande tempio a Poseidone sul mare e invocò il dio affinchè facesse uscire dal mare un toro che poi sarebbe stato sacrificato in suo onore. Ebbene, Poseidone acconsetì, ma il toro che fece uscire dal mare fu talmente bello che Minosse non volle sacrificarlo.
Dovete sapere che gli dei dell’Olimpo erano estremamente irascibili e vendicativi, pertanto Poseidone fece innamorare la moglie di Minosse del toro e da quella strana unione nacque il temibile minotauro.
Se questa prima parte di leggenda è meno conosciuta, quella che segue è sicuramente più famosa.
Spaventato dalla ferocia del figliastro, il re incaricò Dedalo, famoso architetto e padre dello sfortunatissimo Icaro, di costruire un labirinto da cui la bestia non sarebbe mai potuta uscire.

Il regno di Minosse fu caratterizzato da diversi scontri e pare che il re fosse tanto abile da ruiscire a porre il suo giogo attorno al capo di molte popolazioni tra le quali annoveriamo anche quella di Atene.
Dall’anno della conquista in poi, pare che gli ateniesi dovessero offrire ogni anno come tributo 7 fanciulli e 7 fanciulle che sarebbero poi stati dati in pasto al minotauro all’interno del labirinto.
Questi sacrifici cessarono solo con Teseo che con l’aiuto della figlia di Minosse, Arianna, riuscì a uccidere il mostruoso figlio del re. Non è difficile immaginare che questa parte di mito abbia ispirato Susanne Collins, autrice della saga Hunger Games, che nei suoi famosissimi romanzi descrive come i distretti di Panem debbano offrire in trubuto 12 fanciulle e 12 fanciulli per partecipare a dei giochi mortali. I numeri sono un po’ diversi e la storia sicuramente dissimile, ma la sostanza resta quella del vecchio mito greco.

Come sappiamo bene, dietro ogni mito c’è un fondo di verità: la storia di Minosse, il Minotauro e Teseo non è altro che la descrizione del periodo in cui Creta aveva supremazia sul mare Egeo e della ribellione dei popoli greci unita allo scardinamento della società minoica che portava con sé l’usanza dei sacrifici umani.

13335392_10209487333484557_1092100852_nMagari meno conosciuta è la presenza di Minosse nell’inferno dantesco.
Nonostante la spinosa questione del labirinto, Minosse fu ritenuto un re giusto e saggio e, proprio per quest motivo, Dante Alighieri lo mette a guardia  dell’entrata del II cerchio infernale in qualità di giudice delle anime dei dannati.
Si sarebbe probabilmente trovato davanti al primo cerchio, se non fosse che si tratta del limbo e che quelle anime non hanno peccati da confessare ma si trovano in quel luogo solo perchè non hanno potuto assistere alla venuta di Cristo.

« Stavvi Minòs orribilmente, e ringhia:
essamina le colpe ne l’intrata;
giudica e manda secondo ch’avvinghia.

Dico che quando l’anima mal nata
li vien dinanzi, tutta si confessa;
e quel conoscitor de le peccata

vede qual loco d’inferno è da essa;
cignesi con la coda tante volte
quantunque gradi vuol che giù sia messa. »

(Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno, V,4-12)

Il compito di Minosse, nell’inferno descritto da Dante, è ascltare i peccati delle anime in fila di fronte a lui ed emettere una sentenza. E’ lui a scegliere in quale cerchio i dannati saranno puniti per l’eternità e per dare  voce alla propria volontà arrotola attorno alle proprie gambe la coda di serpente tante volte quanto il numero del cerchio nel quale i peccatori finiranno.l.php.jpg

Che Minosse sia esistito o meno è totalmente ininfluente: l’importanza storica del re cretese deriva dal fatto che il suo mito è stato in grado di influenzare sia autori antichi sia autori contemporanei in egual misura e, soprattutto, il fatto che abbia portato fino a noi la descrizione di un’epoca storica, ossia quella della dominazone cretese su atene, che non avremmo potuto conoscere facilmente in altro modo.

*Volpe

—————————————————————————

Fonti:
Divina Commedia, Dante Alighieri, Primo volume a cura di Natalino Sapegno, “La nuova Italia” Editrice Firenze, Torino 1955;
http://www.storiafacile.net/cretesi/minosse_minotauro.htm

“OLIMPO: GIOIE E DISAGI”, CONVERSAZIONE CON FEDINI

13335423_254928794871161_1831800646_nQuest’oggi, abbiamo deciso di intervistare Federico Bauzon, in arte Fedini, ideatore e disegnatore della serie di fumetti pubblicata sulla pagina facebook “Olimpo: gioie e disagi”.

I suoi disegni e le sue storie divertenti, ironiche e, in certi casi, a sfondo un po’ osé hanno conquistato il cuore di migliaia di lettori e aspiranti fumettisti che vedono in questo ragazzo un modello da imitare.

Ma conosciamo meglio questo simpatico ed ignegnoso ragazzo.

– Per cominciare, volevo ringraziarti per aver deciso di dedicarci del tempo e rispondere ad alcune delle nostre domande. La mia prima curiosità riguarda la tua principale fonte di ispirazione: cosa ti ha portata a cominciare a scrivere e disegnare gli dei dell’antica Grecia in chiave così ironica, divertente e originale?
Fin da piccolo mi sono trovato “immerso” nella mitologia greca: mio padre mi raccontava l’Iliade, l’Odissea e altri racconti mitologici perciò questo è un tema che mi accompagna da tutta la vita; un tema che a un certo punto, oserei dire quasi naturalmente, si è unito alla mia più grande passione, il disegno. Ho iniziato parecchio tempo fa a dare la mia interpretazione dei personaggi dell’Olimpo, li ho studiati più nel dettaglio leggendo quanto più possibile sul loro carattere e le loro imprese, e poi ho semplicemente cominciato a farli interagire fra loro, per divertimento.

– Visto che hai cominciato un po’ per gioco, ti aspettavi che questo tuo divertimento avrebbe avuto tanto successo? Pensi sia dovuto a qualcosa in particolare?
Confesso che non mi sarei mai aspettato un simile successo, è stata una piacevolissima sorpresa! Sono del parere che questo progetto a tema mitologico piaccia perché esplora diverse sfere emotive, dalle strisce ironiche e leggere ai racconti più seri e, ovviamente, perché tratta di mitologia greca, un tema che a noi mediterranei è tanto caro e “familiare”, anche se non sempre ce ne rendiamo conto. E poi ci sono i personaggi: secondo me sono loro il vero “motore” di tutto il progetto, più che le storie di per sé.

– Sono assolutamente daccordo, pertanto ora ci tocca una domanda proprio su di loro: c’è un personaggio che ti sta particolarmente a cuore e che ami disegnare più degli altri? Quale invece ha fatto più “colpo” sui tuoi lettori?
Il mio preferito è Ares… oltre a divertirmi un mondo a bistrattarlo è un ottimo esercizio di anatomia, con tutti quei muscoli da disegnare! Credo che ogni lettore parteggi per l’uno o l’altro dio… anche se credo che il preferito di tutti sia Dioniso…

– Chissà come mai.
Sbirciando qua e là sono venuta a conoscenza che hai collaborato alla realizzazione di un volume cartaceo per una casa editrice, ovviamente la domanda sorge spontanea: ci sarà nai qualcosa di pienamente tuo in cartaceo?
Assolutamente sì! sto lavorando duramente ad una raccolta di strisce per un cartaceo. tuttavia non so ancora se vorrò pubblicarlo tramite casa editrice, pur avendo ricevuto delle offerte, o se opterò per l’autoproduzione (opzione che lascia completa libertà nei contenuti).

– Le ultime domande: cosa consiglieresti a chi vuole cominciare a scrivere e disegnare fumetti propri? Che incoraggiamenti hai avuto tu?
l’unico incoraggiamento che ho avuto è stato l’apprezzamento e la partecipazione dei lettori! non avrei mai pensato seriamente di fare fumetto prima di ora… è nato tutto così spontaneamente che non saprei nemmeno cosa consigliare, se non di amare, e soprattutto credere nel proprio progetto… se ci si immerge in quel mondo e si conoscono i personaggi in maniera approfondita le idee vengono fuori da sé.

– C’è un disegno o una storyline cui sei particolarmente affezionato?
Le strisce a cui mi affeziono di più sono quelle per cui vedo già una continuazione, una situazione parallela o l’entrata in scena di un nuovo personaggio… ma non posso sceglierne una, in qualche modo tutte mi trasmettono qualcosa, mentre le disegno… le amo tutte!

– Bene, ti ringraziamo davvero per aver risposto alle nostre domande e ti auguriamo tanta fortuna!
Grazie! Anche io a voi!

 

*Volpe

13335293_254935371537170_1625264824_n

PROMETTIMI CHE CI SARAI

5209257_281448.jpg
PROMETTIMI CHE CI SARAI
Autore: Carol Rifka Brunt
Casa editrice: Piemme
Anno: 2014.

. : SINOSSI : .

Quando hai quattordici anni, il tuo cuore è un luogo oscuro, un labirinto di sentimenti che non sai decifrare. Timida, goffa e sognatrice, June è a disagio tra i coetanei. Preferisce rifugiarsi nel bosco dietro la scuola, con ampie gonne e strambi stivali, fingendo di essere stata catapultata a New York dal Medioevo, l’epoca in cui sarebbe potuta diventare un falconiere. Sarebbe bello riuscire a richiamare a sé, proprio come creature alate, le persone che non ci sono più. Come lo zio Finn: grande pittore e migliore amico di June, l’unico in grado di capirla, strappato troppo presto alla vita da una malattia di cui in famiglia è proibito parlare. Un giorno, June riceve un pacco misterioso. All’interno c’è la teiera preferita di Finn, accompagnata da una lettera firmata da un certo Toby: l’uomo che nessuno, al funerale dello zio, ha osato avvicinare. E che ora chiede proprio a lei di incontrarlo in segreto. June dovrà fare i conti con la paura e la gelosia prima di accettare il fatto di non essere stata l’unica persona speciale nella vita dello zio. E prima di aprirsi a un’amicizia che potrebbe aiutare sia lei che Toby a colmare quel grande vuoto. Dopotutto, era quello che avrebbe voluto Finn: fare incontrare le persone che più aveva amato, unirle come in un’unica cornice affinché si prendessero cura l’una dell’altra. Ecco il suo ultimo desiderio, ecco il suo più grande capolavoro.

. : Il nostro giudizio : .

E’ un romanzo che parla di malattia, di rancori che dormono come piante di un sottobosco, di viaggi nel tempo e di quell’amore di cui è proibito parlare ad alta voce, ma che deve essere raccontato a bassa voce come un segreto.
Erano anni che non piangevo sulle pagine di un libro e sono contenta di aver trovato un romanzo che mi abbia fatto vibrare fin dentro alle ossa, coinvolgendomi visceralmente e dandomi un motivo per piangere, anche in pubblico, senza provare vergogna.
Come ho già detto è un romanzo che parla di malattia, la piaga dell’AIDS che come un parassita corrode fino a stroncare la propria vittima, di vergogne e rancori che come spettri si aggirano tra i vivi e come lupi fanno sentire in lontananza la loro presenza e di un amore che racconta con delicatezza e sensibilità le vicende amorose di una coppia omosessuale marchiata dalla società e dalla malattia.
Nessuna propaganda né lamentosa apologia dell’omosessualità, nessun monologo che trasuda di vittimismo.
“Finché morte non ci divida” non è una clausola nel contratto matrimoniale, ma la promessa di fedeltà che qualsiasi coppia di amanti si scambia quando due vite si fondono in una.
Un libro che merita di essere letto, sottolineato e diffuso; un romanzo che consiglio vivamente e che avrei voluto aver letto molto prima di adesso.
Una storia che parla a lettori di qualsiasi orientamento e che ci racconta l’amore fedele fino alla fine ed anche oltre.

Ovviamente il voto non può che essere 10/10, la versione rigida costicchia, ma fortunatamente è già disponibile la versione economica che costa un po’ meno.
*Jo